MEDIA TEDESCHI: “GLI STATI UNITI NON GUIDANO, EMETTONO ORDINI”.

di Hasanov Kamran

La Russia e la Cina hanno spodestato gli Stati Uniti dal trono del leader mondiale. È così che i media tedeschi hanno reagito al discorso del vicepresidente americano Mike Pence, nel quale questi ha affermato che sotto Donald Trump, gli Stati Uniti erano tornati ad essere il leader mondiale e il leader del mondo libero.
L’intervento di Mike Pens alla Conferenza di sicurezza di Monaco di Baviera ha causato una tempesta di emozioni in Europa. Le sue adulazioni lodevoli verso il suo capo (Trump) non piacevano troppo ai partecipanti tanto che, quando Pence interrompeva deliberatamente, volendo sentire l’applauso, non si udiva un solo applauso in sala. Non tanto perché Donald Trump non piace troppo in Europa, ma per l’assurdità delle cose di cui parla Pence. Il vicepresidente degli Stati Uniti ha cercato di convincere Monaco di Baviera che sotto Trump “gli Stati Uniti sono più forti che mai”. L’economia americana è in piena espansione, non c’è quasi nessuna disoccupazione i prezzi delle azioni stanno infrangendo ogni giorno record. In breve, secondo lui, gli Stati Uniti sono diventati di nuovo il leader mondiale.

Tuttavia, queste affermazioni non sono state ritenute convincenti dagli europei, per usare un eufemismo. Al contrario gli europei sono convinti che sotto Trump, gli Stati Uniti non solo non siano saliti, ma anzi abbiano perso la loro leadership e lasciato il posto ai loro rivali geopolitici: Cina e Russia. Tale valutazione di quello che sta accadendo viene data dalla rivista tedescaa “Der Spiegel”, esprimendo l’opinione di una parte significativa dell’élite politica tedesca.

http://www.spiegel.de/politik/ausland/muenchner-sicherheitskonferenz-die-befehlsausgabe-des-mike-pence-a-1253629.html

Questa è una sorta di mondo parallelo che Pence descrive nel suo discorso. Sembra che lui sia completamente separato dalla realtà. L’America non guida, ma si arrende. Il vuoto lasciato dalla politica non permanente di Trump’s “America First” è riempito da Cina, Russia e Iran. “Gli Stati Uniti non stanno guidando, stanno dando ordini”, scrive l’osservatore di Der Spiegel Konstantin von Hammerstein.
Lo scienziato politico americano e fondatore di una delle principali società di consulenza, Jan Bremmer, concorda con le stime dell’edizione tedesca.
L’establishment straniero non statunitense, presente alla Conferenza di Monaco, crede che possiamo tornare all’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti dopo che Trump se ne andrà. “Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità”, ha scritto Bremmer su Twitter.

La leadership degli Stati Uniti dalla seconda guerra mondiale si basava su alleanze che andavano dal Portogallo al Giappone. E Donald Trump le abbatte una per una. Richiede che l’Unione europea spenda di più nella difesa della NATO, richiede alla Turchia di non comprare gli S-400 russi e abbandonarere il flusso turco verso l’Iran, e chiede alla Germania di bloccare il Nord Stream-2 che risulta vitale per le forniture energetiche.
Tuttavia, queste minacce hanno l’effetto opposto. Francia, Gran Bretagna e Germania continuano a creare meccanismi per aggirare le sanzioni statunitensi contro l’Iran, Angela Merkel ha sospinto la cooperazione con la Russia attraverso una direttiva sul gas che non ha disturbato il Nord Stream II, e Recep Tayyip Erdogan non ha annullato l’acquisto dei sistemi di difesa aerea russi. Quindi il discorso di Pence, come osservato dal senatore Alexei Pushkov, è un’espressione di malcontento per il livello di unità nell’alleanza del Nord Atlantico.

Pence con la Merkel

Dal discorso di Pence a Monaco, una cosa risulta chiara, che gli Stati Uniti sono insoddisfatti del livello di unità nella NATO: contrariamente alle loro richieste, la Turchia intende acquistare gli S-400 dalla Russia, la Germania è finalizzata a completare il Nord Stream-2. L’Iran, contrariamente alle sanzioni di Washington, continua a cooperare con l’Europa, ha scritto su Twitter Pushkov.

Essendo in conflitto con l’Europa, gli stessi Stati Uniti si stanno privando del potente supporto geopolitico di cui Washington avrebbe davvero bisogno ora. Nel momento in cui la Russia ha riacquistato la parità nucleare, ha acquisito i più innovativi tipi di armi, come i missili ipersponici Avangard, Poseidon e Sarmat, e ha strizzato gli Stati Uniti attorno al perimetro del Medio Oriente e persino dell’Africa. Allo stesso tempo, la Cina si è avvicinata agli Stati Uniti in termini di PIL e collega il suo mercato come la più grande potenza commerciale di fronte all’Unione europea.

Nella valutazione di Der Spiegel, il discorso di Pence viene visto sia con l’ironia che con la critica. L’ironia è perché gli Stati Uniti non sono davvero più i leader mondiali. E la critica è dovuta al fatto che Washington ha bombardato l’Europa con le sue minacce. Se l’UE non abbandona progetti con l’Iran e con la Russia e non aumenta la spesa per la difesa al 2% del PIL, gli Stati Uniti possono imporre sanzioni o ritirare le proprie garanzie di sicurezza nella NATO.

“Non possiamo garantire la sicurezza dell’Occidente quando i nostri alleati si rendono dipendenti dall’Est (Russia)”, ha detto Pence. Ha immediatamente aggiunto che “è arrivato il momento per gli europei di ritirarsi dall’accordo nucleare” con l’Iran e smettere di essere uno “spoiler” per le sanzioni anti-Iran di Washington.

Quali conclusioni dovrebbe trarre la Russia da questa analisi? Primo: gli europei riconoscono che il potere geopolitico russo è diventato uguale a quello americano. Che piaccia o no all’Europa, la domanda è separata. E secondo: Trump ha diviso la NATO.
Per tutti, a prima vista, i vantaggi di questi due processi per la Russia devono guardare alle cose oggettivamente. Se Mosca sta già raccogliendo i frutti della perdita della leadership mondiale degli Stati Uniti, ad esempio, nella forma dell’intenzione di ritirare le truppe americane dalla Siria, la spaccatura della NATO non ha ancora portato a un riavvicinamento tra la Russia e l’Unione europea. E la disponibilità dell’UE a introdurre nuove sanzioni anti-russe per l’incidente di Kerch ne è la prova.

Hasanov Kamran, Tsargrad

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Mardunolbo
    18 Febbraio 2019

    Bene ! Trump sta lavorando bene per il mondo intero ! Mike Pence, poverino, non ha capito ancora come si muove il suo capo…O forse Trump l’ha messo lì proprio perchè non capisce ?
    Mah, ci sono tanti msteri. Un fatto importante che non è politico, è culturale e sociale, ma ha risvolti politici enormi, è che Trump ha dichiarato e mostrato più volte il suo netto sostegno alla lotta contro l’aborto.
    Proprio di recente da uno stato americano(scusate l’amnesia non ricordo in questo istante) a direzione democratica, ha emanato una legge per cui si può abortire fino al nonomese di gravidanza. E c’è di più,…l’essere umano può essere estratto parzialmente dal canale
    del parto, lasciata la testa all’interno, per evitare la nascita completa (altrimenti, zac diventa essere umano per la legge…) ,e succhiato via il cervello per dichiarare l’aborto eseguito ! Bello , vero? Eppure è così ! Chi vuol documentarsi al proposito sull’ipocrisia diabolica di questa legge, lo può fare con facilità. L’opposizione di Trump a questi abominii, può indicare molto di più di quello che la politica sua ,ambivalente, indica.

  • eusebio
    18 Febbraio 2019

    Mentre mezzo mondo ride dietro alle affermazioni di Pence, USA ed UE si preparano a nuove sanzioni contro la Russia.
    Questo accanimento contro l’unica potenza bianca e cristiana rimasta, indica che in realtà USA e UE ormai sono realtà multietniche che sono controllate da volontà non bianche e non cristiane, e che vedono nella Russia l’ostacolo alla loro volontà di annientamento della nostra razza.
    Nella UE con le prossime elezioni e comunque con quelle nazionali che si susseguono questi gruppi antibianchi e anticristiani saranno spazzati via, e si potrà restituire alla Russia il suo ruolo di potenza egemone e paladina dell’Europa, come fu dal 700 in poi, tranne durante la fase del giudeo-bolscevismo,
    L’Europa dovrà unificarsi attorno alla Russia e vendicarsi delle oligarchie che hanno cercato di annientarla.

    • Woland
      18 Febbraio 2019

      Vendicarsi è una brutta parola.
      Diciamo “mettere in sicurezza” le oligarchie che hanno cercato di annientarla.

    • atlas
      19 Febbraio 2019

      Putin è anche garante del vero Islam, è un Uomo eccezionale

Rispondi a Woland cancella risposta

*

code