APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Macron il piccolo “Napoleone” francese insiste ad accusare l’Italia

di  Luciano Lago

Non poteva mancare e puntualmente è arrivata l’ultima accusa al Governo italiano da parte di Emmanuel Macron, il fiduciario delle oligarchie globaliste, il quale, a proposito dell’ ultima questione relativa alla nave Aquarius della ONG “raccatta migranti”, ha sostenuto la tesi di una “crisi politica” fra l’Italia e l’Europa causata dai provvedimento anti migrazione del governo Conte/Salvini.

Naturalmente l’accusa in Italia è stata presa sul serio e riportata con enfasi in prima pagina soltanto dal quotidiano turbo mondialista Repubblica, notoriamente megafono della borghesia cosmopolita e globalista. Il tutto per dare il massimo risalto a tale accusa, se pur proveniente da uno screditato Macron, che rappresenta l’elite finanziaria che lo ha collocato al vertice del potere in Francia grazie ad una abile campagna mediatica di manipolazione. Vedi: Migranti Macron crisi politica fra Italia ed Europa

D’altra parte si sa che il quotidiano di Scalfari e De Benedetti detesta le masse incolte propense a sostenere i “populisti” come Salvini ed Orban mentre ammira piuttosto i fantocci della elite finanziaria, come il Macron.

Il presidente del Consiglio Conte ha correttamente risposto dicendo: ” Fortunatamente l’Europa è composta da 27 Stati e Macron rappresenta il suo paese e parla per la Francia. Ha diritto a esprimere la sua opinione, ma si sbaglia”. “L’Italia ha la coscienza a posto ed ha salvato migliaia di migranti, ottenendo la gratitudine dell’Europa”, ha proseguito Conte.
Questo ha sostanzialmente detto il premier Conte parlando da New York, dove è in corso l’Assemblea generale dell’Onu.

Macron con principe saudita

Macron, personaggio al servizio della grande finanza e del capitale internazionale, vorrebbe atteggiarsi come il rappresentante dell’Europa delle frontiere aperte e della visione globalista e multiculturale, lanciando accuse di “populismo” a tutti quei movimenti, governi e partiti che in Europa non sono d’accordo cone le sue farneticazioni universaliste.

Farneticazioni intrise di una enorme ipocrisia, visto che la Francia è proprio lo stesso paese che chiude le frontiere a Ventimiglia in faccia a migranti che cercano di entrare, il medesimo paese che rifiuta di aprire i suoi porti ai migranti provenienti da quelle regioni, come la Libia, che Parigi ha contribuito a destabilizzare con i suoi interventi armati a supporto delle guerre USA/NATO per “portare la democrazia”.

Il giovane ed ambizioso “figlioccio” dei Rothshild deve ancora imparare molto dalla vita reale e non gli bastano le lezioni private che la sua insegnante/moglie gli ha dettato per anni per educarlo come un “galletto” da avanspettacolo. Un “galletto che vuole impartire lezioni agli altri. Arriverà il momento che una buona lezione la andrà a ricevere da quella vasta area di popolo francese, impoverito dalle politiche pro finanza del suo governo, fortemente “incazzato” contro di lui e che mal sopporta i suoi retorici sermoni sui benefici della globalizzazione e dell’Europa delle multiculture.

*

code

  1. Renato 3 settimane fa

    Ben detto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. redfifer 3 settimane fa

    Galletto? Per come la vedo, sto ancora pisciandomi addosso dalle risate dall’immagine di Trump che se lo trascina dietro come fosse un pinocchietto, tanto che ho salvato l’immagine e ci rido su ogni volta che sono di malumore.

    Macron è il massimo idiota filato dalla sposa Penelope, che non essendo proprio il massimo della filandaia ha più fili che legno, un incrocio tra la carne di vitella e il barbecue, ovvero la stessa altezza di Napoleone solo che lui le mani preferisce metterle più che sotto la giacca, sotto la patta dei bodyguard piuttosto che sulla potta…

    Chi è mezzo uomo, mai sarà uomo per intero!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Manente 3 settimane fa

    Più che un “galletto” micron è un cappone che pensa di sopperire alla sua impotenza con l’esercizio del potere ! Lanciare accuse contro il governo italiano che si permette di respingere i clandestini che neanche lui vuole “accogliere, è la prova evidente di una patologia schizofrenica da checca isterica !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. The roman 3 settimane fa

    Macron e’ un ” prodotto” e non una personalita” . E’ un figuro , come Renzi , Mogherini , Merkel , Sanchez e altre nullita’ , concepite nei think tank statunitensi e britannici della cupola ebraica. IL finocchietto francese fa il suo compitino piuttosto male , al punto di essere sconfessato dal suo stesso mentore Attali , che ha capito di aver tra le mani una specie di Tony Blair , dal poco appeal e dalla poca intelligenza, un Renzi qualsiasi invece del fuoriclasse che credrva di aver forgiato. La Francia , come gli Usa e la Gran piccola Bretagna , sono pressoche’ perdute , a causa della loro composizione etnica ormai compromessa . L’Italia e soprattutto la Germania sono un altra cosa , sono ancora vive perche’ possono esprimere una volonta’ popolare , e possono farlo perche’ hanno ancora un popolo.Da qui lo scorno degli scherani del globalismo , e la rabbia per le difficolta’ che incontrano nell’ attuazione del piano immigrazionista. IL popolo italiano rigetta gli immigrati e non vuole meticciarsi , questa e’ la realta’ nuda e cruda che sta emergendo , e presto emergera’ ancor piu’ duramente in Germania. L’Ungheria , la Polonia , l’Austria e le repubbliche di Cechia e Slovacchia , con la loro orgovliosa resistenza hanno mostrato agli europei la strada da seguire. Per la Francia e’ forse troppo tardi .
    h

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. robyt 3 settimane fa

      Forse riguardo alla Crande Cermania, bisognerebbe soffermarsi a fare una analisi un po’ più lunga e approfondita, perché credo che questo paese (le sue banche e istituzioni finanziarie) sia il maggior responsabile dell’arrivo di tutti i migranti, con le ormai decisioni politiche adottate a partire dal 2015 grazia alla Merkel. I tedeschi hanno parecchi intellettuali e filosofi, che sostengono con forza, la necessità di avere un flusso inarrestabile di stranieri. Se la Francia e l’Inghilterra, avevano una consistente eredità coloniale, per quanto riguarda la Crande Cermania, siamo alla apoteosi di tutte le ideologie multiculturali e umanitarie.

      Qui la Hitler-Jugend (o forse la Luftwaffenhelfer):
      https://youtu.be/9DPv3SgyvJk

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Manente 3 settimane fa

      Sottoscrivo parola per parola e posto un piccolo pro-memoria che ritengo utile a tutti, saluti. https://youtu.be/Qn0gPp30uqs

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Manente 3 settimane fa

      @ The Roman – Sottoscrivo parola per parola e posto un piccolo pro-memoria che ritengo utile a tutti, saluti. https://youtu.be/Qn0gPp30uqs

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. robyt 3 settimane fa

    Strano che alla fine Macron si sia messo a scaricare la colpa sull’europa e sugli altri stati, e poi abbia chiesto addirittura di distribuire i migranti, proprio come fosse uno di quei populisti schifosi (così ci ha definiti l’ultima volta lui stesso) che stanno avanzando in europa. Forse Macron (il toyboy o il camaleonte), e le istituzioni globaliste che lui raappresenta, stanno cercando di inseguire il populismo nel loro stesso terreno di gioco ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. songanddanceman 3 settimane fa

      Concordo , infatti :
      Di fatto, proprio di recente, durante gli “Incontri Economici di Aix en Provence”,
      un forum estivo di quelli che contano
      (c’era anche Mario Monti) Jacques Attali ha delineato la nuova tattica:
      non opporsi al “nazionalismo”, ma – “” adottarlo””- in qualche modo.
      Alla conferenza, indossato di nuovo il cappello di mago, profeta e futurologo,
      ha annunciato l’era del “nazional-globalismo, del nazional-nomadismo, della “nazional-governance”….

      vedi : https://www.youtube.com/watch?time_continue=5&v=h-r7VnnL8T8

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. The roman 3 settimane fa

    Scemi indottrinati ce ne sono ovunque , ma il popolo tedesco sta svegliandosi , anche se lentamente. I nordici , e i tedeschi lo sono in gran parte , sono piu’ inclini al conformismo in virtu’ di un innata propensione a rispettare l’autorita’ , che in questo caso poggia sul paradigma uscito dalla guerra persa. Una repressione fortissima ed una totale censura e’ in atto dabparte del potere costituito , per mantenere in vita la falsa narrativa che imprigiina i tedeschi in una fattispecie di girone dantesco di espiazione collettiva. La verita’ non teme scrutinio , e non ha bisogno di leggi che la difendano . Ursula Havrrbeck , Monika Schaeffer e molti altri , in prigjone per aver espresso dubbi sull’ olocausto , testimoniano la natura maligna di quel potere che imprigiona i tedeschi e tutti gli europei in una matrix di menzogne e li opprime con un ideologia che essi in gran parte rigettano. La Germania , come l’Italia e i paesi dell’est , ha ancora una forte omogeneita’ etnica , perche’ l’ immigrazione mediorientale ha prodotto rari casi di interrrazialita’ . I turchi , continuano ad essere visti come turchi ed a sentirsi turchi.La Francia , fortemente meticciata , come l’Inghilterra , esprime una gran percentuale di popolazione di colore che si sentee francese o inglese e viene vista come tale . Nturalmente questa popolazione persegue i suoi interessi , spesso in contrasto di auelli dei francesi o degli inglesi etnici , con i quali e’ in competizione . La sostituzione etnica diviene quindi evidente in vari settori , come lo sport , o come quei settori economici e sociali in cui lo status di minoranza privilegiata concede ai coloreds un immeritato vantaggio. I globalisti e gli pseudoprogressisti lo considerano un successo , chi e’ piu’ realista lo considera un danno enorme o addirittura un genocidio della razza bianca. E’ chiaro che in fisica esiste la legge dell’ impenetrabilita’ dei corpi e percio’ se si immette una massa , un altra deve ridursi per fargli spazio. Ma questa e’ scienza , rd ai nostri giorni la scienza viene messa a servizio dell’ ideologia quando serve , e cestinata quando contrasta i suoi dogma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. songanddanceman 3 settimane fa

    Dalle risorse naturali (acqua) a Parmalat a Bulgari,
    da Edison a Bnl e Cariparma e ora a Pioneer ( Amundi ) .
    adesso la Francia punta ai deals tattici :
    comprarsi Telecom, Generali, Unicredit ,
    le aziende del lusso, fare concorrenza a Fincantieri, affondare Saipem,
    prendere i giacimenti ENI in Libya ecc. , ecc. .

    Es.:
    I francesi di Edf controllano la storica società italiana di energia Edison.
    Il 24 maggio 2012, in seguito a un riassetto durato quasi un anno,
    con A2a Électricité de France ha acquisito il controllo esclusivo di Edison .
    Anche Acea è partecipata da Suez Environnement.
    Da Bulgari a Gucci, da Loro Piana a Fendi, molti brand della moda
    e del lusso italiani sono passati in mano francese
    nei gruppo Lvmh e Kering (Gucci e Bottega Veneta )
    I francesi sono diventati , anche , proprietari di diverse banche italiane.
    La Bnl è del gruppo Bnp Paribas,
    mentre Cariparma, FriulAdria e Carispezia sono del Crédit Agricole.
    I francesi di Amundi hanno appena vinto la gara per comprare Pioneer da Unicredit.
    Diversi marchi del food sono finiti in mano francese.
    Tra questi, il più grosso è stato passaggio di Parmalat a Lactalis.
    Parlano francese anche l’Orzo Bimbo, Eridania,
    i formaggi dell’industria casearia Giovanni Ferrario,
    Boschetti Alimentare Spa, Galbani e Fattorie del Sole.
    Morale : Cosa aspettano i n/s. a reagire a questa colonizzazione francese ??
    forse quando i Francesi verranno a bombarci direttamente sul Campidoglio …

    Rispondi Mi piace Non mi piace