Martiri e feriti a Jenin.. e la “Sala comando delle forze della resistenza”: il proseguimento dell’aggressione determinerà la natura della risposta

placeholder




I martiri sono aumentati e un certo numero di feriti è caduto dopo che le forze di occupazione hanno preso d’assalto Jenin, e la sala comune delle fazioni della resistenza invita tutte le fazioni a Jenin e il suo campo a unirsi e condurre il confronto con l’occupazione in modo unificato, in mezzo alla continuazione dell’esercito israeliano nell’aggressione alla città.
Il Ministero della Salute palestinese ha annunciato che 9 persone sono state uccise e altre 50 sono rimaste ferite, di cui 10 gravemente, nel continuo bombardamento israeliano di siti e case a Jenin.

Le Brigate Al-Qassam nel campo di Jenin hanno confermato che i mujaheddin di tutte le fazioni palestinesi stanno affrontando “l’esercito” dell’occupazione nei vicoli del campo di Jenin, infliggendo loro ferite dirette, piangendo il martirio del combattente Ali al-Ghoul mentre affrontava le forze di occupazione sul campo.

Questo avviene dopo che l’esercito di occupazione israeliano ha annunciato, all’alba di oggi, lunedì, l’inizio di un’operazione militare su larga scala contro la città di Jenin e il suo accampamento nella Cisgiordania settentrionale occupata.

Nel frattempo, la sala comune delle fazioni della resistenza palestinese ha confermato che la continuazione dell’aggressione contro Jenin e il comportamento dell’occupazione è “ciò che determinerà la natura della risposta della resistenza” e che “gli eroi di Jenin sono determinati a umiliare il nemico e spezzare la sua arroganza”.

La sala comune delle fazioni della resistenza ha aggiunto in una dichiarazione che è “in uno stato permanente di riunione per seguire la barbara aggressione contro Jenin”, sottolineando che “la resistenza in tutte le arene non permetterà al nemico di invadere il popolo di Jenin o individuare i comabattenti della resistenza.”

La Camera ha invitato tutte le fazioni della resistenza a Jenin e nel suo campo a unirsi e condurre il confronto in modo unitario.Ha anche invitato il popolo palestinese in tutte le città, villaggi e campi, specialmente intorno a Jenin, ad attivare il confronto con l’occupazione, sostieni Jenin e insegna al nemico dure lezioni in risposta alla sua aggressione.

Resistenza palestinese contrasta forze israeliane

Ha anche invitato i combattenti della resistenza in tutte le arene a “prepararsi a rispondere all’aggressione nel caso in cui l’occupazione decida di continuare il suo crimine e persistere nella sua aggressione”.

La sala comune ha pianto i martiri del campo di Jenin, affermando che l’occupazione ha iniziato la sua aggressione contro il campo “sotto la copertura dell’oscurità all’alba di oggi, sperando di spezzare la spina dell’eroismo di Jenin e con l’illusione della sua capacità di sradicare la rivoluzione e la resistenza del nostro popolo a Jenin e nella Cisgiordania occupata”.

All’alba di oggi, la radio dell’esercito di occupazione ha dichiarato: “È stato deciso di avviare un’operazione militare su larga scala a Jenin volta a contrastare l’infrastruttura armata e ad arrestare i suoi membri a Jenin”.

I media israeliani hanno dichiarato che l’attacco a Jenin è sotto la guida del comandante della divisione della Cisgiordania nell’esercito di occupazione, Avi Balut, annunciando che si chiamerà “Casa e giardino”, e che durerà 72 ore, e prende di mira principalmente il campo di Jenin.

E i media israeliani hanno riferito che più di 1.000 soldati stanno prendendo parte all’operazione militare a Jenin con blindati ed elicotteri.

Successivamente, il Battaglione Jenin delle Brigate Al-Quds, l’ala militare del Movimento Jihad Islamico, ha confermato in un comunicato speciale ad Al-Mayadeen la sua alta disponibilità a respingere l’aggressione lanciata dall’occupazione alla città di Jenin e al suo accampamento.

Nella sua intervista con Al- Mayadeen, il battaglione ha spiegato: “Se il nemico pensa che, con i suoi raid aerei sul campo di Jenin e bombardando le case dei cittadini della sicurezza, che avrebbe rotto la determinazione dei nostri mujaheddin o indebolito la resistenza in il campo, allora sbaglia ed è delirante.”

Il battaglione ha rassicurato il popolo palestinese e le masse della resistenza attraverso i campi, sottolineando che sta bene, pronto al combattimento e che il morale dei suoi combattenti è alto, che non sarà spezzato da bombardamenti o assedi e che non c’è altra via che la vittoria o martirio.

Le Brigate Al-Quds – Brigata Jenin hanno rilasciato un breve comunicato annunciando la battaglia di “Bass Jenin” per rispondere all’aggressione e all’incursione delle forze di occupazione nella città di Jenin e nel suo accampamento.

Fonte: Rete Al-Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM