Media: Mosca conta sull’Iran per aggirare le sanzioni


L’approvazione da parte della Turchia dell’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO mostra come la guerra in Ucraina abbia costretto Mosca a fare affidamento sull’Iran per aggirare le sanzioni”, scrive il quotidiano israeliano Haaretz.

Zvi Bar’el, autore dell’articolo per Haaretz, ha scritto che “le quattro ore che Erdogan ha trascorso martedì a Madrid con il presidente finlandese e il primo ministro svedese sono state preoccupanti per Vladimir Putin”.

“Apparentemente il presidente russo credeva che Erdogan sarebbe rimasto il suo baluardo contro l’espansione della NATO, proprio come Ankara si era rifiutata di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia. »

Tre settimane fa, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si è recato in Turchia a capo di un’ampia delegazione.

Ufficialmente, il fulcro della discussione era la traversata del Mar Nero in modo che il grano ucraino potesse raggiungere la Turchia e poi il Medio Oriente e l’Africa, riducendo così la carenza globale di grano e il rischio di carestia in Africa.

Tale rotta richiederebbe scorte militari e sorveglianza per impedire trasferimenti di armi, nonché accordi di pagamento accettabili, ma un tale accordo, che avrebbe portato anche benefici economici e politici alla Turchia, era subordinato all’accettazione da parte di Ankara della richiesta di Mosca di non attaccare la Siria per espandere la sua “zona sicura” nella regione del Kurdistan iracheno e portare avanti il ​​suo obiettivo di espellere i miliziani curdi siriani.

“Questo è un problema in cui gli interessi di Russia, Iran e America si sovrappongono. Ora le aziende russe devono decidere come procedere e se anche mantenere i propri asset nella regione del Kurdistan”, afferma Haaretz.

Zvi Bar’el ha poi aggiunto che “la Russia deve anche fare più affidamento sull’Iran per aggirare le sanzioni internazionali”.

Lavrov, ha aggiunto, durante una visita a Teheran la scorsa settimana, ha stabilito un sistema di cooperazione economica per importare merci iraniane in Russia e merci russe in India attraverso l’Iran.

“La Russia ha anche importato una gamma di prodotti elettronici dall’Iran, inclusi elettrodomestici, computer e telefoni cellulari di fabbricazione statunitense, che apparentemente arrivano in Iran attraverso i paesi del Golfo Persico”, si legge nell’articolo.

Secondo fonti iraniane, gli uomini d’affari russi stanno imparando dalle loro controparti iraniane come aggirare le sanzioni e utilizzare metodi di pagamento non bancari.

Il commercio tra Russia e Iran supera attualmente i 5 miliardi di dollari all’anno, ma entrambi i paesi hanno firmato accordi a lungo termine che includono l’impegno della Russia a investire miliardi di dollari in Iran. Includono anche la vendita di armi russe avanzate all’Iran, inclusi i sistemi radar S-400 e i caccia Sukoi-35.

Ministri esteri Iran Russia

Inoltre Russia e Iran intendono aprire una rotta per sostituire quella tradizionale; quest’ultimo va dalla Russia all’India attraversando il Mar Baltico fino allo Stretto di Gibilterra, poi il Mar Mediterraneo attraverso il Canale di Suez.

La nuova rotta raggiunge l’Iran e il Mar Caspio dal Turkmenistan meridionale, quindi prosegue attraverso l’Iran fino agli Emirati Arabi Uniti e da lì in barca verso l’India. Ciò riduce i costi di trasporto del 30% e il tempo di trasporto della metà.

“Il risultato di tutto quanto sopra è che la Russia, che un tempo era una grande potenza e poteva dettare o almeno influenzare la politica iraniana, è ora diventata dipendente dalla cooperazione iraniana”, osserva Haaretz.

“In effetti, la nuova rotta di esportazione dovrebbe ridurre il trasporto attraverso il Canale di Suez e quindi ridurre le entrate dell’Egitto; ma in un contesto in cui la Russia è sottoposta a pesanti sanzioni internazionali, il Medio Oriente arabo, principalmente filoamericano, non è molto attraente per Mosca”, conclude il quotidiano.

Fonte: Con PressTV

Traduzione: Fadi Haddad (Beirut)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM