Maria Zakharova mette al suo posto lo Straussiano Blinken con i suoi ultimatum

Gli Stati Uniti hanno lanciato un nuovo ultimatum alla Russia. La risposta non si è fatta attendere ed è stata gentile.
Gli Stati Uniti hanno ancora una volta, a loro modo, chiesto alla Russia, sotto forma di un ultimatum, di annullare la sua decisione di riunire i paesi dell’America Latina per formare un blocco militare sotto il suo comando, sotto il naso degli Stati Uniti.

Tuttavia, la Russia ha chiarito che non permette a nessuno di affrontare la questione in questo modo, che qualsiasi ultimatum che le venga dato è solo un atto stupido che non porterà a nulla. Questa volta è stata la rappresentante del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ad avere l’onore di rispondere con tutta grazia.

La sua risposta è stata estremamente forte e ha causato una vera e propria isteria all’interno del Dipartimento di Stato americano, dove non sono affatto abituati a sentirsi parlare con questo tono.

Maduro con Putin

Gli americani sentono il respiro dei russi non lontano.

Gli eventi nel mondo di oggi si stanno sviluppando molto rapidamente. Hanno accelerato ulteriormente quando il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato che in America Latina sarebbe stato formato un blocco militare in cui Mosca avrebbe svolto un ruolo chiave.

Del blocco in formazione dovrebbero far parte Venezuela, Brasile, Cuba, Uruguay e Nicaragua. Questa notizia ha causato il panico al Dipartimento di Stato.

La reazione di Washington non si è fatta attendere. Questo è ciò che ha detto Antony Blinken su questo argomento:
“ Mosca deve porre fine al progetto di blocco militare nel continente americano. Qui non è tollerabile alcuna alleanza militare senza la partecipazione e la leadership degli Stati Uniti.

Antony Blinken

La dichiarazione che facciamo oggi è un ultimatum. Se Mosca non la vedrà in questo modo, Washington adotterà misure più severe. Questo è il nostro ultimo avvertimento. Consigliamo vivamente a tutti i membri del progetto del blocco militare di abbandonare l’attuazione del progetto ”.

Tuttavia, non hanno detto quali misure severe avrebbero adottato. Certamente perché di fatto non hanno più alcuna leva da applicare alla Russia.
Ma la cosa più notevole è un’altra.

Dopo l’infuocato discorso di Blinken al blocco guidato dalla Russia, Argentina e Messico hanno espresso il desiderio di unirsi alla nuova organizzazione! Molti si chiedono come reagirà Mosca a tutte queste dichiarazioni di alto profilo.

Questa volta è stata Maria Zakharova ad avere l’onore di rispondere a questo attacco. Ha dichiarato quanto segue:

La Federazione Russa non capisce il linguaggio degli ultimatum. Washington può lanciarli contro coloro che lo permettono, ma non contro di noi. Abbiamo ripetutamente indicato agli Stati Uniti che non possiamo consentire l’organizzazione di blocchi militari lungo i confini della Russia, ma gli Stati Uniti in risposta ci hanno solo riso in faccia. Oggi è arrivato il nostro turno di ridere in faccia agli Stati Uniti ”.

Inoltre Maria Zakharova ha aggiunto che questa sarebbe una vera lezione per gli Stati Uniti. Nei cosiddetti paesi civili, infatti, è consuetudine costruire relazioni basate sul rispetto degli interessi reciproci.

Bisognava ascoltare Mosca quando spiegava i propri interessi. Adesso non puoi più offenderti. La Russia a sua volta “ prenderà per il collo gli Stati Uniti ”.

In effetti, le sue parole erano brillanti. Tuttavia, gli Stati Uniti non sono in grado di misurarne l’entità. Nei media filoamericani si è creata una vera e propria isteria, secondo la quale nessuno può parlare in questo modo con gli Stati Uniti.

Dopotutto, gli Stati Uniti stanno solo raccogliendo i frutti della loro politica vecchia di anni. Non è niente di più. Ciò che accadrà dopo sarà ancora più interessante.

Fonte: Reseau International

Traduzione: Luciano Lago

17 commenti su “Maria Zakharova mette al suo posto lo Straussiano Blinken con i suoi ultimatum

  1. Stupendo, magnifico. Vladimir Putin è un grande e il suo staff non è da meno. Non esiste statista, attualmente, che possa eguagliarlo. La Russia si conferma per il suo ruolo chiave nel disegno di lotta della Provvidenza contro il satanismo che governa nelle Cancellerie dell’occidente collettivo e che sarà a breve, a causa della sua arroganza, causa del suo male.

    1. Napoleone e Giulio Cesare oggi potrebbero fare i portaborse di Putin … è lo statista più in gamba che la storia dell’essere umano abbia avuto fino hai giorni nostri.

  2. Liberiamo l’ America Latina dai Gangsters Goldfingers … basta orrori sfruttamenti crimini e genocidi alla Kissinger Pinochet Videla Laghi – Gloria Eterna alla Grande Madre Russia e alla Grande Cina

  3. lo stato fallito non mollerà facilmente, come diceva qualcuno prima di me , la bestia ferita è molto più pericolosa ed imprevedibile, il nostro problema è che a causa di politici ottusi o semplicemente corrotti, ci trascineranno a fondo con loro

  4. Onore e deferenza a quanti combattono, versando il proprio sangue e il sangue di propri figli, per un mondo nel quale i propri nipoti possano essere definiti uomini, maschi e femmine in tutta la loro dignità. Dai noi altri invece, la madre dei bruti è sempre incinta in salotto.

  5. Ma come, tutti quei discorsi sulle porte aperte a chi vuole entrare nella Nato, sul fatto che l’Ucraina è un paese sovrano e ha diritto di entrare in questa alleanza militare, e poi quando la stessa cosa avviene a parti rovesciate si ribellano ?

  6. I Russi sono ottimi giocatori di scacchi.
    Lo stanno dimostrando, su tutti i campi.
    L’occidente collettivo sta sprofondando sempre di più

  7. Lo abbiamo detto da tanto tempo, gli USA stanno perdendo il loro cortile di casa ! Il primo paese a liberarsi dalla tirannia liberista made in Usa fu Cuba, che ancora pateticamente tentano di sabotare con ridicole sanzioni, dopo averle fallite tutte, sbarco mercenario diretto dalla Cia alla Baia dei Porci, tentati omicidi di Castro, tentativi di fomentare rivolte interne, tutto inutile ! Non solo, ma si sono aggiunti nel tempo anche altri paesi, come Nicaragua, Venezuela, Brasile, Uruguay e forse Argentina e Messico. Inoltre è dell’altro giorno la notizia che il governo Boliviano ha rotto le relazioni diplomatiche con i sionisti, e Colombia e Cile hanno ritirato i propri ambasciatori da Tel Aviv …. Insomma butta male per gli USA, non solo nel resto del mondo ma anche nel suo sempre più piccolo “cortile di casa” ! Insomma il sogno di tanti di noi commentatori di vedere basi militari e missili russi a Cuba, Nicaragua e Venezuela sono sempre più realistici !

  8. Gli USA ritenendosi al sicuro oltre oceano portano la guerra , la miseria e la morte in tutto il mondo.
    ‘E ora che siano minacciati in casa, dove già si massacrano quotidianamente tra loro con le armi che acquistano facilmente : che paese incivile !

  9. Non mi ritengo un tifoso di una parte o dell’altra ma un semplice osservatore, per cui vi dico che fra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare.

  10. Onore al grande Presidente Putin ed alla Russia.
    Una mossa di scacchi eccezionale!
    Gli jankees colonizzano da decenni gli Stati europei per le loro mire belliche nei confronti della Russia però non accettano che Stati vicini geograficamente agli Usa possano allearsi con la Russia.
    Il solito doppiopesismo ipocrita

  11. Grandiosa Maria! Capace, competente, informata, colta, equilibrata, garbata, signorile… e sempre attenta e pronta a rispondere con puntuale efficacia. Putin e Lavrov non avrebbero potuto fare scelta migliore assegnandole l’ufficio di Araldo degli Esteri (“portavoce” non rende l’idea…). Avessimo una Persona simile in Italia, al posto della miserevole Sciampista di Palazzo Chigi… Che vergogna, per noi, con una classe politica incapace e venduta, essere costretti al servaggio atlantista e sionista, avere a che fare con delle canaglie come Blinken, Nuland, Netanyahu…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM