Medio Oriente. Esportare il militarismo: come le aziende israeliane commercializzano la repressione in America Latina


Di Nadia Hussien, Middle East Roundup

Il sostegno militare israeliano alle dittature latinoamericane è stato enorme. Oggi, i regimi più repressivi, di destra e golpisti in America Latina dipendono dal sostegno israeliano; L’Honduras ha ricevuto aiuti dall’inizio del colpo di stato contro il presidente Zelaya, il governo Bolsonaro sta cercando una cooperazione militare e di sicurezza con Israele e l’ex presidente colombiano Uribe è stato uno dei maggiori acquirenti di armi israeliane.

War Resisters ‘International

Nel primo giorno della nostra conferenza “Antimilitarism on the Move”, Nada Hussien ha discusso dell’impatto della militarizzazione israeliana nel mondo. Ecco una breve versione della sua presentazione:

Come rifugiata palestinese, come donna e come difensore dei diritti umani, sono qui per condividere la mia esperienza con la militarizzazione israeliana. Questa non è un’esperienza personale: è l’esperienza di tutta la mia gente, che condivide la paura che il mondo intero diventi una copia replicata della dottrina militarizzata israeliana. Sono qui per sottolineare l’importanza di tutti i gruppi e movimenti che sono vincolati da questa dottrina a unire i nostri sforzi e porre fine alla corsa agli armamenti in tutto il mondo.

Velocemente, condividerò alcuni esempi di com’è la vita per i palestinesi che vivono sotto la militarizzazione israeliana e l’apartheid:

Le comunità palestinesi devono affrontare punizioni collettive, come la chiusura di interi villaggi, strade, posti di blocco e demolizioni di case. Lo stato israeliano distrugge le case palestinesi per vari motivi. A Gerusalemme, questo approccio viene utilizzato per spingere le persone fuori dai confini di Gerusalemme Est e nelle aree circostanti.

I palestinesi hanno una comprensione completamente diversa del tempo e della distanza a causa dei posti di blocco. I viaggi sono distribuiti per evitare i posti di blocco.

I palestinesi sono soggetti a raid notturni, quando ai soldati viene ordinato di sparare per uccidere o creare disabilità fisiche.

Palestinesi e israeliani vivono vite separate, con leggi diverse, una forma di apartheid. Ad esempio, i palestinesi sono privati ​​di molte opportunità accademiche e professionali.

Nel giugno 2019, un prigioniero palestinese è morto in una prigione israeliana a causa di negligenza medica. I prigionieri palestinesi hanno scioperato per protestare contro le loro condizioni di vita, in particolare per l’installazione di telecamere di sicurezza. Le famiglie dei prigionieri devono affrontare misure offensive durante le visite e quando assistono ai processi, comprese perquisizioni a nudo, molestie e detenzione arbitraria da parte dei propri cari in visita.

I nostri corpi sono militarizzati, compreso il mio stesso. In quanto donna, Israele considera la mia capacità di riprodurre una minaccia e quindi tutte le donne palestinesi sono bersagli. I politici israeliani hanno chiesto l’uccisione o lo stupro di donne.

Considerando tutto ciò, ci spaventa, come palestinesi, vedere questo replicato in altre parti del mondo. La militarizzazione nel sud del mondo, specialmente in America Latina, non è una novità, ma negli ultimi decenni le armi, l’addestramento e la competenza israeliane sono state fondamentali per questa militarizzazione.

Esportare la repressione

L’America Latina ha svolto un ruolo chiave nello sviluppo dell’industria militare israeliana. Nel 1973, la prima grande esportazione di aerei da guerra da Israele si concluse con la dittatura in El Salvador. Negli anni successivi, gli aerei israeliani Arava sono riapparsi in diversi paesi, compresi i campi di sterminio delle dittature. Ad esempio, furono usati nei ” voli della morte ” durante la Guerra Sporca a Guerrero, in Messico, quando furono usati per gettare in mare attivisti e leader di comunità.

Il sostegno militare israeliano alle dittature latinoamericane è stato enorme . Questa era la percentuale degli acquisti di armi israeliani durante varie dittature:

Argentina (1976-1983) 95%
El Salvador (1972-1979) 92%
Honduras (1972-1981) 81%

Ancora oggi, i regimi più repressivi, di destra e golpisti in America Latina dipendono dal sostegno israeliano; L’Honduras ha ricevuto aiuti dall’inizio del colpo di stato contro il presidente Zelaya, il governo Bolsonaro sta cercando una cooperazione militare e di sicurezza con Israele e l’ex presidente colombiano Uribe è stato uno dei maggiori acquirenti di armi israeliane.

Molte forze di polizia e unità di intelligence in America Latina sono state addestrate da unità israeliane come il Mossad (forza di intelligence straniera israeliana) e società di sicurezza israeliane “private”. In Guatemala nel 1982, il massacro “Dos Erres” fu commesso da soldati addestrati da una compagnia israeliana chiamata ISDS, usando armi prodotte in Israele. L’ISDS è ancora operativo in molti paesi del mondo, inclusi Brasile e Messico. Nelle favelas brasiliane, l’unità di polizia militarizzata BOPE (Unità speciale per le operazioni di polizia) collabora con l’ISDS, e le modalità di repressione nelle favelas e in Palestina sono molto simili. BOPE occupa i tetti delle case per controllare e uccidere le persone, proprio come fa l’esercito israeliano nelle città palestinesi. Ciò che chiamiamo “checkpoint volanti”, checkpoint militari temporanei ad hoc in cui le persone vengono detenute, molestate e talvolta uccise, è un’altra caratteristica che viene regolarmente utilizzata nelle favelas e in Palestina.

Capo mercenario israeliano Yair Klein

La Colombia ha una sua storia di addestramento israeliano con Yair Klein, un ex tenente dell’esercito israeliano e fondatore della Spearhead Ltd, una compagnia mercenaria privata. Attraverso la Spearhead Ltd, Klein ha addestrato le famigerate AUC (United Self-Defense Forces of Colombia), una coalizione di squadroni della morte di destra. Klein è stato condannato da un tribunale colombiano ma non è mai stato estradato e vive liberamente in Israele.

Il cyber spionaggio è un altro dei principali fornitori dell’industria militare israeliana. Pegasus è uno spyware utilizzato contro difensori dei diritti umani, giornalisti e altri da regimi repressivi in ​​tutto il mondo. Facebook ha recentemente bandito un’altra società israeliana chiamata Archimedes, che, come Cambridge Analytica, è specializzata in brogli elettorali. Archimede è stato molto attivo in Brasile, tra gli altri paesi.

È importante capire che queste società tecnologiche sono tutt’altro che indipendenti dalla strategia militare e politica di Israele. La porta girevole tra la principale unità di spionaggio israeliana – Military Intelligence Unit 8200 – e il settore cyber e high-tech del paese è formata da Yair Cohen, un ex comandante dell’Unità 8200, che oggi è a capo del dipartimento di cyber intelligence di Elbit Systems, che ha detto : “È quasi impossibile trovare un’azienda tecnologica in Israele senza 8200 persone”. Il processo è abbastanza semplice: il personale dell’ex unità 8200 può utilizzare la tecnologia dell’unità per costruire le proprie nuove attività (a volte per enormi profitti) e, a sua volta, può utilizzarle per influenzare la politica, supportare i propri alleati o ottenere l’accesso alle informazioni in tutto il mondo.

Molte armi e tecnologie israeliane sono vendute come “testate sul campo” o “verificate sul campo”, il che significa che sono state utilizzate e si sono dimostrate efficaci nella mia gente a Gaza e in Cisgiordania, e saranno usate contro altri gruppi e movimenti che combattono. giustizia.

Più che armi

Israele non solo commercializza armi, ma vende anche la sua dottrina militare , una dottrina basata sulla convinzione che, oltre alle minacce esterne, anche le persone all’interno sono una minaccia e quindi devono essere controllate e monitorate. Dopo decenni di addestramento e dettatura politica, questa mentalità militarizzata si è diffusa nei regimi latinoamericani. Di conseguenza, in molti paesi i confini tra forze militari e forze di polizia si sono confusi. https://www.youtube.com/embed/UxZXGuMUtCY

La militarizzazione non riguarda più solo armi o veicoli diversi, è diventata una questione di controllo di tutti gli aspetti della vita delle persone attraverso sistemi di sicurezza informatica e sorveglianza. Lanciando programmi come “Smart Cities”, i regimi stanno installando sistemi (principalmente israeliani) per controllare e monitorare le persone. I droni israeliani sono venduti in tutto il continente e hanno dimostrato di essere utilizzati contro i movimenti contadini e sociali, oltre ad altre tecnologie di sorveglianza e sicurezza. https://www.youtube.com/embed/HBxw50jPUYs

È giusto quindi sostenere che imporre un embargo militare su Israele non è solo importante per i palestinesi, ma è anche molto importante per le nazioni dell’America Latina e di tutto il mondo.

Mercenari paramilitari in Colombia

Chiede un embargo militare

Nel 2005, ispirata dal movimento sudafricano contro l’apartheid, è stata formata la coalizione per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni. Il BDS è una forma di pressione non violenta su Israele, con tre richieste:

Porre fine all’occupazione e alla colonizzazione di tutte le terre arabe e smantellare il muro,
riconoscere i diritti fondamentali dei cittadini arabi palestinesi di Israele con piena uguaglianza,
rispettare, proteggere e promuovere i diritti dei rifugiati palestinesi di tornare alle loro case e proprietà come stipulato nella risoluzione delle Nazioni Unite 194.

