Mentire sulla Russia: propaganda e menzogne

Sicuro che premieranno i giornalisti che dimostrano maggiore russofobia con i Pulitzer per questo, non è vero?
Ormai è chiaro a quasi tutti che il disastro politico tra Occidente e Oriente a cui stiamo assistendo riguarda tanto le personalità e gli ideali distorti quanto le dure verità, la realtà o qualsiasi cosa quantificabile. Il mondo occidentale è un ottovolante rotto di psicopatici geopolitici pagati o convertiti. Ecco alcune delle ultime agitazioni dal manicomio di Washington, con i miei commenti.

Radio Free Europe/Radio Liberty (riconosciuta nella Federazione Russa come agente mediatico straniero). Se ascolti o leggi al contrario, senti le inquietanti voci fantasma degli odiatori russi come il vecchio Zbigniew Brzezinski e talvolta il caro defunto ex senatore dell’Arizona John McCain. Consumatore a velocità media e con rivoluzioni in senso orario, è probabile che tu scelga Anne Applebaum, la supereroina del think tank di Washington vincitrice del Premio Pulitzer, sposata con l’ex ministro della Difesa polacco. I suoi recenti sforzi provengono da un’intervista con il Georgia Service di RFE/RL intitolata “Anne Applebaum: Putin sta davvero distruggendo la Russia moderna”.

Tuttavia, non fornisce alcuna argomentazione su come Putin stia distruggendo la nuova Russia che ha costruito più o meno da solo. Il suo tema è che i vili oligarchi russi volevano che la guerra in Ucraina rubasse fabbriche e altri beni per loro stessi. Sì, hai letto bene. L’intera intervista è una sessione di domande e risposte giovanile con sfaccettature di titoli recenti intrecciati. Ecco come immagina che verrà risolto il pasticcio dell’Ucraina:

“Ma, sapete, la posizione ucraina è che l’Ucraina ha solo una serie di confini, che sono i confini internazionali concordati nel 1991. Pertanto, i russi dovranno andarsene, e dovremo scoprire che forse ci devono essere un modo per fare ammenda o rimediare al danno che hanno causato.

L’hai conpreso? “Dovremo trovare” come il popolo russo potrà pagare per la distruzione di una fortezza NATO/nazista a 200 miglia da Mosca. La donna o è un’idiota o una remora ripagata della minaccia gestita dai Neoconservatori che l’America è diventata. È stata una delle prime a giurare che Saddam Hussein possedesse armi di distruzione di massa. Suo marito, anche lui membro del Parlamento europeo, si recò in Afghanistan a metà degli anni ’80 “per scrivere della guerra che i mujaheddin stavano conducendo contro l’Unione Sovietica”. Ma basta con gli impegni della famiglia polacca nell’odiare i russi.

Nanipolazione dei media

Successivamente, passiamo a The Telegraph e all’analisi priva di senso, divertente e, in definitiva, ipocrita di Lisa Haseldine. Questo giovane reporter, alla ricerca del tram, diretto a un Pulitzer, dice: “Putin sta allevando una nuova generazione di militanti”. Dice anche che quest’anno verranno pubblicati nuovi libri scolastici che insegneranno agli studenti come maneggiare Kalashnikov, granate e droni. L’autore utilizza addirittura il termine “mentalità sciovinista” per descrivere la “nuova” tecnica russa di lavaggio del cervello.
La cosa divertente è che i russi sono sempre stati sbandieratori, e così anche gli americani il 4 luglio. Ha scoperto una versione russa dei Boy Scouts of America? Haseldine, assistente redattore online di The Spectator, è la rivista politica più antica (a malapena) sopravvissuta al mondo. E la sua visione della Russia è più o meno la stessa di quando Nicola II fu fucilato con la sua famiglia a Ekaterinburg.

Attraversando il Grande Stagno, Yaroslav Trofimov, quasi vincitore del Pulitzer del Wall Street Journal, di origine ucraina, scrive che la deposizione di Vladimir Putin è l’unico modo per raggiungere la pace tra Occidente e Oriente! Oh, è vero, questo è più o meno ciò che dicono anche la Casa Bianca, il Senato degli Stati Uniti, Whitehall e il maledetto Re Carlo. Allora, perché gli americani hanno bisogno di leggere ripetutamente il WSJ per imparare la stessa cosa?
Con questo mi chiedo perché mi prendo la briga di ribattere la propaganda dei media occidentali contro Putin e i russi. Sembra necessario ricordare a me stesso e ai miei lettori come sono diventati svenduti e ipocriti gli accademici, i politici e giornalisti nel mondo occidentale..

L’altro giorno, durante una telefonata, la Reuters racconta di Vladimir Putin e del suo omologo iraniano Ebrahim Raisi che discutevano della possibile futura adesione dell’Iran al gruppo BRICS. Il trafiletto della Reuters è composto solo da due o tre frasi, ma ci dice che i servizi di informazione conoscono altre storie; si rifiutano di pubblicare qualsiasi cosa si avvicini alla realtà. Ad esempio, da nessuna parte nella stampa occidentale troverete il livello dei piani della Russia di creare filiali delle migliori università russe in Africa.

E infine, Lisa Haseldine ha scritto un pezzo fuorviante ed errato sull’ultimo programma scolastico. Non ha nulla a che fare con l’attuale “denazificazione” dell’Ucraina, ma è invece il ritorno all’addestramento militare primario nelle scuole, che era atteso da tempo. Nelle società occidentali, è difficile comprendere l’orgoglio e la tradizione che i russi provano nell’adempiere al loro dovere civico, genitoriale e intrinseco di prepararsi a proteggere le loro famiglie e il loro Paese. Ho appena parlato con un amico nella regione di Kherson che ha familiarità con l’argomento e mi assicura che i ragazzi russi assemblano e smontano fucili da molto tempo.

Lo stesso vale in America, nel Sud, da dove provengo. Solo ora, la cultura WOKE è decisa a distruggere qualsiasi cosa nella nostra eredità che sia maschile o pugile. Il fatto è che, se mai ciò accadesse in Russia, non esisterebbe più una Russia. Vi lascio con una citazione autentica di un uomo valoroso in Russia. So che l’editore di The Spectator non capirà né indagherà mai sulla vera Russia, ma ecco la citazione di un amico che manderà i suoi figli alle scuole di Kherson il mese prossimo.

Ogni famiglia ha i suoi eroi e coloro che morirono nella Grande Guerra Patriottica; questa memoria non può essere tradita affinché una simile guerra non si ripeta. L’Occidente vuole apertamente la distruzione della mia Patria e, sin dai tempi di Gorbaciov, ha fatto di tutto per cancellare questa memoria, ma invano. Stiamo parlando della rinascita della Russia e del ritorno alle sue radici”.

Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” (fonte). .

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “Mentire sulla Russia: propaganda e menzogne

  1. Danni di guerra dite? In effetti non si capisce come gli Stati Uniti e la NATO l’ abbiano fatta franca fino ad adesso. Oltre ai milioni di morti, solo a contare i danni a partire dalla Serbia ed Iraq ad oggi e le 4 famiglie neocon che dirigono il mondo dovrebbero essere sequestrate di tutti i loro beni materiali e mandati in qualche gulag a romper pietre. Da Clinton in poi coi loro lacchè…FORZA RUSSIA!

  2. Vorrei ricordare anche un altra cosa fatta dai ladroni NATO oltre ai morti vittime di bombardamenti nelle primavere arabe. 200 miliardi era il tesoretto della Libia di Gheddafi. Titoli nominativi, azioni e obbligazioni…Dove sono finiti? Si può fare qualche domanda a Stoltemberg?…oppure a Draghi? Scommetto che sono finiti nelle tasche private dei soliti LADRONI noti…

  3. La propaganda capillare , onnipresente, asfissiante e costosissima è forse l’arma più pericolosa che hanno i criminali anglosassoni. Questi sono i peggiori nemici di noi europei e se non lo capiamo, finiamo malissimo

  4. Basta !
    ” contro i fatti non ci sono argomenti ”
    I Fatti parlano
    di un comune appartenenza etnico-religiosa dei principali protagonisti, tra l’altro,di questa ( e altre guerre.., )
    Applebaum…Soros, Zelenski,Nuland,Kagan,Blinken,Sullivan,Kissinger,Zebrinsky, Kolomoisky,Mayorkas,Yellen….BlackRock ( Terza Potenza Finanziaria al mondo…altro che sovranita’ nazionale…) che gestira’ la Ultra miliardari ricostruzione dell ‘ Ucraina..etc…etc
    La famelica smania di ricchezza e Potere di questa Elite (…minoranza di un popolo)ci sta’ portando sull ‘ orlo del baratro di una catastrofe nucleare : Basta !

  5. Ottimo articolo, ma mi permetto una precisazione: l’occidente ha tentato di distruggere la Russia-URSS, e oggi di nuovo Russia, ben prima di Gorbaciov !
    Il primo grande tentativo fu quello Napoleonico quando la Grand Armeè, il più imponente esercito mai visto nel corso della storia, arrivò fino a Mosca, con gli inglesi che si fregavano le mani, ma finì distrutto.
    Il secondo grande tentativo di distruggere la Russia-URSS fu quello hitleriano-mussoliniano, che fecero da manovalanza per chi tirava i fili dietro le quinte, cioè i soliti anglo americani, e finì ugualmente malissimo anche se a costo di enormi distruzioni e decine di milioni di morti.
    Ora dal secondo dopoguerra, è in corso il terzo grande tentativo della finanza occidentale di distruggere la Russia ed i suoi alleati. Questo tentativo non inizia oggi con l’Ucraina. Iniziò con le 2 atomiche sul Giappone, poi la guerra di Corea, ricordiamo che la Corea del Sud è ancor oggi occupata dagli Usa, poi le guerre in Vietnam, Cambogia, Serbia, Afghanistan, Iraq, Libia, Yemen, Siria, ecc. e oggi Ucraina.
    Anche questa volta l’esito è scontato. Purtroppo le sofferenze per i popoli saranno ancor maggiori che in passato, ma oltre la sconfitta militare questa volta l’occidente sta subendo un tale ridimensionamento che in futuro non potrà provarci mai più !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM