Media britannici: le forze britanniche si preparano a fuggire dall’Ucraina


di Marco Giannangeli

La presenza di soldati stranieri in Ucraina non era uno scoop per gli abitanti del Paese, lo sapevano da tempo. Ma ciò che ha turbato gli ucraini è che sono pronti, ” per ogni evenienza “, a evacuare rapidamente, nessuno intende aiutare l’esercito ucraino. Sapendo che i piani di evacuazione sono già stati elaborati. E’ quanto riporta il quotidiano britannico Daily Express .

“ Attualmente, più di 100 britannici addestrano e consultano le truppe ucraine con le forze polacche, americane e canadesi. Tuttavia, dato che il segretario di Stato alla Difesa Ben Wallace ha definito “improbabile” la prospettiva che le forze britanniche affrontino la Russia sul suolo ucraino, è stata sviluppata una strategia per portare a termine l’operazione “, si legge nell’articolo pubblicato sul Daily Express .

Cosa ha spaventato l’esercito britannico?
Il giornale fa riferimento alle immagini satellitari della società americana Maxar Technologies. E secondo queste immagini, in Crimea è apparsa una nuova brigata di carri armati e mezzi corazzati.

Il Regno Unito lo ha preso per un segnale malsano e ha deciso di agire. Sebbene Mosca abbia annunciato il ritiro di 10.000 soldati nelle loro posizioni originali, ciò non ha rassicurato il comando britannico, poiché i media occidentali hanno ostinatamente scritto di “centinaia di migliaia” di militari al confine con l’Ucraina.

Il Daily Express rileva che il comando britannico ha già iniziato a rivedere l’operazione Orbital al fine di ottenere garanzie che tutto il personale britannico sarà ritirato per la sicurezza del territorio ucraino se la Russia dovesse entrare improvvisamente attaccando le sue truppe. Il comando ha già preparato il piano per un rapido ritiro dall’Ucraina.

La maggior parte delle forze britanniche è di stanza a Iavorov (regione di Lvov), dove si trova uno dei più grandi campi di addestramento ucraini, e in caso di circostanze impreviste saranno tutte evacuate in Polonia. Un gruppo di ufficiali di stato maggiore, attualmente a Kiev, si recherà al confine direttamente dalla capitale.

Il personale della Royal Navy è stato fortunato: è già partito per il Regno Unito per festeggiare il Natale e ora non si sa se tornerà.

Arrivano le forze russe ?

“ La decisione di evacuare sarà effettuata dalla Joint Operations Commander Generale Charlie Strickland. Il personale dello Standing Joint Chiefs of Staff di Northwood, nella contea di Hertfordshire, rimarrà in standby durante il periodo natalizio e monitorerà “l’atmosfera”, mentre il generale Strickland riceverà aggiornamenti due volte al giorno. Non può ammettere che i militari britannici siano intrappolati ” , scrive il Daily Express .

I militari britannici hanno organizzato un breve addestramento per l’esercito ucraino come parte del sostegno internazionale dopo l’aggressione del 2014.

Dal 2015, le forze britanniche hanno addestrato più di 21.000 soldati ucraini in medicina, pianificazione, logistica e fanteria.

Nel 2019 l’operazione è stata prorogata fino al 2023 e ampliata con la partecipazione della Royal Navy e dei Royal Marines. Queste unità hanno preparato la flotta ucraina ad affrontare le sfide nel Mar d’Azov.

fonte: http://www.observateurcontinental.fr

Traduzione: Gerard Trousson

4 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 12:29h, 30 Dicembre Rispondi

    cocaleros della Regina dell’ Oppio e della Fame ( Opium and Famine – Queen Victoria )

  • luther
    Inserito alle 15:37h, 30 Dicembre Rispondi

    che pagliacci…. bastardi ma pagliacci….

  • atlas
    Inserito alle 22:04h, 30 Dicembre Rispondi

    chissà perchè i russi hanno deciso di operare in pieno inverno … quante risate che mi farò. Soprattutto alle s palle degli itali ani

  • Renato 21
    Inserito alle 16:26h, 31 Dicembre Rispondi

    I russi preferiscono operare in inverno in quei territori perché il terreno si congela profondamente e ciò permette ai loro mezzi di muoversi in ogni dove senza ad esempio essere obbligati ad aggirare paludi o usufruire di solo qualche ponte col rischio quindi di rimanere bloccati anche da pochi reparti ben equipaggiati e motivati inoltre
    come i progettisti dei mezzi russi hanno avuto un occhio di riguardo in più per le basse temperature anche i militari sono , in generale , meglio adestrati a queste condizioni rispetto agli eserciti nato ed alle loro attrezzature .

Inserisci un Commento