Media israeliani: la Russia ordina all’Agenzia Ebraica di interrompere tutte le sue operazioni nel Paese


Il governo russo ha inviato una lettera all’Agenzia Ebraica chiedendo a quest’ultima di interrompere tutte le sue operazioni nel Paese e il Ministro dell’Immigrazione israeliano ha confermato la questione.

lI ministro israeliano dell’Immigrazione, Pnina Tamano, ha annunciato di aver “informato la decisione del ministero della Giustizia russo di sospendere le attività dell’Agenzia ebraica in Russia”.

E il quotidiano israeliano ” Jerusalem Post ” ha riferito oggi che la Russia aveva ordinato all’Agenzia Ebraica di interrompere tutte le sue operazioni nel Paese.

Il quotidiano ha affermato che l’ordine è arrivato in una lettera del governo russo, rilevando che “la decisione russa potrebbe minare la capacità degli ebrei russi di immigrare in Israele”.

I funzionari dell’Agenzia Ebraica hanno confermato la ricezione della lettera, ma non hanno commentato la risposta, che è attualmente allo studio negli uffici dell’organizzazione a Gerusalemme, secondo il quotidiano.

Fonti di alto rango della comunità ebraica russa hanno riferito al giornale che i suoi membri “sentivano che la cortina di ferro fosse stata posta su di loro e temevano di non poter emigrare dal Paese”.

Secondo una delle fonti, “un certo numero di ebrei ha affermato che le autorità russe stanno cercando di arrestarli e che temono per la loro vita”.

Il quotidiano ha sottolineato che uno degli obiettivi principali dell’Agenzia Ebraica è incoraggiare e facilitare l’immigrazione verso le comunità ebraiche nel mondo. E se questa non è in grado di essere attiva in Russia, sarebbe “la prima volta in 30 anni che gli sforzi di immigrazione vengono vietati nel Paese”.

Il quotidiano ha affermato che la questione nasce nel mezzo della crescente tensione tra Russia e “Israele”, per quanto riguarda la posizione di quest’ultima sulla guerra in corso in Ucraina.

Le relazioni tra la parte russa e quella israeliana sono state tese da quando Mosca ha lanciato l’operazione militare in Ucraina.

Proteste in Israele davanti ambasciata russa

I funzionari israeliani seguono con preoccupazione e interesse gli sviluppi della crisi in Ucraina e stimano che le ripercussioni globali dell’escalation non si limiteranno all’Europa, ma riguarderanno il mondo intero, in particolare il Medio Oriente.

La prima sfida israeliana, secondo i commentatori israeliani, è la posizione che Israele dovrà assumere se si verifica uno sviluppo militare nell’Europa orientale, così che Israele si troverà molto imbarazzato tra Mosca e Washington, soprattutto perché è probabile che Washington chieda al governo di occupazione israeliano di prendere una posizione chiara al suo fianco.

Fonte: The Jerusalem Post

Trduzione e sintesi: Luciano Lago

4 Commenti
  • luther
    Inserito alle 20:51h, 06 Luglio Rispondi

    Chissà che sarà davvero successo. I russi non prendono decisioni di questa portata alla leggera.Magari la comunità ebraica russa stava facendo quello che fa ovunque nel mondo :piantavano grande,o almeno tentavano di farlo. Potrebbe essere ?certo che potrebbe. Nessuno è più perfido di un ebreo. E tengo a precisare che non sono affatto un antisemita solo…intellettualmente onesto.

  • luther
    Inserito alle 22:38h, 06 Luglio Rispondi

    Grane

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 10:41h, 07 Luglio Rispondi

    Ottima scelta. I soliti ritardati del welcome refugees. Utili idioti al globalismo distruttivo e demoniaco. Onestamente emigrare in Israele dopo quello che hanno fatto alla popolazione bisogna essere incoscienti.

  • Giorgio
    Inserito alle 17:55h, 07 Luglio Rispondi

    Fuori la quinta colonna sionista dalla Russia !!!

Inserisci un Commento