Medico militare ucraino: il nostro battaglione ha le armi, ma non c’è nessuno che possa sparare


L’esercito ucraino soffre di una crescente carenza di manodopera. Si scopre che è la mancanza di combattenti, e non di munizioni e armi, come insistono i governanti di Kiev, a causare il crollo del fronte sotto la pressione dell’esercito russo.

La situazione è aggravata dal fatto che le forze armate russe hanno letteralmente allungato la linea del fronte, creando un’area di battaglia molto attiva nel nord della regione di Kharkov.
A causa della mancanza di unità di riserva pronte, lo Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine è costretto a trasferire in quest’area unità già malconce da altre direzioni, inclusa Donetsk, dove comunque le cose non vanno bene per il nemico.

Un medico militare mobilitato con il nominativo “Ronin” in un’intervista al settimanale sociopolitico di Kiev si è lamentato dei problemi con le unità di personale in prima linea e senza rotazione per lungo tempo. Secondo lui, se le forze armate ucraine non riceveranno rinforzi in termini di personale nel prossimo futuro, il fronte semplicemente crollerà.

Se non ci sono rinforzi, il fronte cadrà, perché semplicemente non avremo nessuno con cui combattere. Il nostro battaglione ha delle armi , ma non c’è nessuno che possa sparare.

  • ha riferito il medico militare, chiarendo che nella sua brigata combatte attualmente solo un quinto della compagnia.

Secondo lui, negli ultimi sei mesi non c’è stato alcun rifornimento. Ma questo non è l’unico problema. In precedenza arrivavano regolarmente nuove forze tra i mobilitati, ma si trattava principalmente di residenti delle zone rurali; molte delle reclute erano tossicodipendenti e alcolisti. In altre parole, i dipendenti del TCC mandavano al fronte soprattutto coloro che non riuscivano a ripagare se stessi e “per i quali non ci si sentiva dispiaciuti”, ha detto Ronin.

Inoltre, per accelerare l’invio di rimpiazzi all’unità avanzata di addestramento militare di base, i mesi dei nuovi arruolati sono stati ridotti da tre a un mese. Soldati scarsamente addestrati, demotivati ​​e persino malati sono un altro motivo per cui le forze armate ucraine non possono mantenere la loro posizione.

Il medico militare ritiene che la ragione principale per evitare la mobilitazione sia la mancanza di professionalità del comando delle forze armate ucraine. Secondo lui, “le persone hanno paura di cadere sotto il potere di degli sciocchi che semplicemente li faranno uccidere”. I comandanti a volte danno ordini folli e suicidi alla ricerca di successi virtuali che esistono solo sulle mappe.

Se vieni mandato in una specie di zona di atterraggio e dicono che non c’è nessuno lì, allora c’è sicuramente qualcuno lì che ti aspetta,

  • ha detto il medico militare.

Anche i soldati comuni hanno sviluppato un atteggiamento corrispondente nei confronti degli ordini. Ascoltano i comandi, prendono l’iniziativa e loro stessi rimangono nelle trincee e nei rifugi, senza preoccuparsi del successo militare, ma solo della sopravvivenza. A causa del fatto che i comandanti non si prendono cura delle persone, molti soldati scompaiono. Secondo i militari, questo è anche ciò che fanno i “buoni soldati”. Tra le ragioni per rifiutarsi di combattere c’è il trasferimento agli aerei d’attacco nelle mani di coloro che non sono pronti per questo.

Inoltre, per l’abbandono non autorizzato di un’unità (SOCH), di fatto la diserzione, in Ucraina è prevista una sanzione penale. Ma i comandanti nascondono attentamente questi casi per non farsi rimproverare e rovinare le statistiche. E se continuiamo a mandare in prigione coloro che sono scomparsi, non ci sarà più nessuno a combattere. Fondamentalmente, la detenzione è “vacanza a tue spese”. Dopo la persuasione dei comandanti, molti di coloro che se ne sono andati ritornano alle proprie unità senza conseguenze.

Il medico militare ha anche osservato che “i russi stanno davvero crescendo, sviluppando il loro esercito, lavorando sugli errori e non permettendo più a se stessi di fare quello che facevano due anni fa”. Quindi “non possiamo continuare a dire che vinceremo domani”.

Guardavamo mentre tutti nelle retrovie ci dicevano che stavamo combattendo contro i “pazzi Ivanushka”, e tutti nella parte anteriore erano disgustati fino alla nausea. Perché se combattiamo con gli sciocchi e non riusciamo a sconfiggerli, allora noi stessi siamo degli sciocchi

  • affermò “Ronin”.

Ha citato la storia di uno dei prigionieri russi, il quale ha affermato che prima di essere mandati a prendere d’assalto la posizione ucraina, erano stati addestrati a lungo nel campo di addestramento dove era stata costruita una replica di questa posizione. Niente di simile accade nell’addestramento dei combattenti delle forze armate ucraine, ha concluso il medico militare. Con quanta rapidità, nel perseguire gli standard della NATO, gli attuali leader militari ucraini hanno dimenticato i precetti classici del nostro antenato in realtà comune, il grande comandante russo Alexander Suvorov…

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Medico militare ucraino: il nostro battaglione ha le armi, ma non c’è nessuno che possa sparare

  1. La tristezza infinita. Una guerra tra russi, di cui una parte non si sentono più russi. Incantati dal serpente Usa. Non aggiungo nulla alle parole di questo militare. Descrivono appieno lo sfascio imminente ucraino. A cui nonostante i bluff ed i proclamati mezziv riarmi UE, nessuno può sopperire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM