Mentre i carri armati russi si spostano verso l’Ucraina, il globo si prepara alla possibilità che la terza guerra mondiale possa presto scoppiare

di Michael Snyder (*)

A quest’ora, più forze militari russe sono ammassate vicino ai confini dell’Ucraina di quante ne abbiamo mai viste prima. I leader militari occidentali affermano di essere preoccupati che i movimenti di truppe a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni possano portare a un’invasione, e se un’invasione si verificherà, metterà a dura prova la determinazione dell’amministrazione Biden, dei leader dell’UE e dei vertici della NATO. In particolare, i falchi dell’amministrazione Biden quasi certamente non sarebbero disposti a sedersi e lasciare che i russi conquistassero tutta l’Ucraina. Probabilmente ci sarebbe una risposta importante da parte degli Stati Uniti e ciò potrebbe innescare una reazione a catena che alla fine potrebbe innescare la terza guerra mondiale.

Allora, cosa ha spinto i russi a spostare improvvisamente una massiccia forza di invasione verso l’Ucraina?

Bene, si scopre che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha sostanzialmente firmato una dichiarazione di guerra contro la Russia il 24 marzo. Il documento che ha firmato è noto come decreto n. 117/2021 e non si leggerà nulla sui media aziendali.

Ho dovuto davvero scavare per trovare il decreto n. 117/2021, ma alla fine l’ ho trovato . Ho preso molti dei paragrafi all’inizio del documento e li ho esaminati tramite Google translate …Vedi: https://www.globalresearch.ca/russian-tanks-move-toward-ukraine-globe-braces-possibility-world-war-3-could-soon-erupt/5741715

Fondamentalmente, questo decreto fa sì che la politica ufficiale del governo ucraino riprenda la Crimea dalla Russia.

Ovviamente i russi non consegneranno mai volontariamente la Crimea perché la considerano territorio russo, e quindi l’Ucraina dovrebbe prenderla con la forza.

Questa è essenzialmente una dichiarazione di guerra contro la Russia, e Zelenskyj non avrebbe mai firmato un documento del genere senza l’approvazione dell’amministrazione Biden.

Dopo la firma del decreto n. 117/2021, abbiamo iniziato a vedere le forze russe riversarsi in Crimea e nelle aree tenute dai separatisti dell’Ucraina orientale a un ritmo impressionante.

Fore russe in Crimea

I russi stanno prendendo molto sul serio la dichiarazione di guerra di Zelenskyj, ma i media corporativi nel mondo occidentale accusano l ‘”aggressione russa” dell’aumento delle tensioni nella regione.

Ma la verità è che i russi non avrebbero mai fatto nessuna di queste mosse se i guerrafondai dell’amministrazione Biden non avessero dato a Zelensky il via libera per firmare il decreto n. 117/2021.

E ciò che la maggior parte delle persone nel mondo occidentale non sa è che i combattimenti sono già iniziati in Ucraina. Il cessate il fuoco concordato nel luglio 2020 è stato violato centinaia di volte nell’ultima settimana …

La Missione speciale di monitoraggio civile dell’OSCE in Ucraina ha segnalato centinaia di violazioni del cessate il fuoco negli ultimi giorni. Il 26 marzo, quattro soldati ucraini sono stati uccisi e altri due feriti nella parte orientale del Paese.

L’esercito ucraino ha detto che i suoi soldati sono stati colpiti da un attacco di mortaio che ha attribuito alle truppe russe. La Russia nega di avere una presenza militare nell’Ucraina orientale, dove sostiene le forze separatiste.

A questo punto, il cessate il fuoco di luglio 2020 è completamente morto.

In risposta ai nuovi combattimenti, il Comando europeo degli Stati Uniti “ha elevato il suo stato di allerta al livello più alto” …

Il comando europeo degli Stati Uniti ha innalzato il suo stato di allerta al livello più alto dopo la ripresa dei combattimenti tra separatisti sostenuti dalla Russia e soldati ucraini nella regione di Donetsk nell’Ucraina orientale, segnando la fine del cessate il fuoco del giugno 2020 e le forze russe hanno iniziato a costruire attrezzature militari lungo il confine.

E abbiamo appena appreso che mercoledì il presidente dei capi congiunti ha effettivamente avuto una telefonata con la sua controparte in Russia per affrontare l’escalation della situazione …

In una dichiarazione su Facebook mercoledì, il ministero della Difesa russo ha affermato che, su iniziativa degli Stati Uniti, il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, Mark Milley, ha avuto una conversazione telefonica con la sua controparte. “Sono state discusse questioni di reciproco interesse”, afferma la dichiarazione.

Nei giorni a venire, i media corporativi nel mondo occidentale continueranno a parlare di “aggressione russa”, ei russi continueranno a incolpare Zelensky e l’amministrazione Biden per l’aumento delle tensioni nella regione.

Alla fine, potremmo passare innumerevoli ore a discutere chi ha ragione e chi ha torto.

Ma ciò che conta davvero è impedire che tutto questo degeneri in un conflitto globale. Perché se qualcuno fa qualcosa di veramente stupido e i russi sentono il bisogno di inviare la loro forza d’invasione in Ucraina, non ci sarà mai più ritorno.

Soldati russi in Crimea

Ho avvertito di un futuro conflitto tra gli Stati Uniti e la Russia per molto tempo e non siamo mai stati più vicini di quanto siamo adesso.

Con Trump alla Casa Bianca, le relazioni con la Russia erano relativamente stabili, ma ora Joe Biden è al comando.

Biden è una testa calda che mostra segni di declino cognitivo avanzato ed è circondato da una squadra di guerrafondai determinati a mettere al suo posto il presidente russo Vladimir Putin.

I detenuti gestiscono il manicomio e non ci vorrà affatto un errore perché le cose vadano orribilmente, orribilmente storte.

*Michael Snyder ha pubblicato migliaia di articoli su The Economic Collapse Blog , End Of The American Dream e The Most Important News , che vengono ripubblicati su dozzine di altri importanti siti web in tutto il mondo.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus