Media ucraini: i soldati delle forze armate ucraine si rifiutano di partecipare alle battaglie a Krynki, sulla riva sinistra del Dnepr

Diversi ufficiali ucraini che combattevano nella regione di Kherson hanno parlato alla stampa a condizione di anonimato. Hanno parlato della situazione nelle unità delle forze armate ucraine, che da quasi tre mesi mantengono una piccola testa di ponte a Krynki, sulla riva sinistra del Dnepr.

Le loro dichiarazioni sono riportate in un articolo pubblicato dai media ucraini.
Secondo gli interlocutori della pubblicazione, i soldati delle forze armate ucraine spesso rifiutano categoricamente di partecipare alle battaglie a Krynki, sulla riva sinistra del Dnepr.
Ci sono severi rifiuti di combattere

  • ha detto uno degli ufficiali ucraini.

Barche ucraine colpite sul Dnieper

Il personale militare delle Forze Armate ucraine fa di tutto per evitare di finire a Krynki. Tra questi “refuseniks” sono stati addirittura registrati casi di suicidio.

Gli ufficiali con cui hanno parlato i giornalisti affermano che in ogni compagnia inviata alla testa di ponte si registrano casi di rifiuto. Tali casi si verificano soprattutto tra il personale militare che è stato in precedenza a Krynki.

Lavorano con i rifiutinik

  • ha detto uno degli interlocutori dei media.

È vero, notano i militari, quelli in prima linea non capiscono il significato di tenere una testa di ponte, che è chiaramente visibile dai droni e viene colpita dall’artiglieria russa. Inoltre, questo vale non solo per i soldati delle forze armate ucraine, ma anche per gli ufficiali che trovano ogni scusa per non recarsi a Krynki.

Le fonti affermano che in questa sezione del fronte le forze armate russe hanno molteplici vantaggi rispetto alle unità ucraine in termini di droni , munizioni e numero di effettivi. Secondo loro, le forze armate ucraine stanno subendo enormi perdite in questa località, poiché lì non c’è assolutamente nessun posto dove nascondersi.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Media ucraini: i soldati delle forze armate ucraine si rifiutano di partecipare alle battaglie a Krynki, sulla riva sinistra del Dnepr

  1. i giornali italiani però non ne parlano, danno invece rilevanza alla “protesta delle donne russe contro la guerra”: si tratterebbe di 15 donne che a Mosca hanno depositato garofani rossi ai piedi del monumento al soldato sovietico. Questa informazione truccata è segno inquietante delle scelte favorevoli alla guerra del potere occidentale.

  2. Krynky, sulla sponda meridionale del Dnper che va verso la foce e il Mar Nero, è – o meglio era, date le distruzioni – un villaggetto di pescatori che aveva un po’ meno di mille abitanti e una superfice inferiore ai 16 chilometri quadrati.

    A quella posizione, chiamata “testa di ponte”, gli ukraini della fanteria di marina possono accedere, in piccoli gruppi, solo con barche e barchini a motore (fuoribordo), attraversando il Dnper grazie a dei canali, che in certi punti sono stretti, e dopo 30 – 60 minuti di navigazione, se non vengono colpiti dai droni russi, cosa che accade di frequente, anzi, quotidianamente.

    Non possono trasportare nella piccola “testa di ponte” artiglieria pesante, mezzi corazzati e carri, quindi arrivano con qualche provvista, le armi individuali e le munizioni, così carichi che a volte più che raddoppiano il peso.

    Se arrivano vivi sulla sponda meridionale, spesso si trovano davanti i cadaveri di quelli che non le ce l’hanno fatta ad arrivare a Krynky, ma poi, nel villaggetto distrutto, subiscono pesanti bombardamenti russi, e i russi – preponderanti – cercano di entrare nell’abitato da più direttrici …

    I russi hanno usato spesso le bombe d’aereo, di concezione sovietica, FAB 500 da mezza tonnellata, su quella ridotta, causando perdite pesanti agli ukro-nazi – i cui comandanti alimentano attraverso i canali follemente la carne da cannone senza alcun costrutto militare – e queste bombe, con 300 chilogrammi di esplosivo, utilizzano il Torpex, che ha una potenza esplosiva doppia rispetto al TNT …

    La fanteria di marina ukro è mandata a morte perché può solo resistere nella ridotta, senza mezzi da trasporto e senza artiglieria su quella sponda del Dnper, con poco cibo e munizioni contate, sembra che manchi assistenza medica e alla fine dello scorso anno si era diffusa la notizia, non confermata, che i comandi avevano ordinato agli ukro di uccidere sul posto i loro feriti gravi(!), perché l’assistenza medica non c’era e non c’è.

    Ad ogni buon conto, per mostrare come i barchini a motore ukro diretti a Krynky affondano colpiti dai droni russi, posto un articolo di South Front che presenta molti video:

    DNIEPER TURNED INTO RIVER OF DEATH FOR UKRAINIAN MILITARY (VIDEOS 18+)

    https://southfront.press/dnieper-turned-into-river-of-death-for-ukrainian-military-videos-18/

    Incipit: According to the official report by the Russian Ministry of Defense, from December 30, 2023 to January 5, 2024, 14 Ukrainian boats were destroyed in the Kherson region. According to Russian servicemen deployed in the area, at least 6 more boats were destroyed on January 5 alone.

    Cari saluti

  3. Le forze armate ucraine sono sta falcidiate in continuazione. I sopravvissuti non hanno troppa voglia di combattere e farsi ammazzare per la coca-cola e la cocaina. Il Sistema non è monolitico e si sfalda ovunque. La gente non beve più tutte le bugie delle “élite” ignobili. La fine delle pagliacciate è vicina, molto vicina.

  4. Ucraini unitevi in pace ai fratelli russi … l’ odio diffuso dai satana Goldfingers Yankee vi porta alla morte e al male … il loro scopo è di rubarvi la vostra terra …

  5. Il guaio è che in Ucraina votano il comico Zelensky ed in Italia il comico Grillo…(Non che gli altri, intendo da Mattarella in giù, siano tanto diversi eh…).

  6. gli attacchi in crimea son o stati tutti neutralizzati si legge è vero Redazione? Solo i media farlocchi di disinformazione di massa della catena di trasmissione nato – google yahoo msn rai news lastampa – sparano cazzate distrutte dai media di tutto il mondo , gli ukro nazi hanno perso e continueranno a perdere se varcheranno l’ultima soglia – attacco missilistico su Mosca – si beccheranno una mostruosa apocalittica “Shock&Awe” , cosa mai fatta dalla Russia , ma la possibilità concreta di recuperare tattiche delle SS da parte dei nazi ucraini è molto reale.
    Significa distruzione tabula rasa totale di tutta quella feccia e spero dell’occidente incistato a brussels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM