Mentire è il loro affare: la propaganda statunitense contro la Cina – The Steve Bannon Connection

di Christopher Black

La rete oscura della propaganda americana è composta da molte sfaccettature, alcune delle quali agenzie di propaganda governative ufficiali, così come i media privati ​​controllati da persone con lo stesso pensiero o dall’influenza diretta delle agenzie di intelligence.

Alla fine di gennaio 2021, il think tank della NATO, The Atlantic Council, ha pubblicato un documento intitolato “The Longer Telegram”, che definisce una strategia proposta per gli Stati Uniti per raggiungere il dominio del mondo, una strategia che si concentra sulla Cina come principale ostacolo al quel dominio, con la Russia ora considerata un “irritante”. È la fantasia dei megalomani che siedono in stanze buie sognando il potere mondiale e raggiungendolo con ogni mezzo necessario, compresa la guerra mondiale.

È in sostanza un documento di propaganda progettato non solo per proclamare una nuova guerra mondiale, la guerra americana contro la Cina, ma per cercare di giustificare questa guerra. Descrive una Cina che non esiste se non nelle fantasie di questi ideologi di destra. Gli insulti sparpagliano ogni pagina; contro il presidente Xi, contro il partito comunista, contro la cultura e le conquiste cinesi. Il suo scopo secondario, ovviamente, è cercare di creare disordini e divisioni all’interno della Cina, indebolirla, abbattere il socialismo, abbattere la Cina perché afferma di sapere cose, di rivelare cose. Quasi scritto come una sceneggiatura in un dramma, ma in sostanza è un documento criminale scritto da criminali e sciocchi.

Il titolo del documento è un riferimento a un documento noto come The Long Telegram, scritto dal consigliere per la politica estera degli Stati Uniti, George Kennan, nel 1946 che definisce una strategia per distruggere l’Unione Sovietica, una strategia che è stata seguita. Quindi si deve presumere che l’autore o gli autori di questo documento si aspettino che diventi la strategia adottata dal regime di Biden e, in effetti, abbiamo visto molte discussioni di questo documento nei media occidentali e negli ambienti politici, principalmente in approvazione. , indicando che è considerato negli alti circoli, e abbiamo anche visto con le prime dichiarazioni del presidente Biden che l’aggressione americana continuerà e sarà intensificata.

Propaganda e bugie

Il mistero per molti è chi ha scritto il documento così come è stato firmato da Anonimo. Potrebbe essere un solo autore, ma la parola “anonimo” potrebbe essere una maschera per un comitato, oppure potrebbe essere stata scritta dal nuovo Segretario di Stato di Biden, Anthony Blinken. Chiunque sia l’autore, ha chiaramente l’approvazione del Consiglio Atlantico, e quindi della NATO e dei governi della NATO. Tuttavia, molti altri nomi sono stati suggeriti nella sua stesura; compresi i soliti sospetti anti-cinesi, Mike Pompeo, John Bolton e Steve Bannon.

Perché quei nomi sono considerati come possibilità? Blinken e il team di Obama, che ha iniziato il “perno verso l’Asia”, sono candidati evidenti. Ma Mike Pompeo, in qualità di ex capo della CIA e Segretario di Stato di Trump, è una possibilità a causa delle sue posizioni di grande potere e influenza. La sua retorica anti-cinese è nota. John Bolton è una possibilità per gli stessi motivi, una serie di incarichi alti, un uomo di influenza a destra, che ha ricoperto incarichi negli Stati Uniti indipendentemente dal partito che detiene la presidenza, che è in grado di pensare solo in termini di dominio. e la guerra e chi ha opinioni forti contro la Cina e il Partito Comunista.

Poi c’è Steve Bannon, uno dei più rumorosi falchi anti-cinesi negli Stati Uniti oggi, la cui costante propaganda contro la Cina e il socialismo è progettata per creare ostilità generale nei confronti della Cina. Poiché ora è fuori dal potere, è meno probabile che venga coinvolto direttamente. Ma il suo programma di propaganda su Internet e radio è rabbiosamente anti-cinese e supporta le opinioni espresse nel Longer Telegram.

Di lui si sa meno, ma vale la pena esaminarlo per capire il funzionamento del sistema di propaganda americano. È una figura che esce dall’ombra, passando attraverso una serie di passaggi da ufficiale della Marina degli Stati Uniti e assistente al capo delle operazioni navali degli Stati Uniti, a banchiere di Goldman Sachs, a produttore di Hollywood, ad amico del ricco, conduttore radiofonico, a consigliere al presidente Trump, al membro del Consiglio di sicurezza nazionale, che ora continua la sua propaganda anti-cinese nel suo programma televisivo e radiofonico, chiamato in modo significativo War Room, che co-ospita con la personalità britannica di estrema destra Raheem Kassam. Kassam tra le altre cose,

Stephen Bannon con Trump

Nel suo programma War Room dell’11 febbraio, Bannon ha ripetuto la sua grande menzogna secondo cui il virus covid-9 proviene da un laboratorio cinese del PLA a Wuhan, nonostante l’OMS abbia confermato che era altamente improbabile e abbia detto che le sue origini altrove devono essere indagate. In quel programma Bannon ha finto di intervistare una donna cinese, non nominata, tranne che con il nome in codice TCC, che afferma di essere un medico con una conoscenza approfondita della Cina che ha sostenuto l’affermazione di Bannon che si tratta di una “arma biologica”. Questo è il tipo di propaganda che viene costantemente alimentata al popolo americano e ad altri da Bannon e dal suo equipaggio, propaganda progettata per aumentare la paura e l’odio verso la Cina e accusare direttamente la Cina di attaccare gli Stati Uniti. Il chiaro obiettivo è spingere il governo degli Stati Uniti ad andare in guerra con la Cina.

Anche dove Bannon ottiene i soldi per gestire la sua operazione è una domanda. Si dice che una parte provenga dai diritti d’autore delle repliche dello spettacolo comico americano Seinfeld, in cui aveva investito nel 1990, ma ha anche legami molto stretti con Guo Wengui, alias Miles Kwok, un miliardario cinese fuggito dalla Cina quando è stato accusato. corruzione, concussione e frode e da allora è stato un costante propagandista contro la Cina e il Partito Comunista. Lui e Bannon hanno coinvolto una società chiamata GTV Media Group che hanno fondato nel 2020. I due uomini sono indagati per frode in uno schema che ha visto svanire 300 milioni di dollari dalle tasche degli investitori e sono anche indagati per frode e frode postale per il loro ruolo in una campagna Go Fund me per finanziare il muro Trump al confine messicano. Si presume che le persone abbiano dato del denaro da usare per il muro, ma è stato sottratto da Bannon e Guo per uso personale. È stato per questi crimini che Bannon è stato graziato da Trump, quindi non potrà mai essere ritenuto responsabile per la sua frode se non in cause civili.

Bannon afferma di essere guidato dall’ideologia, dalle preoccupazioni per la democrazia. Ma il servizio di notizie Axios ha rivelato che, nell’ottobre 2019, quando Bannon ha lasciato la Casa Bianca, gli è stato dato un contratto da Guo per fornire “servizi di consulenza” per i quali, nel 2018-19, è stato pagato un milione di dollari. L’uomo che paga il suonatore di cornamusa chiama la melodia.

Lavorare per denaro straniero non è niente di strano per Bannon che ora afferma di essere un “anti-globalista”. Ha iniziato la sua carriera finanziaria presso Goldman Sachs, una delle grandi banche di investimento globali, coinvolta in fusioni e acquisizioni. Poi, quando ha scoperto di poter guadagnare di più da solo, ha fondato la sua società di investimenti nel 1990, Bannon and Company, che ha utilizzato per trarre vantaggio dall’espansione dell’industria cinematografica statunitense a livello globale. Incapace di raccogliere fondi sufficienti per investimenti in proprietà intellettuali come i diritti d’autore dei film, ha collaborato con la banca di investimento giapponese, Nissho Iwai, che gli ha dato milioni di dollari in cinque anni.

Affidarsi al denaro straniero divenne il suo modus operandi. Una volta ha affermato: “il nostro forte era lavorare con società americane per lavorare con investitori stranieri”. È stato attraverso i suoi affari in California che ha acquisito quote della serie TV “Seinfeld” che gli ha portato grandi profitti. Nel 1996, dopo la scadenza dell’accordo giapponese, si collegò con la banca d’investimento francese, Societe General e allo stesso tempo ebbe anche un accordo di investimento con il principe Alwaleed bin Talal, un nipote del re saudita, che era a capo degli Stati sauditi. Commercial Bank che lo ha aiutato a ottenere investimenti nel business del cinema di Hollywood. È in questo momento che viene coinvolto con Donald Trump, acquistando lo yacht di Trump nel 1991, ha affermato di “salvare Trump” e nel 1995, quando lui e un investitore di Singapore hanno acquisito il Plaza Hotel di New York.

Bannon afferma di essersi voltato ulteriormente a destra a causa della crisi finanziaria del 2008, quindi ha iniziato a sostenere film sul declino dell’America, ha sostenuto il movimento di destra del Tea Party e poi si è unito a Bretibart Media nel 2012 di proprietà della famiglia miliardaria Mercer e ha usato il suo Internet programma per sostenere la candidatura di Trump alla presidenza. Quando Trump è stato eletto, è stato nominato membro del Consiglio di sicurezza nazionale. Bannon è stato uno di quelli che hanno spinto Trump ad abbandonare l’accordo sul clima di Pars e ad imporre un divieto di viaggio ai musulmani negli Stati Uniti, un’azione che ha fatto arrabbiare i suoi amici sauditi.

Dopo i conflitti sorti alla Casa Bianca, Bannon fu costretto a lasciare, per tornare a Breitbart. Ma alcune delle sue dichiarazioni e opinioni razziste hanno portato persino l’erede di destra, Rebekkah Mercer, che possedeva parte di Breitbart, a costringerlo a lasciare il suo programma radiofonico, il che ha portato a consolidare i suoi legami con Guo, prendendo i suoi soldi e iniziando il suo programma. .

La rete oscura della propaganda americana è composta da molte sfaccettature, alcune delle quali agenzie di propaganda governative ufficiali come Voice of America, CIA, NED e così via, così come i media privati ​​controllati da persone con lo stesso pensiero o direttamente influenza delle agenzie di intelligence. Bannon è un esempio dei personaggi squallidi che popolano questo mondo oscuro, che si muovono tra il governo e la sfera privata, quasi senza soluzione di continuità. Sono opportunisti che pensano di poter guadagnare denaro creando propaganda contro nazioni e popoli stranieri e incassando denaro.

Loro affermano di essere preoccupati per la “democrazia” e i “diritti umani”, ma in realtà si preoccupano solo di riempirsi le tasche e non si preoccupano di come lo fanno. Per loro, mentire è affar loro. “

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 19:33h, 09 Aprile Rispondi

    Non vale la pena sprecare commenti su squallidi personaggi come Bannon …….. e pensare che qualche pseudo sovranista nostrano se lo voleva ingraziare ……..

  • mario
    Inserito alle 21:16h, 09 Aprile Rispondi

    parlare di questi squallidi personaggi e riduttivo ………….meglio parlare di nazioni libere e sovrane
    russia cina …..cuba venezuela siria libano iraq iran cile argentina PALESTINA ecc….ecc…..ecc….ecc…..ecc…..ecc….
    w la liberta”………………………………..

  • Kingio
    Inserito alle 16:42h, 10 Aprile Rispondi

    La Cina fa cagare oggi come oggi, e tutto questo perché pcc è sotto controllo dei soliti coglioni che comandano ancora una parte del mondo. Quando il pcc è xi pong verranno tirati giù allora li si può parlare della vera cina.