L’UNRWA accusa “Israele” di preparare l’espulsione degli abitanti di Gaza verso l’Egitto

Il Commissario Generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA) ha affermato che l’occupazione israeliana sta tentando di imporre uno sfollamento su larga scala ai residenti di Gaza.
Philippe Lazzarini, commissario generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), ha affermato che “Israele” sta facilitando lo sfollamento su larga scala dei residenti della Striscia di Gaza verso l’Egitto attraverso il confine.

In un articolo di sabato apparso sul Los Angeles Times , Lazzarini ha sottolineato il deterioramento della situazione umanitaria a Gaza . Egli ha sottolineato la crescente concentrazione di civili sfollati che, in fuga dalla guerra, si stanno avvicinando ai confini settentrionali e meridionali.

Lazzarini ha osservato che le Nazioni Unite e numerosi stati membri, compresi gli Stati Uniti, si sono opposti al trasferimento forzato degli abitanti di Gaza dalla Striscia.

Ma ha aggiunto: “Gli sviluppi a cui stiamo assistendo indicano tentativi di trasferire palestinesi in Egitto , indipendentemente dal fatto che risiedano lì o siano reinsediati altrove”.

Solo una piccola parte del sud di Gaza ha ricevuto aiuti alimentari: UNRWA Spox

Le organizzazioni umanitarie internazionali lanciano l’allarme sulla situazione “apocalittica” a Gaza
Il Commissario Generale dell’agenzia delle Nazioni Unite ha affermato che la vasta devastazione nel nord della Striscia di Gaza, insieme al conseguente sfollamento, segna la fase iniziale di questo scenario in evoluzione. Ha sottolineato che la fase successiva prevede di costringere i civili a evacuare la città di Khan Younis, situata nella regione meridionale vicino al confine.

Ha detto: “Se questo percorso continua, porterà a quella che molti già chiamano la Seconda Nakba. Gaza non sarà più una terra per i palestinesi”, riferendosi alla Nakba palestinese quando 760.000 palestinesi furono sfollati durante l’istituzione della ‘ Stato d’Israele’.

Pochi giorni fa l’Egitto ha respinto categoricamente la politica israeliana di sfollamento forzato della popolazione di Gaza sia all’interno della Striscia che oltre il confine nel Sinai egiziano, ha dichiarato Diaa Rashwan, presidente del Servizio d’informazione statale egiziano.

Rashwan ha delineato i principi fondamentali che governano la posizione di Cario riguardo all’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza, così come i complotti dell’occupazione per sfollare forzatamente i palestinesi nel Sinai.

In una conferenza stampa, il funzionario ha ribadito il rifiuto dell’Egitto della politica israeliana incentrata sullo sfollamento forzato dei palestinesi all’interno della Striscia di Gaza. Rashwan ha anche respinto i tentativi di trasferire i palestinesi nel Sinai o di fare pressioni su di loro affinché si trasferissero lì attraverso pratiche ostili.

Ha sottolineato che l’occupazione ha trasformato la Striscia di Gaza in un campo di battaglia , soprattutto nelle zone settentrionali, per costringere i palestinesi a lasciare le loro case e dirigersi verso le cosiddette “zone sicure” a Rafah, a sud della Striscia. Ha spiegato che in queste aree mancano i bisogni essenziali, come acqua, cibo e riparo.

Fonte: Al Mayadeen English

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “L’UNRWA accusa “Israele” di preparare l’espulsione degli abitanti di Gaza verso l’Egitto

  1. Finalmente se ne sono accorti, ma qui non si può dire meglio tardi che mai, perché ogni 24 ore i morti e i feriti civili (senza più cure mediche) aumentano esponenzialmente, e anche i rapimenti da parte degli ebrei di uomini palestinesi disarmati, che poi gli ebrei tortureranno e uccideranno …

    All’Egitto non resterà che aprire il valico di Rafah e forse, in sussulto di dignità nazionale (e araba!) combattere contro gli assassini ebrei protetti dagli usa di “joe pannolone”, il demokrat dei “diritti umani” e della “democrazia”, per evitare che l’entità sionista illegale, terrorista e genocida, porti a compimento la terza Nakba.

    Cari saluti

  2. Udite, Udite! E’ persino ripugnante! Italia, francia, germania e la spazzatura borrell chiedono sanzioni contro Hamas e manifestano solidarietà nei confronti dell’entità sionista!

    Questi vermi, i governicchi e i burocrati eurolager cosa rappresentano? Sicuramente non noi! Complici di un genocidio, questo sono i vermi,sotto l’orrendo straccioblu stellato! Siamo oltre la soglia del disgusto e anche di quella dell’odio!

    Cari saluti

  3. Progetto di Israele : cacciare da Gaza i palestinesi e annettersi i giacimenti di idrocarburi di fronte alle coste di Gaza ; la vita di donne e bambini per gli idrocarburi.

  4. Presto l’unione europea manderà militari e aviazione a collaborare allo sterminio, aspettiamoci pure questo. Italia compresa.

  5. Da Gaza ancora piovono missili su Tel Aviv, segno che Hamas in città, nonostante il parziale allagamento dei tunnel, è ancora presente.
    Fatto curioso, sembra che i soldati sionisti siano entrati nella Striscia armati di…. pannoloni Pampers, l’unico esercito al mondo che usa i pannoloni, del resto sono perlopiù omosessuali, quindi sono appunto un esercito di donnicciole.
    Chissà che consumo faranno di pannoloni in caso di invasione del Libano, dove li aspettano i miliziani degli Hezbollah libanesi, siriani, irakeni, afghani etc., decine di migliaia di miliziani bene armati ed addestrati, pronti ad affrontarli a viso aperto.
    Il loro potere sul loro golem americano comincia a vacillare, la propaganda dell’ADL, anti defamation league, il braccio dell’AIPAC nella lotta all’antisemitismo come strumento di pressione per affermare l’egemonia della piccola minoranza ebraica sul resto della popolazione, è entrata in cortocircuito, da un lato invoca misure governative contro i nemici interni dell’Islam, dall’altro continua a stigmatizzare le violenze di Hamas sugli ebrei nell’attacco del 7 ottobre, attacco che comincia a profilarsi sempre più come un falsa bandiera, forse agevolato per avere il pretesto per massacrare decine di migliaia di arabi e sfollarne oltre 2 milioni, forse per impadronirsi dei giacimenti di gas che si trovano in mare davanti a Gaza, e secondo Pepe Escobar per realizzare il canale tra Eilat e appunto Gaza, concorrente di quello di Suez.
    Peccato che il porto di Eilat sia inattivo, lo Yemen ha praticamente chiuso il Mar Rosso al traffico commerciale sionista.

  6. quali abitanti?! li stanno facendo crepare tutti tra stenti, malattie e bombe. La maledizione che ricadrà su Israele nei secoli è l’unica consolazione al momento. Del nazismo il sionismo ha tutto: ferocia, impunità e ideologia criminale. Mi rifiuto di credere che Netanyahu e i suoi accoliti siano discendenti degli ebrei sterminati da Hitler. Probabilmente sono più discendenti dei kapò ebrei che aiutarono Hitler in Polonia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM