Media israeliani: qualsiasi attacco preventivo contro Hezbollah porterà alla distruzione di gran parte di “Israele”

Il quotidiano israeliano Haaretz risponde alla proposta del Ministro israeliano della Cultura e dello Sport di lanciare un attacco preventivo contro Hezbollah, dicendo: “Il primo attacco israeliano per distruggere gli arsenali balistici di Hezbollah non porterà la salvezza, ma porterà alla distruzione di grandi parti del paese”.
Mercoledì il quotidiano israeliano Haaretz ha lanciato una critica sarcastica alle recenti dichiarazioni del ministro israeliano della Cultura e dello Sport, Miki Zohar, riguardo alla sua proposta di effettuare un attacco preventivo contro gli Hezbollah libanesi.

Lo scrittore Uri Bar-Yosef ha aperto il suo articolo sul giornale, sottolineando che il governo di occupazione è pieno di sciocchi, con la frase: “Miki Zohar, che non è considerato il più grande sciocco del governo, crede che, dal momento che Hezbollah, come Hamas vuole distruggerci, è utile non aspettare.” Deve cominciare a lanciare migliaia di missili su Israele e deve essere effettuato un attacco preventivo per neutralizzare il più possibile le capacità balistiche di Hezbollah.

Hezbollah Forze

Bar Youssef ha deriso le dichiarazioni del ministro israeliano dicendo: “In altri giorni, con ministri con una migliore comprensione strategica, una proposta del genere sarebbe dovuta diventare uno scherzo”, sottolineando che l’entità occupante è in uno stato di guerra e che il pericolo di uno scontro globale con Hezbollah è “un pericolo molto reale, in un momento in cui la lista degli sciocchi al governo è lunga”, ha detto, dichiarando che il ministro della Difesa israeliano, Yoav Galant, è in questa lista.

Lo scrittore ha chiesto al Ministro della Cultura israeliano di tenere a freno la lingua su questo tema, e di capire “perché Israele non dovrebbe avviare un attacco preventivo contro Hezbollah”, spiegando che un attacco preventivo è una buona soluzione strategica a una situazione in cui che la principale minaccia che deve affrontare può essere distrutta con il primo passo, con l’attacco di apertura, e riuscendo a sorprendere, sottolineando che “queste due condizioni non esistono oggi con Hezbollah”.

Lo scrittore israeliano ha sottolineato che “il primo attacco israeliano volto a distruggere gli arsenali balistici di Hezbollah non porterà la salvezza, ma porterà piuttosto alla distruzione di ampie parti di Israele”.

Egli ha sottolineato nel suo intervento che non è possibile ottenere una sorpresa con Hezbollah, poiché il partito è ben consapevole della possibilità di un attacco israeliano, e che ha certamente adottato tutte le misure necessarie per contrastarlo, aggiungendo che per questo motivo “ il primo attacco non avrà un effetto molto diverso da qualsiasi tentativo di causare danni significativi ai depositi missilistici.” Durante la guerra stessa”, il che significa che non sarebbe considerato un attacco di apertura decisivo.

Bar Youssef ha sottolineato nel suo discorso che l’elevato numero di missili a lungo raggio di Hezbollah costituisce una minaccia così grande e pericolosa che “un attacco massiccio non può ridurla in modo significativo”.

Ha sottolineato che Hezbollah possiede attualmente decine di migliaia di missili e almeno 30.000 missili a lungo raggio, spiegando che sono “equipaggiati con testate del peso di mezza tonnellata o più” e che l’entità occupante non ha mai affrontato una simile minaccia e non ha alcuna reale capacità di affrontarlo, poiché “questi missili superano cumulativamente la potenza della bomba atomica che distrusse la città giapponese di Hiroshima nel 1945”.

https://twitter.com/mayadeenlebanon/status/1717221017322390014?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1717221017322390014%7Ctwgr%5E3715e88094eaa1006b8f12c459e096b6c4ca00ad%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.almayadeen.net%2Fnews%2Fpolitics%2FD8A5D8B9D984D8A7D985-D8A5D8B3D8B1D8A7D8A6D98AD984D98A–D8A3D98A-D8B6D8B1D8A8D8A9-D8A7D8B3D8AAD8A8D8A7D982D98AD8A9-D8B6D8AF-D8ADD8B2D8A8-D8A7D984D984D987-D8B3D8AAD8A4D8AFD98A-D984D8AAD8AFD985D98AD8B1-D8A3D8AC

Ha chiesto la necessità di mettere in discussione le informazioni dell’intelligence dell’occupazione riguardo alla posizione dei missili Hezbollah, a causa di ciò che ha descritto come l’abietto fallimento della sicurezza israeliana nell’avvertire della resistenza palestinese che attacca gli insediamenti che circondano la Striscia di Gaza il 7 ottobre.

Nel suo articolo, Bar-Yosef si chiedeva: “Se ci sono voluti anni perché l’esercito israeliano fosse in grado di identificare enormi tunnel lungo il confine, alcuni dei quali sono già penetrati, è in grado di localizzare i numerosi magazzini sotterranei in cui Hezbollah? nasconde le sue armi principali in tutto il Libano?”.

Ha espresso grande timore per lo scoppio di una guerra globale tra l’occupazione e Hezbollah, considerando che “l’arsenale missilistico del partito è la principale minaccia per Israele”.

Hezbollah reparti

È interessante notare che recentemente si sono aggravati i timori israeliani circa la possibilità che Hezbollah entri in uno scontro diretto con l’occupazione, alla luce della crescente escalation sul confine settentrionale della Palestina occupata con il Libano, poiché vari livelli dell’entità occupante credono nell’incapacità per affrontare la possibilità che il fronte settentrionale esploda.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad


4 commenti su “Media israeliani: qualsiasi attacco preventivo contro Hezbollah porterà alla distruzione di gran parte di “Israele”

  1. Secondo l’ INSS (Alma research and education center) l’arsenale missilistico di Hezbollah è il seguente: missili a corto raggio (max 40 km): 40 mila. A medio raggio (max 70 km): 80 mila. A lungo raggio (max 300 km): 30 mila. Tutti equipaggiabili con cariche esplosive che partono da un minimo di mezza tonnellata in su. Durante la guerra in Libano nel 2006 Hezbollah era in grado di lanciare verso Israele 200 missili al giorno. Ed ora (2023) è in grado di lanciarne 1.500 al giorno ! Si stima siano presenti anche almeno 2.000 droni, 150 mila proiettili di artiglieria e almeno 100 mila combattenti !
    Fonte: https://tg24.sky.it/mondo/2023/10/24/medioriente-arsenale-razzi-missili-hezbollah
    E’ questo il motivo per cui i sionisti rinviano l’attacco di terra, in attesa dell’arrivo dei “nostri”, la cavalleria Usa sotto forma di un secondo gruppo navale di attacco, che li protegga dalla sacrosanta ritorsione del mondo arabo e magari li liberi (nei loro sogni deliranti) degli odiati Assad, Khameney e Hezbollah ?

  2. Magari fosse possibile distruggere una parte del paese che illegalmente si è impossessato delle tere,e non solo,di un altro.

  3. Gi Usa e getta stanno schierando il grosso dell flotta , il re è nudo : significa attacco di Hezbollah e Iran se mettono piede a Gaza , ecco perchè IsraHell continua la strategia criminale dello “SHOCK$AWE” su suggerimento di Cia e Pentagono …i Russi rimangono in vigile attesa con i KHINZAL armati e pronti all’uopo…questo è lo scenario creatosi per gli squilibri ormonali di attempati destabilizzatori della cricca dei decisori del mondo…tutto molto orrendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM