L’UNIONE EUROPEA, un regime oligarchico dominato da massoni


di Luciano Lago
Avvicinandosi le elezioni europee, chiariamo subito un concetto, l’Europa non ha niente a che vedere con quella costruzione artificale capziosa e oligarchica denominata UE.
L’Europa ha una sua Storia, un insieme di culture e tradizioni che non hanno nulla in comune con l’attuale apparato tecno burocratico che viene chiamato Unione Europea.
La Storia dell’Europa come continente e come singole nazioni è stata fatta dai popoli, orgogliosi della loro cultura e gli Stati europei quella cultura l’hanno difesa per millenni dalle ondate “migratorie” ostili a partire dalle battaglie contro le invasioni .
Nelle origini della Storia d’Europa abbiamo avuto la Battaglia delle Termopili e vittoria di Salamina (480 a.C.), come nell’epoca romana con la vittoria sugli invasori che venivano dal nord Africa, vedi la Seconda guerra punica contro Annibale (218-202 a.C.)

Lo stesso avvenne nella Battaglia di Poitiers (732 d.C.) ove Carlo Martello sconfisse Abd al-Rahaman, frenando l’espansione musulmana verso l’Europa occidentale e diede inizio alla dinastia che conobbe il suo massimo splendore con Carlo Magno.
Secolare fu la resistenza dell’Impero Bizantino contro i Turchi, fino alla caduta di Costantinopoli (1453), quando l’imperatore Costantino XI Paleologo rivestì l’armatura antico-romana con le aquile imperiali d’oro per andare a morire, combattendo su una breccia delle mura con un manipolo di nobili.
Gloriosa fu la Battaglia di Moàacs, 1526, dove il re Luigi d’Ungheria e di Boemia col suo esercito magiaro si oppose al Solimano, e morì in battaglia. Con lui scomparve nella mischia di voivoda di Transilvania Zapolya. Il conte croato Cristof Frankopan partecipò alla battaglia con 5 mila uomini.
Nella lotta della cristianità europea contro i turchi dobbiamo commemorare il Primo assedio di Vienna (1529), dove 17 mila difensori absburgici, con mercenari tedeschi, spagnoli e boemi ebbero la meglio sui 120 mila uomini comandati da Solimano il Magnifico.
Poi venne la Battaglia di Lepanto, 1571 e fu definitivamente sconfitta la pretesa ottomana di invadere l’Europa.

Ricordiamoci di quando, durante il secondo assedio e battaglia di Vienna (1683), quando ormai i turchi avevano invaso l’intera Austria. Il cappuccino Marco d’Aviano, confessore dell’imperatore d’Austria Leopoldo, riuscì a radunare la lega militare di resistenza, vincendo i puntigli dei capi cristiani fra loro rivali. Fu grazie a lui che si riunì un sercito mettendo assieme i 18000 austriaci (e toscani e mantovani e veneziani) comandati dal Prinz Eugen (Eugenio di Savoia), da Varsavia il re Jan Sobieski unì suoi 30 mila polacchi, fra cui erano 3-5 mila cosacchi ucraini; il tedesco Giorgio Federico di Waldek apportò i suoi 19 mila svevi, bavaresi, franconi; l’elettore Giovanni Giorgio di Sassonia i suoi 9 mila sassoni – sicché l’Europa intera, di tutte le “razze”, (con la vergognosa diserzione del Re Sole che non partecipò, per meschina ripicca anti-absburgica) si precipitò a battersi su quella breccia fatale che erano le mura di Vienna, per non rendere l’Europa turca.

Cattedrale di Aquisgrana dove è sepolto Carlo Magno


In quella fase storica l’Europa poteva contare sull’appoggio della Santa Sede di Roma, che contribuiva a finanziare con le sue risorse le armate dei cavalieri che combattevano per difendere la Cristianità. A Roma in quell’epoca non c’era un Papa come quello di oggi che vuole aprire le porte all’invasione e insegue la falsa utopia di una unica religione mondiale.
L’Unione Europea e i suoi burocrati, i circoli liberal progressisti e globalisti negano questa cultura e ci raccontano quale dovrebbe essere per loro la civiltà, la stessa “civiltà” che loro sostengono come “nostri valori”, ovvero le nozze sodomitiche, l’aborto, la droga, l’eutanasia, l’educazione gender – e li stanno opponendo in sostituzione dei valori tradizionali cercando di imporli anche a nazioni che li rigettano, come la Polonia e l’Ungheria, mettendo queste due nazioni sotto accusa a Bruxelles – visto che rifiutano l’individualismo edonista e consumista e il relativismo morale.
L’ideologia globalista di questa Unione Europea è quella che esalta la falsa libertà, quella che, come ben dice il filosofo russo Alexander Dugin, “ha privato l’uomo di ogni forma di identità collettiva. La religione, i valori tradizionali, la gerarchia, a coscienza nazionale: bisogna liberarsene secondo gli oligarchi della UE. Tutto diventa opzionale: ognuno può scegliere la propria religione, la propria nazione, e oggi il proprio sesso. E’ ideologia pura: l’uomo inventa questi concetti e la realtà ci si adatta. L’obbiettivo ultimo del liberalismo è di eliminare l’umanità: si dà all’uomo la scelta di continuare a vivere o come cyborg, o come animale”. La preminenza viene data al mercato, alla grande finanza ed alle centrali transnazionali che decidono alle spalle dei governi sulla base di oscuri interessi. L’elite finanziaria si arricchisce e le masse si impoveriscono.
Così si spiega la detanalità da cui è afflitta l’Europa di oggi, la disgregazione delle famiglie, l’avanzare di fenomeni come la droga e la deviazione giovanile, le ricorrenti crisi economiche.
Questa UE non ha niente in comune con l’Europa, quella gloriosa e orgogliosa che ha fatto la Storia e portato al mondo la sua civiltà. Che lo sappiano coloro che vanno a votare sotto la costante pressione della propaganda manipolatoria delle centrali oligarchiche europeiste, le stesse che temono l’assalto delle forze sovraniste alle loro posizioni di potere.

16 Commenti

  • Woland
    18 Maggio 2019

    Il mercato senza uomini è come la finanza senza progetto politico (piano industriale), che è come le centrali transnazionali senza nazioni, che è come questo direttorio massonico di Bruxelles: un mostro acefalo senza senso, condotto da uomini rivi di cervello.

  • Sed Vaste
    19 Maggio 2019

    Mi scusi Lago ma lei omette di dire che dal 45 l’europa e’ sotto occupazione Americana e Russia ,l’europa ha perso e con lei il Papato, o che si sta zitti e mosca e di continua con questi Governi da operetta o si fa un altra guerra,ricordo che anche gli American I non potevano vedere I comunisti Russi eppure si sono alleati Assieme a Loro pur di battere l’europa ,l’europa era un cumulo di rovine e di morti di fame

  • Sed Vaste
    19 Maggio 2019

    A parte Juncker Ubriacone Seriale sempre li li per accasciarsi a terra come uno straccio da c… Eppure continua a fare il presidente Europeo una vergogna un onta per I popoli Europei avere alla propria guida Un personaggio piu vicino a sembrare una fossa di scolo che ad Essere un uomo ,provate digitare ” Christine Lagarde numerologia. ” ed e’ la presidente del fondo monetario mondiale altro che massoneria questa e’ Cabala Ebraica

  • giuseppe sartori
    19 Maggio 2019

    io penso che stiamo vivendo in uno di quei periodi di cambiamento epocale: il vecchio non funziona più e il nuovo non è ancora nato, il presente è un abominio.
    aggrapparsi al tempo che fu è un’operazione che non ha futuro: la scuola d’antan, l’economia d’antan, la religione d’antan, il servizio militare d’antan, lo stato d’antan erano veramente così funzionali? e come mai sono crollati in poco tempo? e la medicina funziona bene? e come mai negli anni 60 in italia nessuno conosceva le droghe ed oggi anche nella provincia più recondita ci sono milioni di giovani che si fanno e bevono come disperati?
    bisogna assolutamente FERMARSI ed osservare come stiamo vivendo e da dove nascono i problemi.
    le farmacie sono i negozi più frequentati. vi sembra normale?
    chiamiamo sanità un sistema che punta a rendere tutte le malattie croniche.
    non ci siamo accorti di niente, ma siamo precipitati LENTAMENTE in un pozzo senza fondo per uscire dal quale ci vogliono
    idee chiare molto coraggio lucidità nel riconoscere i falsi amici capacità di cambiare radicalmente vita eliminare tutto ciò che è inutile e dannoso.

  • josey wales
    19 Maggio 2019

    Lago non si faccia trascinare dalla retorica , ricordi che bisanzio cadde nel 1204 per opera delle tresche
    degli strozzini veneziani, ricordi che i figli di bayezid furono salvati dalla cavalleria serba ad ancyra contro
    tamerlano , e ricordi che la francia spesso nel 1550 1600 ha collaborato coi turchi in chiave antiasburgica.
    Nell europa gli opportunisti non sono mai mancati. Nel passato come adesso.
    Ucc ali’ a lepanto era un europeo , ,

    • robyt
      20 Maggio 2019

      sono d’accordo. In europa gli opportunismi gli interessi contrapposti non sono mai mancati nella storia; non è possibile inquadrare la storia di tutta l’europa geografica nel destino di un unico popolo (la stessa cosa non si può fare neppure per l’italia, la francia o la spagna) ed il nazionalismo dei singoli stati è pure esso stesso stato creato in modo artificiale nel secolo XVIII e XIX, plasmato su popoli precedenti che spesso non andavano d’accordo tra di loro e le cui lingue non sempre erano intelleggibili. Tolto il cristianesimo non esiste nessun collante tra tutti i popoli e le etnie della sola italia, figuriamoci dell’europa geografica intera. E neppure il cristianesimo è sempre stato collante, spesso tra le diverse fedi è stato causa di divisione e guerra, come la guerra dei 30 anni, ormai dimenticata, le cui motivazioni giociono proprio nella lotta tra cattolici e protestanti.

  • josey wales
    19 Maggio 2019

    E aggiungo ,caro lago , che l europa filo guidata dagli strozzini Rothschild , solo un secolo e mezzo fa’ combatte’
    al fianco dei turchi contro i russi in crimea,
    E che ancora nel 1878 la flotta inglese si schiero’ negli stretti a difesa della turchia , che stava per perdere
    costantinopoli , durante la guerra dei balcani, contro russia e bulgaria ,faremmo bene a tenerlo presente.
    A quei tempi l europa era’ in mano agli strozzini apolidi ,…. , come adesso..

  • Sed Vaste
    19 Maggio 2019

    Apolidi una cippa gli strozzini Usurai son Tutti Ebrei impestati punto. Qui o che si comincia a parlare chiaro oppure si fa come blondet e fusaro che tirano sempre indietro I’ll culo ,Fusaro che ha sempre in bocca LA finanza apolide e piu in la non va oltre altrimenti gli si inceppa il neurone da automa e blondet invece Che si scortica LA lingua a forza di dire Lubavitcher per non dire ebre NeL suo libro” chi comanda in america” veramente stremante sfibrante disarcionante leggerlo

  • josey wales
    19 Maggio 2019

    Appunto caro sed inutile fare retorica citando venezia come baluardo contro i turchi, Venezia coi turchi commerciava, , e i del banco / warburg venivano da li’ cosi’ come da venezia vennero altre carogne tipo il conte volpi di misurata
    noto trafficone coi turchi e massone ( in questo caso un non ebreo contrariamente ai warburg)
    Fissarsi sul connotato razziale religioso ,serve solo a farsi dipingere come antisemita..
    Se credi sia utile fai pure ,ognuno usa il cervello a modo suo ,
    Qualcuno pensa di poterlo sostituire con le palle . E’ il tuo caso?

  • josey wales
    19 Maggio 2019

    sed per farti contento ho messo la parolina che agogni leggere, pleonastica dato che citando
    come ho fatto i Rothschild e i warburg solo i coglioni necessitano di una specificazione religiosa/razziale
    sulle due famiglie.
    Non credi?

  • Sed Vaste
    19 Maggio 2019

    Josey Wales e’ chiaro che gli Ebrei non possono fare tutto da soli necessitano pure Loro di aiutanti di traditori come I’ll Berlusca che dal niente fanno fortune inimmaginabili , gli aiutanti sono i Massoni Vedi Berlusca Verdini Renzi tutta LA massoneria che sta dietro Al lo scandalo Dei Monte paschi di Siena ecc ecc ma non mancano pure le Penne ,se ne trovano sempre in tutte le Redazioni di penne pronte a dire Bugie a fuorviare I malcapitati lettori e sul web malcapitati utenti utenti beoti con il colpo in canna sempre pronto per sparare cazz… Vedi da blondet , e poi se leggeste di piu sapreste che LA massoneria e LA mafia lavorano appaiate insieme sempre , solo che una e’ occulta lavora in segreto mentre LA Mafia e’ piu visible e’ LA bassa manovalanza sono I Cani da tiro , sul fatto che CE l’ho con gli Ebrei non mi pare sia vietato a ognuno puo stare suit coglioni chi vuole c’e’ chi CE l’ha col Papa con L’america con I negher con I Comunisti ecc ecc a me stanno su gli Ebrei non mi posso soffrire li farei tutti in casseruola d’un colpo Solo senza tentennamenti dal primo all’ultimo ,sono stato chiaro !

  • Mardunolbo
    20 Maggio 2019

    Grazie Sed Vaste, mi hai ricordato di andare a leggere sul sito di Blondet, un po’ di informazioni come si deve senza paranoie !

  • Man
    20 Maggio 2019

    Ebrei e/o Sionisti? La “storia” si ripete ad libitum con baggianate consolatorie di una “pallingesi” che dovrà fare l’altro quando è norio che la “rivoluzione” la fai prima su te stesso poi…intelligenti pauca verba!

  • Sed Vaste
    20 Maggio 2019

    Ma si mardunolbo ha Proprio Ragione E molto meglio mettere I’ll cervello sotto spirito molto meglio andare a starnazzare come delle anatre da Blondet fateci pure l’uovo centenario tanto che ci siete ,di bamba da tastiera non ne mancheranno mai digitate” piazza delle 5 lune video completo”E il’ll finale che conta , xche’ e’ ll finale che svela LA morale I’ll significato che l’autore vuole farvi arrivare e neanche tanto velatamente : Dormite !

  • Manente
    21 Maggio 2019

    Ho visto l’intero video della manifestazione della Lega a Milano e trovo singolare che a qualcuno sia sfuggita la portata straordinaria di un evento che ha visto la presenza dei leader sovranisti europei i quali, dopo aver riconosciuto a Salvini l’enorme merito di aver fatto della Lega il primo partito in Italia, lo hanno indicato come esempio di riferimento per tutti i partiti sovranisti d’Europa. L’intervento finale di Salvini è stato all’altezza di tale ruolo, un discorso lucido, sincero ed appassionato il cui alto profilo si è manifestato in pieno con la “preghiera” ai Santi protettori dell’Italia ed al Cuore Immacolato di Maria affinché intercedano nella battaglia mortale contro i nuovi barbari della finanza ordo-liberista che minacciano la civiltà europea.
    Una invocazione che ricorda quella della “Lega Santa” nella battaglia di Lepanto, laddove la Repubblica di Venezia, il Regno di Napoli, il Regno di Sicilia, lo Stato Pontificio, la Repubblica di Genova, i Cavalieri di Malta, il Ducato di Savoia, il Granducato di Toscana, il Ducato di Urbino, la Repubblica di Lucca, il Ducato di Ferrara ed il Ducato di Mantova combatterono e vinsero insieme sotto il vessillo della Croce per scongiurare l’invasione turca dell’Europa! Allora c’era il gradissimo Papa Pio V Ghisleri, purtroppo per noi ora abbiamo Bergoglio ed il gesto di Salvini davanti al Duomo di Milano di baciare il Santo Rosario ed affidarsi al Cuore Immacolato di Maria, non può che essere visto come un richiamo alle radici greco-romane-cristiane dell’Europa, in particolare per i Cattolici di oggi, sconcertati da un anti-papa in odore di eresia ! L’odio viscerale dei traditori dell’Italia e della contro-chiesa di Bergoglio nei riguardi di Salvini si spiega bene con il panico di costoro di fronte alla forza del messaggio di fiducia e speranza che Salvini trasmette agli italiani. Nel ricordo di Lepanto, il 26 maggio c’è l’opportunità storica di assestare un colpo mortale al progetto criminale delle lobby massonico-mondialiste di sottomissione totale del continente e dare la massima forza ai sovranisti di Lega e FdI, è il dovere assoluto di ogni italiano “in grado di combattere”.

  • Laura
    24 Maggio 2019

    Condivido pienamente!

Inserisci un Commento

*

code