L’Ungheria presenta il disegno di legge “Stop Soros” mentre l’Italia lo favorisce

L’Ungheria presenta il disegno di legge “Stop George Soros” che blocca l’organizzazione del miliardario e le sue attività di destabilizzazione programmata.
In risposta alla proposta di legge “Stop Soros” in Ungheria, George Soros progetta di trasferire la sua Università dell’Europa centrale a Vienna.

Budapest, Ungheria – In febbraio i legislatori in Ungheria hanno introdotto la legge ” Stop Soros ” per ” autorizzare il ministro degli Interni a vietare le organizzazioni non governative (ONG) che incentivano le migrazioni di massa e mettono a rischio la sicurezza nazionale. “Di conseguenza, l’Università dell’Europa centrale con sede in Ungheria di George Soros, si trasferirà a Vienna, secondo un rapporto di Reuters.

La mossa contro le organizzazioni affiliate a Soros dal primo ministro ungherese Viktor Orban è dovuta in gran parte alla posizione della fondazione Soros sull’immigrazione di massa, così come ai profondi collegamenti di questa con numerose “rivoluzioni colorate”, con le “primavere arabe” e con molte altre sollevazioni politiche in tutto il mondo. Sebbene la ” promozione della democrazia ” sia la missione dichiarata e ufficiale, in realtà le molte organizzazioni collegate a Soros operano in gran parte con l’obiettivo di far avanzare l’agenda globalista occidentale.

Reuters ha riferito che l’Università dell’Europa centrale (CEU) “ha firmato un accordo con la città di Vienna per aprire un nuovo campus satellite in quella città. “La mossa deriva da una legge in Ungheria che stabilisce maggiori restrizioni sul rilascio delle licenze alle università straniere (CEU originaria di New York).

“La nuova legge stabiliva che la CEU dovesse aprire una succursale nel suo” stato di origine “di New York, accanto al suo campus di Budapest, e ottenere un accordo bilaterale di sostegno da parte del governo degli Stati Uniti”, riferisce Reuters.
Venerdì la Open Society Foundation di Soros ha promesso di non lasciare il paese fino a dopo l’atteso passaggio della legge ” Stop Soros ” e ha accusato il governo ungherese di cercare di mettere a tacere le organizzazioni non governative.

“Il governo si è impegnato a far passare la legge Stop Soros … Sarà un passo simbolico che serve a soffocare i gruppi non governativi”, ha detto a Reuters il portavoce dell’OSF Csaba Csontos, sottolineando che l’organizzazione sta attualmente valutando le sue opzioni.
Reuters ha riferito che la Commissione europea ha portato l’Ungheria alla Corte di giustizia europea sul progetto di legge relativo alle ONG di Soros, accusando il governo di violare il diritto alla libertà di associazione.

Tuttavia Orban, che ha ottenuto una vittoria schiacciante nelle elezioni di questo mese, ha buone ragioni per diffidare dell’OSF di Soros e delle sue attività in Ungheria – basta guardare l’esempio dell’Ucraina per vedere chiaramente come la mano nascosta di Soros-collegata con le sue organizzazioni hanno posto le basi per azioni successive che hanno portato a un colpo di stato che ha rovesciato il leader democraticamente eletto dell’Ucraina.

Un rapporto in New Eastern Outlook spiega esattamente perché Orban ha fatto delle mosse per soffocare l’OSF di Soros:

“La totalità di ciò che è rivelato nei tre documenti hackerati mostra che Soros è effettivamente il burattinaio che tira la maggior parte delle corde a Kiev. La Fondazione Ucraina di Soros Foundation, International Renaissance Foundation (IRF) è stata coinvolta in Ucraina dal 1989. Il suo IRF ha distribuito oltre 100 milioni di dollari alle ONG ucraine due anni prima della caduta dell’Unione Sovietica, creando le condizioni preliminari per l’indipendenza dell’Ucraina dalla Russia nel 1991 Soros ha anche ammesso di aver finanziato le proteste di piazza Maidan 2013-2014 che hanno portato l’attuale governo golpista al potere”.

Jean C. Juncker con Soros

Le fondazioni di Soros furono anche profondamente coinvolte nella Rivoluzione arancione del 2004 che portò al potere il corrotto ma pro-NATO Viktor Yushchenko con la sua moglie americana che era stata nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Nel 2004, poche settimane dopo che la Fondazione Internazionale della “Rinascita Democratica” di Soros era riuscita a convincere Viktor Yushchenko a diventare presidente dell’Ucraina, Michael McFaul scrisse un OpEd per il Washington Post. McFaul, uno specialista nell’organizzazione di rivoluzioni colorate, che in seguito divenne Ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, rivelò:

Gli americani si sono intromessi negli affari interni dell’Ucraina? Sì. Gli agenti d’influenza americani preferirebbero un linguaggio diverso per descrivere le loro attività – “assistenza democratica”, “promozione della democrazia”, sostegno della società civile, ecc. – ma il loro lavoro, per quanto etichettato, ha cercato di influenzare il cambiamento politico in Ucraina.

Sebbene l’UE abbia avviato un’azione legale contro l’Ungheria per il progetto di legge, Orban sostiene la legislazione poiché ritiene che la Open Society Foundation promuova l’immigrazione di massa contro la volontà del popolo ungherese che è stato eletto a rappresentare.
A ottobre, Orban ha detto del miliardario degli hedge fund: “La rete Soros ha una vasta sfera di influenza all’interno del Parlamento europeo e di altri organismi dell’UE. Il suo scopo è costruire un’Europa di popolazione mista e condannare il governo ungherese per aver opposto la loro opinione sulla migrazione “.

Chiunque abbia familiarità con la storia delle Soros Open Society Foundations nell’Europa dell’Est e in tutto il mondo, dalla fine degli anni ’80, saprà che i suoi presunti progetti di ” costruzione -democrazia” in Polonia, Russia o Ucraina negli anni ’90 hanno permesso a Soros, grande speculatore finanziario, di saccheggiare letteralmente la ricchezza dei paesi ex comunisti, secondo la New Eastern Outlook.

Quando Orban, che è stato eletto a un terzo mandato l’8 aprile, è stato interrogato sulla prospettiva di una partenza dell’OSF durante un’intervista con la radio di stato MR1, ha risposto: ” Potresti capire se non piangono i miei occhi. “Ha continuato a sottolineare che, mantenedo le ONG di Soros, le migrazioni rimarrebbero ai primi posti dell’agenda europea e assieme a queste la propaganda per le coppie gay, per l’aborto, per l’inseminazione artificale, per le adozioni delle coppie gay, per l’eugenetica, ecc…

L’ uso delle ONG per tentare di indebolire gli stati non rispettosi dell’attuale ordine neoliberista occidentale è stato un punto di discussione in corso, che ha visto la Russia cacciare l’USAID dal paese nel 2012 tra accuse di tentativi di incitamento alle proteste e influenza sulle elezioni presidenziali russe.

Come ha riferito The Free Thought Project , mentre Soros non è un cattivo di James Bond, gli sforzi del miliardario per controllare la direzione della politica globale, attraverso l’uso della sua vasta fortuna, non possono essere ignorati o sottovalutati, poiché questi hanno un effetto importante sulla manifestazione e direzione della politica globale. Quando una persona sfrutta tali enormi quantità di ricchezza per influenzare il discorso politico globale, è la voce della persona media che viene soffocata dal potere del denaro.

Fonte: The Free Thought Project

P.S. In Italia George Soros è un finanziatore del partito della Bonino (Più Europa)e le sue ONG influenzano buona parte delle attività politiche promosse dalla sinistra mondialista. Vedi: La Bonino difende Soros: “Abbiamo sintonie”

5 Commenti

  • Glu
    24 aprile 2018

    Soros chi? In che squadra gioca? Questa è la risposta che ottengo generalmente.

  • Manente
    24 aprile 2018

    Il grande presidente Orban fa benissimo a liberarsi delle Ong di Soros che si dicono “non governative” (sic…), ma operano per sobillare e rovesciare i governi per conto della entità anglo-sionista. Quanto a James Bond, il buon Jan Fleming che le trame dello spionaggio le conosceva bene, con i suoi romanzi aveva svelato al mondo l’esistenza della “Spectre”. Allora sembrava fantascienza, ora sappiamo che esiste davvero e si chiama “Open Society Foundation” ed il criminale a capo di essa che l’agente 007 avrebbe oggi la “licenza di uccidere”, si chiama George Soros !

  • The roman
    24 aprile 2018

    Le organizzazioni non govrrnative costituiscono un autentico assurdo giuridico. Essendo associazioni che svolgono attività politica , dovrebbero essere obbligate a concorrere regolarmente nell’agone poljtico e sottoporre le prpprie proposte al vaglio degli elettori , al pari di ogbi altro soggetto politico , partito o movimento che sia. La pretesa assolutista ed antidemocratica di essere depositari di valori superiori ed istanze insindacabili e ‘ totalmente contraria ,non solo al concetto di democrazia, ma soprattutto al diritto fondamentale di autodeterminazione dell’uomo e dei popoli. Un uomo o un gruppo di uomini , non possono ergersi a sacerdoti di una pseudo – religione laica ed a paladini di una ortodossia politica che viene rifiutata dalla maggioranza dei popoli alla wuale viene imposta . Nessuno ha scelto Soros come messia di una nuova umanità da costruire secondo i desideri delle eltes apolidi. I valori che queste organizzazioni perseguono , producono istanze e conseguenti aziini che impattano sulla vita di milioni di cittadini , che da sovrani, secondo i dettami della democazia, dovrebbero avere diritto ad esprimere la loro opinione. Le ONG sono la più sfacciata dimostrazione di arroganza del potere giudaico massonico che ci sovrasta. Con la forza del denaro riesce non solo a comprare le coscienze, ma anche a formarle .,

    • atlas
      25 aprile 2018

      le ong sono la manifestazione più coerente di cosa è la democrazia; che se la conosci la eviti, se ti ci avvicini ti uccide

    • Geometrio
      25 aprile 2018

      Concordo pienamente . Le ong nn devono esistere.

Inserisci un Commento

*

code