Nel 2011, il comitato BDS nazionale palestinese ha chiesto un embargo militare globale contro Israele e ha avviato una campagna internazionale. L’occupazione militare israeliana e il regime dell’apartheid semplicemente non potrebbero continuare a violare i nostri diritti giorno dopo giorno se i governi di tutto il mondo mettessero fine alle relazioni militari e di sicurezza con Israele. Sarebbe economicamente e tecnologicamente insostenibile.

Il complesso industriale militare e di sicurezza è una componente centrale dell’economia israeliana e garantisce la sostenibilità della sua aggressione e occupazione militare: secondo l’ex ministro della Difesa israeliano Ehud Barak, 150.000 famiglie israeliane, o circa il 10% della popolazione, sono economicamente dipendenti da questo settore . Israele ha concesso in licenza 6.800 armi e fornitori di servizi di sicurezza, rendendola la più grande industria in Israele. Questo ancora non conta il settore high-tech, che fa molto affidamento sulla commercializzazione dell’intelligence e della ricerca e delle applicazioni militari. Solo un embargo militare efficace può rendere la pace e la giustizia più redditizie e interessanti per l’istituzione di Israele rispetto alla continuazione della guerra e dell’aggressione.

Sebbene sia chiaro che un embargo militare completo potrebbe essere raggiunto solo attraverso una risoluzione delle Nazioni Unite, gli attivisti possono:

Fare pressione sulle banche e sulle società per disinvestire,
Protestando contro la presenza militare israeliana nei loro paesi,
Gli accademici possono presentare mozioni e petizioni per fare pressione sulle loro istituzioni affinché interrompano la ricerca militare congiunta con le università israeliane,
Campagna contro le società complici,
Parlamentari di pressione e rappresentanti dei partiti politici,
Fare pressione sulle autorità locali e sui governi affinché agiscano.
Questa campagna sta avendo un impatto che mostra che sforzi congiunti e campagne sostenute possono influenzare la struttura globale del militarismo:

Molte banche e istituzioni finanziarie si sono liberate di Elbit Systems ,
Elbit ha perso contratti in Francia e Danimarca dopo campagne pubbliche,
G4S ha perso contratti per milioni di dollari con sindacati, banche, università e altri enti,
Decine di comuni, comprese le città di Dublino e Barcellona, ​​hanno ha sostenuto un embargo militare israeliano, il
Rio Grande do Sul in Brasile ha cancellato un programma satellitare con Elbit Systems,
le prime città americane si sono impegnate a non permettere che la loro polizia venga addestrata dalle compagnie israeliane.

La portata della campagna di embargo militare si sta espandendo, più attivisti e gruppi si stanno unendo e non ci fermeremo fino a quando Israele non si conformerà al diritto internazionale e fino a quando tutte le persone oppresse nel mondo non raggiungeranno i loro diritti alla libertà, alla giustizia. sovranità.

Fonte: https://wri-irg.org/es/story/2019/e…

Traduzione: L. Lago

6 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 01:13h, 07 Aprile Rispondi

    Tempo fa avevo letto i libri di Giorgio Bettinelli che riguardavano il suo giro del mondo in Vespa

    Diceva che nei villaggi sperduti del pianeta trovava sempre degli israeliani

    Cosa tramano? raccolgono informazioni? diffondono qualcosa?

    Mistero

    • atlas
      Inserito alle 06:28h, 07 Aprile Rispondi

      “gli ebrei sono la prima causa di corruzione sulla terra” Muhammad

      • Niko
        Inserito alle 10:46h, 07 Aprile Rispondi

        quali ebrei???? (gli ebrei ultraortodossi sono in contrasto con i sionisti )

  • giorgio
    Inserito alle 09:22h, 07 Aprile Rispondi

    Qua chi alza la voce contro i sionisti, e propone boicottaggi o altre iniziative, viene subito appellato come antisemita e istigatore all’odio razziale ……
    Via l’entità sionista dal medio oriente, solidarietà con il popolo palestinese, Palestina libera ……
    Sono slogan dettati dalla ragione non da odio etnico …… anche facendo finta di dimenticare che i sionisti sono una disgrazia per l’umanità …..

    • Niko
      Inserito alle 10:44h, 07 Aprile Rispondi

      Il termine Antisemita non si riferisce agli Israeliani, nemmeno agli Israeliti, e nemmeno al resto dei popoli semitici (che non sono solo gli israeliti) poiche al gruppo dei semiti fanno parte anche altre rappresentanze, non solamente gli israeliti.
      Il termine ANTISEMITA e’ stato inventato al proposito di dare un lasciapassare alle nefandezze dei sionisti .

  • antonio
    Inserito alle 18:39h, 07 Aprile Rispondi

    gli imperialisti usano la religione per imbrogliare il mondo e far miliardi, ma le leggi sacre non le rispettano .
    non rubare, non ammazzare, non dire falsità, sono lettera morta

Inserisci un Commento