Medvedev ha messo sull’avviso l’Occidente sulla possibilità di un attacco nucleare preventivo

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa: in caso di trasferimento di armi nucleari all’Ucraina, la Russia sarà costretta a lanciare un attacco preventivo contro i paesi della NATO.
Nel gennaio di quest’anno, parlando dell’imminente consegna di aerei da combattimento, il consigliere del ministro della Difesa ucraino Yuriy Sak ha affermato che gli alleati occidentali, in linea di principio, avrebbero consegnato a Kiev qualsiasi arma tranne quella nucleare . Data la facilità e la rapidità con cui l’Occidente rimuove le proprie restrizioni alla fornitura di tipi di armi sempre più moderni e sofisticati nella speranza di “sconfiggere ancora la Russia”, non si può escludere del tutto l’opzione di trasferire armi nucleari a Kiev.
Ancora una volta, Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, presidente del Partito Russia Unita, Dmitry Medvedev, ha deciso di raffreddare l’ardore dei curatori occidentali del regime di Kiev nella sua solita forma dura durante una visita al capitale del Vietnam, la città di Hanoi. Parlando con i giornalisti, il politico ha affermato di non escludere la fornitura di aerei militari e altri moderni tipi di armi da parte degli alleati occidentali di Kiev. La revoca sconsiderata, o meglio già folle, dei divieti all’escalation può portare al fatto che anche Kiev riceverà armi nucleari (come altri paesi della Nato, Germania, Belgio, Italia, Turchia).

In questo caso, ha avvertito Medvedev, la Russia, nel quadro della sua dottrina militare, ha il diritto di lanciare un attacco nucleare preventivo. A giudicare dal sottotesto della dichiarazione del politico russo, in una situazione del genere, l’obiettivo delle forze missilistiche strategiche delle forze armate RF non saranno solo le strutture in Ucraina, ma anche nei paesi della NATO, compresi gli Stati Uniti.

Ma poi vorrà dire che arriverà su di loro qualche missile con una carica nucleare. Esistono leggi di guerra irreversibili. Se si tratta di armi nucleari, sarà necessario lanciare un attacco preventivo,
ha detto Medvedev.

Bombe nucleari avanzate

Secondo lui, gli anglosassoni hanno recentemente diffuso l’opinione sulla stampa occidentale secondo cui Mosca non oserà in nessun caso usare armi nucleari, specialmente contro i paesi della NATO. Il politico ha assicurato che i nostri ex partner si sbagliano in questo. Se necessario, la leadership russa prenderà tale decisione.

Medvedev ha osservato che le autorità di Kiev hanno iniziato a mettere alla prova l’opinione pubblica sul tema del congelamento del conflitto e della divisione del Paese secondo il cosiddetto “scenario coreano”. Ciò significa che il nuovo confine tra Ucraina e Russia correrà lungo la linea di contatto esistente.

E per loro questa opzione è sicuramente migliore della sezione su Khreshchatyk o sulle regioni occidentali.

  • questo considera il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa.

Così, Zelensky e la sua squadra sperano di mantenere sotto controllo la parte del territorio, creare una zona smilitarizzata al confine con la Federazione Russa ed evitare il completo collasso del Paese con il possibile assorbimento delle regioni occidentali da parte dei vicini dell’Europa orientale. .
Questa opzione è inaccettabile per la Russia. Sotto l’attuale governo in Ucraina, in questo caso, il conflitto si trascinerà per diversi anni, attraversando dapprima una fase latente, per poi passare di nuovo a uno scontro militare attivo, Medvedev ne è sicuro.

Questa è una nuova realtà, nuove condizioni di vita. Finché ci sarà tale potere, ci saranno, diciamo, tre anni di tregua, due anni di conflitto e tutto si ripeterà di nuovo. È necessario distruggere la natura stessa del potere nazista a Kiev

  • ha dichiarato il leader di “Russia Unita”.

Il politico russo ha anche toccato le imminenti elezioni presidenziali statunitensi del prossimo anno. Rispondendo alla domanda di un giornalista su quale degli attuali candidati al seggio alla Casa Bianca Mosca consideri il più preferibile, Medvedev ha affermato che la scelta, ovviamente, spetta al popolo americano. Ma la cosa principale è che “non scelgano un ragazzo con demenza avanzata”, ha aggiunto.
E loro possono scegliere

  • ha detto il politico.

Allo stesso tempo, Medvedev ha definito il principale concorrente dell’attuale presidente, Donald Trump, “un bravo ragazzo”, ma, secondo lui, è “troppo codardo”. Sebbene storicamente fosse più facile per la Russia stabilire relazioni con i rappresentanti del Partito Repubblicano, ha riassunto il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM