MASSICCI ATTACCHI RUSSI HANNO COLPITO L’ESERCITO UCRAINO NELLA REGIONE DI DNEPROPETROVSK


Le forze russe hanno lanciato un altro massiccio attacco alle strutture militari ucraine lontane dalla linea del fronte. Finora sono stati segnalati attacchi russi nella città di Pavlograd, nella regione ucraina di Dnipropetrovsk.

Secondo quanto riferito, per l’attacco sarebbero stati utilizzati missili russi e UAV kamikaze.

Secondo le prime informazioni, almeno otto esplosioni hanno già tuonato in città. Gli obiettivi sarebbero stati i magazzini e nella zona industriale. Sono stati segnalati anche danni a treni e binari ferroviari.
Pavlograd è una città strategicamente importante nella regione di Dnipropetrovsk, dove si trovano due hub ferroviari necessari all’AFU per trasferire le riserve a Kramatorsk, Slavyansk e Bakhmut. La città è stata ripetutamente presa di mira da attacchi missilistici lo scorso anno.

Un sacco di personale e attrezzature militari ucraine sono state dispiegate in città. In mezzo all’imminente offensiva ucraina, il loro numero è recentemente aumentato. L’esercito ucraino ha inviato in città un gruppo di truppe e attrezzature, coprendo decentemente l’area con la difesa aerea. Tuttavia, questo non è bastato e i missili russi hanno raggiunto i loro obiettivi.

Il filmato sul posto conferma che ci sono state detonazioni secondarie a seguito degli attacchi, il che significa che le strutture militari dell’AFU sono state distrutte. Gli obiettivi possono includere treni con attrezzature e munizioni, magazzini o missili di difesa aerea.

Le autorità locali ucraine devono ancora commentare gli attacchi. Hanno solo ricordato ai residenti locali di non ignorare l’allarme e di rimanere nei loro scantinati.

Fonti ucraine hanno riferito che 16 bombardieri strategici russi Tu-95MS stanno ora volando verso l’Ucraina. A quanto pare, nelle prossime ore sono previsti altri attacchi russi.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM