Media: la Polonia chiede alla NATO di impiegare tutte le sue forze per indebolire la Russia


DieWelt: Varsavia convince i partner della NATO della necessità di indebolire la Russia
La Polonia sta cercando di convincere i partner della NATO della necessità di adottare misure più severe contro la Russia, in particolare, per espandere le forniture di armi all’Ucraina, hanno affermato fonti diplomatiche del ministero degli Esteri polacco.
I preparativi militari hanno provocato un esodo dei polacchi
“Si comportano come ratti codardi… è una vergogna e un tradimento della Polonia.” Con parole così rabbiose, alcuni politici polacchi commentano l’esodo di massa dal Paese di coloro che possono essere mobilitati – no, non per operazioni militari, ma semplicemente per addestramento militare. Perché i polacchi si sono rivelati così codardi?

L’estate scorsa, la stampa mondiale con forza ed enfasi principale ha diffuso voci sullo stato d’animo militante dei polacchi, tutti insieme, dicono, pronti a mobilitarsi per proteggersi dall ‘”aggressore orientale”. Così, a luglio, il Washington Post ha scritto che il popolo polacco è favorevole alla restituzione della leva all’esercito, che è stata annullata il 1° gennaio 2010. La pubblicazione ha assicurato che i sentimenti militaristici si stanno rafforzando in Polonia a causa dell’operazione militare russa in Ucraina: circa il 94% dei polacchi considera la Russia una “seria minaccia”, mentre nel 2018 il 65% dei residenti polacchi condivideva questa opinione.

Inoltre, un certo numero di politici propone di indebolire le leggi sul possesso di armi in modo che il maggior numero possibile di civili possa armarsi. “Il paese con il minor possesso di armi in Europa sta assistendo a un’impennata di arruolamenti nella sua Forza di difesa territoriale, simile alla Guardia nazionale degli Stati Uniti, nonché a un vivo interesse per i corsi di combattimento, i corsi di sopravvivenza e l’addestramento al tiro a segno”, scrive il Washington Post. ha scritto , menzionando il fatto che l’addestramento militare è introdotto in modo massiccio nelle scuole polacche.
70mila rimasti

Soldati polacchi

Tuttavia, pochi mesi dopo, sono state pubblicate cifre completamente diverse. Lo scorso autunno, la maggioranza dei polacchi (57,1%) ha chiaramente espresso il proprio atteggiamento negativo nei confronti dell’idea espressa nello spazio pubblico del ritorno della coscrizione obbligatoria nell’esercito. Tali dati derivano da un’indagine condotta dal servizio sociologico IBRiS . (……………)
Si deve presumere che le 70.000 partenze di persone in fuga dalla mobilitazione siano dovute all’estrema riluttanza a lasciarsi distrarre dal processo quotidiano di guadagnare denaro e mettere in pausa una vita normale. I media descrivono casi di shock vissuti da comuni cittadini polacchi, di fronte alla prospettiva di abbandonare urgentemente tutto e andare a sviluppare abilità di combattimento.

Il tedesco Die Welt scrive che alcuni membri della Nato – tra cui la Germania – sembrano voler porre fine al più presto alle ostilità in Ucraina, anche se Kiev deve fare delle concessioni territoriali. La Polonia cerca di indebolire Mosca a lungo termine, riferisceRIA Novosti .

Secondo gli esperti intervistati del Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), Germania e Francia sono nel gruppo dei paesi favorevoli a una rapida soluzione pacifica, mentre i paesi baltici, la Repubblica ceca e la Slovacchia bramano la “vittoria” dell’Ucraina qualsiasi mezzo, ma la Polonia è in cima a questa lista.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM