Maria Zajarova alla Theresa May: gli ultimatum di 24 ore puoi farli “a tua sorella”, non certo alla Russia

Dopo che la premier britannica aveva dato un ultimatum di 24 ore a Mosca per spiegare la vicenda dell’avvelenamento dell’ex spia russa , sostenendeo che questo episodio “ha rappresentato una palese ed inaccettabile violazione dei principi fondamentali del diritto internazionale e di comportamento civile”, si è manifestata la reazione russa.

Giunti a questo punto la portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zajarova, è intervenuta per rispondere a tono alla May ed ha suggerito al Regno Unito di evitare di proferire minacce ad una potenza nucleare come la Russia.

In sostanza la Zajarova ha detto che nessuno può dare ultimatum di 24 ore alla Russia, visto che questa è una potenza nucleare, non vale la pena farlo, e che le accuse della May sono assurde e prive di prove, così come risutano prive di senso le richieste della May alla Russia di dare “una spiegazione credibile” sul caso dell’avvelenamento dell’ex spia russa, Serguéi Skripal, avvenuta in territorio britannico. Tanto più in quanto la Gran Bretagna si è rifiutata di fornire a Mosca ulteriori elementi di indagine su cui indagare, richiesti da Mosca, per chiarire come si sia verificato il tentativo di assassinio di una persona che viveva da anni libera in Gran Bretagna e non rappresentava alcuna minaccia per Mosca.

principe saudita con Theresa May a Londra

Nota: Il capo del Governo britannico, Theresa May si lancia in accuse gratuite alla Russia prima ancora di esibire prove sulla vicenda e sale in cattedra a dare lezioni di diritto internazionale. Proprio la May che ha appena incontrato il principe saudita a cui la Gran Bretagna fornisce tonnellate di armi ed assistenza militare per massacrare la popolazione dello Yemen. La stessa Gran Bretagna che è stata protagonista e complice di un lungo elenco di assassini all’estero di cittadini di varie nazioni, palestinesi, iraniani, egiziani, ecc.. considerati scomodi per la politica estera del Regno Unito. Esemplare il caso degli cienziati iraniani assasinati nel loro paese o all’estero ad opera di agenti britannici ed israeliani.

Queste accuse sono state lanciate contro la Russia dalla premier in carica della Gran Bretagna, ovvero di quella potenza che, durante il governo di Tony Blair, ha invaso, assieme agli Stati Uniti (di cui sono il “cane fedele”), il territorio della Repubblica dell’Iraq, nel 2003, in base a falsi pretesti (le “armi di distruzione di massa”) ed ha procurato le più grandi devastazioni in quel paese e centinaia di migliaia di vittime civili. La stessa potenza che pochi anni dopo ha condotto una vergognosa campagna di tipo neocoloniale contro un paese indipendente e membro dell’ONU, la Repubblica della Libia, anche qui in base a falsi pretesti (una presunta rivoluzione) per appropriarsi delle risorse di tale paese, seminando il caos e suscitando il sorgere di bande terroriste incontrollabili.

Senza considerare gli ufficiali delle special forces britanniche infiltrati fra i terroristi in Siria che conducono le loro operazioni criminose contro la popolazione siriana. Questi, dico proprio questi , gli eredi dell’Impero Britannico, vogliono venire ad impartire lezioni agli altri?

Non è la prima volta che questa signora britannica si arroga il diritto, per contro della Gran Bretagna, di impartire lezioni improbabili di diritto ad altri paesi senza prima guardarsi in casa propria e verificare i tanti scheletri custoditi negli armadi della sua cancelleria. Direbbe il grande Totò, “ma ci faccia il piacere” .

Fonti: Hispan Tv      Sputnik Mundo

Traduzione e nota: Luciano Lago

24 Commenti

  • XD
    14 marzo 2018

    Questi sono gli inglesi…quelli che dal 1600 in poi colonizzando l’ America hanno portato nei secoli a venire morti e distruzioni! Vergognatevi!

    • lister
      14 marzo 2018

      … e cancellando dalla faccia della Terra una intera popolazione indigena in America (sterminati 12 milioni di pellerossa) ed in Australia
      dove, a partire dal 1788, hanno sterminato la popolazione aborigena.

      • Paolo
        14 marzo 2018

        @Lister
        Sono 100milioni i nativi americani ammazzati. dagli allogeni anglofoni.
        Fatti un giro sul web.

  • Mardco De Luca
    14 marzo 2018

    Agli assassinii degli inglesi mi sentirei anche di aggiungere il povero Regeni…

    • Walter
      16 marzo 2018

      Non ne sarei troppo convinto. Volendo fare un po’ di dietrologia, chi ci ha guadagnato da questo battibecco tra Italia ed Egitto è stato ENI, che ha guadagnato potere contrattuale sulle quote per lo sfruttamento del giacimento di idrocarburi di recente scoperta nel Mediterraneo.

  • giuseppe
    14 marzo 2018

    Sei forte Maria Zajarova … altro che la velina us.

  • pierovalleregia
    14 marzo 2018

    salve
    osservate bene la foto della portavoce russa: io noto una persona degna, carismatica, viva, decisa, sicura, ispira fiducia; i suoi occhi sono sinceri, forti.
    Adesso mentalmente, andate a rivedervi la boldrini, la botteri, gentiloni, renzi, berlusconi, mattarella, vendola, bonino e, trovate le differenze.
    un saluto
    Piero e famiglia

    • Anonimo
      14 marzo 2018

      Caro Piero,sono assolutamente d’accordo con te. Maria Zakarova è di un’altro pianeta rispetto alle mezze meschine figure della boldrini,
      fedeli, e troie varie del pseudo parlamento-bordello italiota.

    • atlas
      15 marzo 2018

      Piero: una bellissima donna. Quanto sono simili alle streghe invece anche le inglesi più belle

    • Walter
      16 marzo 2018

      Anche bella. Fa sognare.

  • Nicola
    14 marzo 2018

    Domanda per la “zia May”: Perché Putin avrebbe dovuto segnare questo “autogoal” a pochi giorni dalle elezioni? Invece “qualcuno” vuole proprio screditare Putin, gettando fango, allo scopo di fargli perdere un pò di consenso elettorale: rassegnatevi, Putin vinvcerà le prossime elezioni!

    • XD
      14 marzo 2018

      Speriamo!!!

    • Walter
      16 marzo 2018

      Secondo me, vogliono anche appropriarsi dei capitali russi nella capitale londinese. E non sono pochi.

  • Paoloribalko
    14 marzo 2018

    gli ultimatum di Theresa May sono gli ultimatum di una deficiente.

  • Paolo
    14 marzo 2018

    Attenzione perché il cane fedele non è l’Inghilterra, il padrone, ma gli Usa.
    Possiamo tranquillamente affermare che gli Usa sono la manodopera che serve agli inglesi per portare e mantenere
    le loro attività nel mondo.

  • Stefano radi
    14 marzo 2018

    Sono decenni che noi italiani sopportiamo e paghiamo pegno per l’arroganza britannica. La Perfida albione ha sempre considerato l’Italia un’espressione geografica fastidiosamente collocata tra essa e i luoghi di suo interesse, ovvero i pozzi petroliferi arabi. L’inghilterra ex regina dei mari e del colonialismo, guerrafondaia e’ stata la grande promotrice della seconda guera mondiale della quale ha fatto pero’ le spese. Hitler ebbe il grave torto di non afondare il colpo a Dunquerque e di voler ad ogni costo trovare un accordo diplomatico con la Gb. Mussolini credette di trovare in Chamberlen prima e Churchill poi dei gentiluomini. Forse con il primo poteva avere qualche speranza, ma con il secondo fini’ com” noto, dopo aver ritenuto di poter essere il supporter dell’inghilterra al tavolo delle trattative con la Germania. Oggi il serpente che avvinghia il mondo degli onesti ha la sua testa a Londra ed e’ la che va annientato.

  • atlas
    15 marzo 2018

    sono convinto che Theresa May e Boris Johnson non rappresentino proprio tutta la GB. Ma se così fosse o almeno in grande percentuale…allora che la Russia cancelli fisicamente quell’isola demoniaca a forma di bestia una volta per tutte e per sempre. Senza alcuna remora

    • pierovalleregia
      15 marzo 2018

      … lasciando però in pace, scozzesi, irlandesi e gallesi vittime anche loro dei perfidi albionici …
      un saluto
      Piero e famiglia

      • claudio
        15 marzo 2018

        È ovvio che l’operazione skripal è opera del mossad.
        Ragioniamo un attimo, se Putin lo voleva morto lo uccideva quando ce l’ aveva nelle sue carceri.. ci vuol poco a far credere che uno sia morto d’infarto.. la racchia albionica è culiloqua come la samantha powers dell’altro giorno, non fa altro che agitarsi a comando..

    • Walter
      16 marzo 2018

      Si chiama Sarmat, pesa 200 ton, 11,000 Km di gittata.

  • Walter
    16 marzo 2018

    Maria Zajarova sei stupenda, l’unico difetto che hai è che ti chiami come mia moglie.

  • Nicola
    16 marzo 2018

    Maria Zakharova sarebbe una traslitterazione migliore.
    J in spagnolo si legge più o meno come c aspirata e suona quasi come una k mi sembra un errore di traduzione dallo spagnolo

  • Walter
    16 marzo 2018

    Ragazzi, c’è un problema: Theresa May non ha sorelle; neanche fratelli e nemmeno figli. E’ figlia di un prete. Le sue turbe potrebbero derivare da una delle suddette mancanze. O da altre non riportate.

  • Walter
    16 marzo 2018

    Continua dal precedente commento (scusate se insisto): In compenso, potrebbe trovare una solida amicizia con Gina Haspel (di recente nominata capo della CIA) con cui condivide un profondo disprezzo dei diritti umani. Voci di corridoio dicono che le due stiano scrivendo insieme un libro-manuale destinato a diventare un best-seller per un pubblico sado-maso: “Torturare è bello”. Staremo a vedere.

Inserisci un Commento

*

code