"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Magaldi: Germania fuorilegge, il rimedio verrà dall’Italia

Le elezioni in Germania? Tutto molto prevedibile. Continua la discesa rovinosa dei sedicenti socialdemocratici, capeggiati dal sedicente progressista Schulz, mentre la Merkel – appannata – tiene, ma perde punti. La verità è che tutta la politica è in crisi, perché la Germania non è altro che una locomotiva eterodiretta da poteri che trascendono la Germania stessa e persino le istituzioni europee. Sono poteri di cui ho parlato lungamente nel libro “Massoni” (Ur-Lodges reazionarie, superlogge internazionali e loro emanazioni finanziarie paramassoniche).

Sono poteri privati, sovranazionali, che hanno fatto della Germania – e in parte anche della Francia, ultimamente subalterna a Berlino – le locomotive di una gestione neo-feudale, tecnocratica e oligarchica dell’Europa. Questo in Germania ha portato a un eccessivo surplus nelle esportazioni, scandaloso ed eversivo, rispetto alle stesse (brutte) norme europee.

Quindi una politica mercantilista della Germania: fuorilegge, rispetto alle leggi Ue che vengono così spesso invocate. Ciò ha causato una compressione persino della domanda interna: in Germania proliferano i cosiddetti “mini-job”, la gran parte della popolazione ha redditi modesti, non ci sono grandi consumi. Tutto ciò per far crescere il sistema-Germania in termini di esportazioni, togliendo quote di mercato ad altre industrie, specie quella italiana.

La si voleva distruggere, la nostra industria: il grande economista Nino Galloni, vicepresidente del Movimento Roosevelt, denuncia da anni il progetto di deindustrializzazione dell’Italia (parzialmente fallito: l’Italia è in crisi, ma regge). Però in Germania si pensa che tutto vada bene, che sia un paese dove tutti godono a scapito degli altri – perché si vuole alimentare un clima di scontro tra nazioni. E questo perché, dietro, c’è tutto un progetto, per il quale questa falsa Unione Europea ha fomentato nuove rivalità e nuovi nazionalismi. E quello che si vuole realmente è il caos: perché nel caos politico, cioè nell’incapacità di formare maggioranze nette contro opposizioni nette che alimentino una sana dialettica democratica, a guadagnarci sono proprio quei poteri extra-politici che gestiscono bene il caos, favorendo grandi ammucchiate. Non si sa bene chi sta al governo e chi all’opposizione, e quindi si va avanti col “pilota automatico” di cui parlava a suo tempo Mario Draghi. E cioè: per l’Europa c’è un’unica e sola ricetta, quella della mortificazione della classe media in tutti i paesi, della mortificazione del diritto al lavoro, dell’abbassamento dei salari.

In più, a questo si aggiunge un’assenza nella politica dell’immigazione, quindi con una concorrenza al ribasso tra i lavoratori europei e questi poveracci che arrivano in grandi masse, grazie anche ad altre operazioni estremamente dubbie, opache, come le false primavere arabe e tutti quegli sconvolgimenti che hanno trasformato il Nordafrica, il Maghreb e il Medio Oriente in punti di partenza di un esodo che poi non viene gestito. Proprio la Germania è il luogo in cui vanno ripristinate alcune regole, se si vuole un’Europa diversa, poco importa se unita sotto un unico governo o formata da nazioni sovrane. La Germania non sta svolgendo il ruolo di leader di un’Europa coesa e convergente verso il benessere dei popoli europei. E secondo me, visti i risultati elettorali, non è dalla Germania che partirà la cura. La cura della Germania può partire dall’Italia, perché la Francia è imbalsamata da quell’altro burattino di Macron. Bisogna evitare che in Italia ci sia una fotocopia di quanto accaduto in Germania.

Diciamo che la Francia ha proposto, con Macron, un Renzi un po’ più strutturato e più solido – durerà anni, sarà come Hollande o peggio di Hollande, ma con le caratteristiche giovanilistiche di Renzi, quindi da lì non verrà nulla. L’Italia invece è il vero luogo dove si combatte la battaglia per la democrazia.

Questo scenario europeo è collegato agli scenari mondiali e a quello mediterraneo: davvero, l’Italia è l’epicentro delle vere battaglie del nostro tempo. La democrazia è questo: piena legittimazione e alternanza tra partiti e coalizioni che hanno idee nettamente diverse, nel rispetto di regole condivise.

Merkel e Macron

La presunta ultra-destra tedesca? Lo scenario sembra nuovo, ma è tutto vecchio. Come ogni altra destra “estrema”, anche Afd finirà per puntellare governi di larghe intese. In ogni caso il suo exploit non fa parte della vera agenda politica europea dei prossimi mesi, che invece riguarda quello che sta accadendo nel Regno Unito – non a caso, obiettivo di diversi attentati terroristici a ripetizione – e, ripeto, quello che accade in Italia.

Rischio di neo-nazismo in Germania? Non scherziamo. L’egemonia tedesca che si perseguiva allora tramite il nazismo oggi si persegue per altre vie. Esemplare la figura di Hjalmar Schacht, stratega economico-finanziario che passò indenne dalla Repubblica di Weimar al nazismo e poi alla Repubblica Federale Tedesca. Se c’è un ruolo pernicioso della Germania non sarà interpretato da ultra-destre che mai arriveranno al potere, ma da questo consociativismo imperniato sulla Merkel, che si fa grimaldello di “poteri altri”, privati e sovranazionali.

(Gioele Magaldi, dichiarazioni rilasciate a David Gramiccioli di “Colors Radio” nella trasmissione “Massoneria On Air” del 25 settembre 2017).

Fonte: Libre Idee

*

code

  1. Annibale55 4 settimane fa

    In Italia si combatte per la democrazia?…dove?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 4 settimane fa

      Lo vede solo lui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 4 settimane fa

    Ritengo grottesco che si parli dell’Italia come il luogo, in Europa, dove si combatte un’importante “battaglia per la democrazia”.
    Posto che la democrazia, quale sistema di governo, è uno strumento di dominazione e di sfruttamento dei popoli utilizzato dalle élite finanziarie globalizzate – e questa verità non si mette in evidenza nell’articolo! – l’Italia è succube di questa forma di governo che ha consentito di far evaporare, verso l’alto e l’esterno, la sovranità nazionale.
    I collaborazionismi, sul piano politico sono evidenti (pensiamo all’entità piddì), così come la nascita di false opposizioni parlamentari.
    Inoltre, alla Germania non importa nulla del benessere degli (altri) popoli europei. Persino la tanto temuta AfD agisce unicamente in funzione dell’egoismo dei tedeschi, anche se in direzione opposta rispetto alla euronazi kanzlerin Merkel e all’odiosissimo sinistroide Martin Schulz. Forui dall’euro, almeno a quanto apparte, contro l’eurismo infarcito di pelosa “accoglienza” e di democrazia liberale mercatista.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PieroValleregia 4 settimane fa

    salve
    AfD partito di estrema destra ? AfD movimento neonazista ?
    leggete qui http://www.maurizioblondet.it/afd-neonazista-israele-nostro-avvenire/
    AfD alternativa ? a me sembra un PD tedesco …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Aldus 4 settimane fa

    Oddio, potrebbe capitare, forse, chissà, che un bel giorno di questi si scateni il casino in Italia, che venga mandato Bergoglio a fare un culo, che sassaiole e bastonate volino ovunque, che insomma senza regole o strategia il casino scoppi tutto all’Italiana. Perché se l’Italiano una volta era capace di difendere casa propria con anche solo un bastone, ma buttava il fucile per tornarsene a curare casa sua, ora potrebbe succedere che tutti si scatenino avendo intuito che il casino paga, mica per spirito civico e amore di patria, macché! Quindi assalteranno, ruberanno, si vendicheranno di chi ha rubato saccheggiandogli case e giardini, pesteranno esattori tasse, calceranno i deretani dei vigili urbani, massacreranno politici e scorte, saccheggeranno magazzini, ipermercati e banche perché nessuno scenderà in strada ad arrestarli, e perché appunto ci sarà l’impunità per tutti, nel grande casino italiota.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Renè 4 settimane fa

    Magaldi è un MASSONE e come è indicato a piè pagina, scrive su un sito “libre” ovviamente MASSONICO, ma si ritengono massoni “buoni”.
    I massoni sono parassiti: tenie dell’intestino quelli buoni, vermi parassiti cerebrali, i massoni kattivi che uccidono l’ospite per avidità.
    Seguo “libre” da molti anni, è molto interessante leggerlo, ma bisogna “fare la tara” e non prendere per oro colato ciò che scrivono, però alcune notizie che provengono dall’interno (delle logge) le si trova quasi solo su “libre” (o tra le righe di ciò che è scritto).
    Le prossime elezioni saranno qui in Italia, i francesi ed i tedeschi hanno già votato per il loro boia, noi italiani, andremo, forse in Primavera ed all’orizzonte non c’è gran che… ma la gente è arrabbiatissima, poco fa ero alla cassa del supermercato ed un’anziana signora arringava le folle mentre deponeva la spesa sul nastro… vaccini, bollette rincarate, immigrati, finti profughi, propaganda rai… era inkazzatissima, prima ero alla Posta davanti a me un signore megainkazzato, perchè (come a tanti) la bolletta della corrente elettrica è passata da circa 30euri a più di 40… (più di 50euri con il canone rai) il PD, prende per il c… gli italiani dicendo che le bollette sono state “armonizzate”… oltre a RUBARE i compagni, si permettono anche di sfottere…
    Purtroppo non vedo politici consapevoli di quanto il popolo abbia perso la pazienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldus 4 settimane fa

      Ah! Una sala dela Pallacorda accanto al Parlamento, piena di Italiani non facenti parte del sistema che redigano la Nuova Carta dell’Italiano, e poi via con la Rivoluzione! Coraggio. Coraggio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Salvatore Penzone 4 settimane fa

    La Germania mercatista, con il suo surplus commerciale sempre più in crescita, è nel mirino degli americani. La volontà di Trump di rimettere in piedi l’industria nazionale si scontra con la politica tedesca di deflazione salariale che rende le sue esportazioni tanto convenienti da invadere il mercato americano e fare concorrenza all’industria automobilistica a stelle e strisce (La Germania esporta in America il doppio di quello che importa). A certi ambienti filoatlantici è stato forse chiesto di aprire la strada che porterà all’esclusione della Germania dal timone europeo?
    Ma che, forse Magaldi punta sui 5 stelle?
    Evidentemente la rivoluzione “democratica” digitale è molto nelle corde del “buon massone”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SEPP 3 settimane fa

    Invece di guardare alla germania, pensiamo a noi stessi.
    I nostri governanti e non mi riferisco ai politici ma a coloro
    che durante l’ ultimo conflitto mondiale pagavano le mazzette
    ai liberator americani affinche’ non gli bombardassero casa e
    bottega, questi sono forti con i deboli e deboli con i forti, non
    sono capaci di fare niente per nessuno, per non mandare la
    loro genie a morire si sono inventati la patria e l’onore, a loro
    intitolano le piazze ai poveri sfigati neanche le fosse comuni.
    I tedeschi o chi per loro, ancora riescono a sopravvivere alla
    catastrofe i nostri invece che hanno vissuto copiando senza
    pagare, questa virtu’ non la possiedono, nessuno.
    Se andate a leggervi meglio la storia di questa martoriata
    penisola vedrete che l’inganno e’ il motore che ci ha portato
    fin qui, i lor signori quando c’e’ pericolo si chiudono all’interno
    dei loro castelli.
    Siamo senza identita’ perche’ siamo bastardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace