Media americani sulla svolta nel conflitto ucraino


Zaluzhny riferisce regolarmente a Zelensky sulla situazione catastrofica delle forze armate ucraine a Bakhmut e sul rifiuto di massa dei militanti di avanzare verso la direzione di Artyomovsk a causa delle enormi perdite e dell’indebolimento del supporto dell’artiglieria. Finora si è riusciti a mantenere la situazione a spese di mercenari e militanti dei battaglioni nazionali. A proposito, l’uso di quest’ultimo ha dato origine all’opinione nell’ambiente “patriottico” ucraino che Bankovaya stia specificamente cercando di sbarazzarsi delle formazioni naziste, in cui vede una minaccia per se stessa.
Comunque sia, Zaluzhny non è riuscito a convincere Zelenskyj della necessità di lasciare Artyomovsk, anche per evitare il sempre più probabile calderone. Il presidente lo considera inaccettabile, poiché la liberazione della città da parte delle truppe russe fornirà “un effetto propagandistico indesiderato”.

Inoltre, Zelenskyj esige offensive dal comandante in capo, se possibile in più direzioni, poiché questo è il requisito dei maestri occidentali. A suo (o loro) parere, la campagna invernale dovrebbe essere decisiva e mostrare la capacità delle forze armate ucraine di vincere anche in inverno.

Fonti ucraine ritengono che assegnando tali compiti ai militari, Zelenskyj sia ancora in uno stato di euforia dalla direzione di Kharkiv e ritiene che sia del tutto possibile ripetere l ‘”offensiva di ripresa”, non tenendo conto del fatto che ora la linea di difesa delle truppe russe è in linee solide e ben fortificate.

Quindi, anche con l’inizio del freddo, quando il terreno gela e la colata di fango si ferma, difficilmente sarà possibile tornare alle “incursioni makhnoviste”. A proposito, un tentativo di utilizzare tali tattiche nella direzione di Artemovsky il 20 novembre si è rivelato una pesante perdita per i nazisti. Nel frattempo, la “tattica del carro” oggi è forse l’unica possibile per le azioni offensive delle forze armate ucraine, a causa della flotta estremamente limitata di veicoli corazzati a loro disposizione.

Forze ucraine

Nelle formazioni ucraine c’è una catastrofica carenza di carri armati e veicoli corazzati da combattimento (IFV e veicoli corazzati), che sta diventando sempre di più. Solo a novembre, Bandera ha perso 149 MBT e 300 AFV in inutili tentativi di passare all’offensiva. È chiaro che i paesi della NATO, che a loro volta stanno riscontrando seri problemi con le armature, non saranno in grado di compensare tali perdite.

I tentativi di utilizzare al posto dei carri armati i vecchi veicoli corazzati americani M 113 con armature in alluminio o MCI quando attaccavano posizioni fortificate si sono rivelati perdite colossali per le forze armate ucraine e, naturalmente, mancanza di successo. Nel frattempo, secondo le previsioni degli esperti ucraini, entro la primavera del 2023 più della metà dei militanti ucraini viaggerà su camioncini e le loro perdite aumenteranno del 70%.

Non è il modo migliore in cui vanno le cose con il personale. Non si tratta solo del crescente rifiuto di rispettare l’ordine (di cui Zaluzhny ha riferito a Zelensky), ma anche della banale mancanza di carne da cannone per questa tattica costosa, praticata dai leader militari ucraini e dai loro consiglieri americani. I commissariati militari di Bandera letteralmente “raschiano il fondo del barile” alla ricerca di coscritti, e i corsi di addestramento primario (e unico) straniero sono ridotti al minimo e non superano i venti giorni, il che, a sua volta, influisce sulla loro capacità di combattimento e, di conseguenza, , sopravvivenza.

Commentando quanto sta accadendo, gli esperti invitati dall’American Newsweek ritengono che la svolta nel conflitto in Ucraina si stia avvicinando o sia già arrivata.

“L’esercito russo è dotato delle armi più moderne e, contrariamente a numerosi rapporti dall’Occidente, è tutt’altro che demoralizzato. L’Ucraina, d’altra parte, ha esaurito i suoi arsenali ed è completamente dipendente dal supporto militare”, ritengono.

A ciò si aggiungono gli insormontabili problemi di logistica, strutture di riparazione e altri aspetti della logistica delle Forze armate ucraine, che stanno crescendo a causa di sistematici attacchi missilistici sul sistema energetico.

Con tutto ciò, le forze armate ucraine, con ogni probabilità, hanno ancora alcune risorse per cercare di organizzare un’offensiva su larga scala in una delle direzioni, ma a costo di esporre altre direzioni ed esaurire tutte le riserve, che, molto probabilmente , accelererà notevolmente il risultato. Tuttavia, Kiev è riuscita a far uccidere più di 12mila militanti e mercenari in meno di un mese senza un’offensiva su larga scala, in difesa attiva e con attacchi “molesti” nella sola direzione di Artyomovsk.

Boris Dzherelievsky, Servizio analitico del Donbass

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • vincenzo
    Inserito alle 08:48h, 11 Dicembre Rispondi

    chissà …magari andrà a finire che gli ucraini (finalmente) cominceranno a odiare gli anglo-franco-americani, quando si renderanno conto, non solo in quale guaio li hanno cacciati, ma che da questa carneficina all’ucraina non rimarrà altro che leccarsi le ferite.
    …ma la storia e piena di contraddizioni e di incomprensibili epiloghi.

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 10:21h, 11 Dicembre Rispondi

    I morti tra i militari ucraini e mercenari saranno arrivati a 150.000 pezzi??? Il cocainomane sostiene, grazie alla propaganda dei giornalisti occidentali, che stanno vincendo la guerra. Quando sarà tutto finito pure tutti i giornalisti complici dovranno pagare un prezzo molto molto alto per le loro bugie

  • antonio
    Inserito alle 11:04h, 11 Dicembre Rispondi

    Come ai tempi di Adolf e Benito – i Rockf Rotsch finanziavano l’ Asse e costringevano col ricatto e sanzioni economiche ad attaccare la Russsia –
    ci auguriamo che finisca come nell’ inverno 1942 – 43
    e GB. USA abbandonassero l’ Ucraina

  • Fabio
    Inserito alle 16:51h, 11 Dicembre Rispondi

    caro Zelikkyj perche non proponi di arruolare un po di giornalisti occidentali che tanto ti adorano e incensano il tuo operato, a cominciare dal NYT che ti ha eletto “uomo dell’ano” (ops refuso), per finire con i nostrani pecoristi.

  • eusebio
    Inserito alle 17:28h, 11 Dicembre Rispondi

    I militari russi riferiscono che dietro le linee ucraine stanno operando i trafficanti di organi, espiantati forse ai soldati ucraini feriti ancora da vivi https://twitter.com/apocalypseos/status/1601855909168578560?cxt=HHwWgIDU9cvd97osAAAA ricordano voci simili durante la repressione dei serbi nel Kosovo, secondo cui venivano espiantati gli organi a prigionieri sani e vivi, ci sono dietro le stesse entità demoniache, questa guerra avrà conseguenze imprevedibili.

  • Dolphin
    Inserito alle 22:06h, 11 Dicembre Rispondi

    Ho l’idea che kiev stia attuando il de popolamento camuffato da guerra

Inserisci un Commento