L’Unico effetto della propaganda anti-cinese è quello di aver fatto aprire gli occhi alla Cina su quello che è l’Occidente


di Bruno Guigue

In primo luogo, (noi in Occidente) formiamo, finanziamo e incoraggiamo il separatismo. E poiché lo Stato cinese si difende (ed ha ragione), stiamo inventando un genocidio immaginario.

Ma per quale risultato?

Nonostante lo sfogo della propaganda anti-cinese e gli enormi sforzi degli stati occidentali per incoraggiare il separatismo nello Xinjiang, il ramo uiguro di Al-Qaeda è davvero nei guai.

Quanto al genocidio immaginario, ci sono davvero solo gli ingenui a crederci, soprattutto se si considera la debolezza delle prove e la parzialità delle fonti di informazione.

L’unico effetto di questa campagna è di aver aperto gli occhi ai cinesi che ancora si illudevano sull’atteggiamento dei leader occidentali.

Ovviamente hanno cambiato tono e non possiamo biasimarli.

Di fronte a una diplomazia dei lupi (quelli dell’occidente), i cinesi hanno mobilitato i lupi della diplomazia.

Inaugurando una nuova guerra fredda contro la Cina, Washington ei suoi scagnozzi stanno giocando a solleticare il drago.

L’unica cosa che dimenticano è che è più intelligente di loro.

Quando vedi come si è comportata la Cina da quando è entrata a far parte dell’OMC, devi ammettere che è una grande arte.

Usare le multinazionali straniere per recuperare il ritardo tecnologico senza andare sotto le forche caudine del “Washington consensus”, francamente, andava fatto.

Forze Navali Cinesi

Oggi, l’avanzo commerciale della Cina è appena del 2% del PIL e il loro mercato interno è in piena espansione.

Gli occidentali che immaginano che la Cina viva delle sue esportazioni farebbero meglio a guardare le cifre: la Cina dipende dal commercio estero la metà della Germania o della Francia.

A differenza dell’Unione Europea, dove i salari sono stagnanti, i cinesi hanno visto il loro salario medio aumentare di otto volte in vent’anni.

Tecnologia cinese

Da noi lo Stato è una finzione. Ha venduto tutto ed è indebitato fino al collo. In Cina possiede il 30% della ricchezza nazionale e le sue imprese statali sono leader mondiali.

È uno Stato sovrano, quando il nostro obbedisce a Bruxelles.

Quando si tratta di affrontare una “pandemia”, costruisce 17 ospedali e risolve il problema in tre mesi.

Nelle nostre formidabili democrazie, i vecchi muoiono in massa e l’economia precipita.

Il principale difetto dell’Occidente, dopo la sua propensione all’intervento imperialista, è tuttavia l’assenza di pudore.

Fonte: Bruno Guigue

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM