Lula: Israele è irresponsabile perché continua a uccidere i bambini a Gaza

Il presidente del Brasile attacca l’“irresponsabilità” del governo israeliano presieduto da Benjamin Netanyahu per aver continuato a uccidere civili a Gaza.

“Voglio esprimere solidarietà alle donne e ai bambini che muoiono in Palestina a causa dell’irresponsabilità del governo israeliano, che continua a uccidere donne e bambini”, ha sottolineato Luiz Inácio Lula da Silva sabato durante un evento pubblico nello stato di San Paolo (sud-est).

Allo stesso modo, il presidente brasiliano ha avvertito che “non possiamo rimanere in silenzio di fronte alle aberrazioni” perpetrate da Israele nella Striscia di Gaza.
Sabato scorso, poco prima della presa di posizione espressa da Lula, il regime israeliano ha bombardato Rafah, considerato l’ultimo rifugio per i civili, soprattutto donne e bambini, a Gaza, uccidendo 14 persone di cui 10 bambini.

Giovedì Lula da Silva ha definito un atto “storico” la decisione di Irlanda , Norvegia e Spagna – tre paesi dell’Unione Europea (UE) – che dal 28 maggio considereranno la Palestina uno Stato sovrano.

Dall’inizio degli attacchi israeliani contro la Striscia di Gaza, il presidente del Brasile ha ripetutamente censurato i crimini commessi dall’entità sionista nell’enclave costiera, accusando il genocidio israeliano a Gaza.

Lo scorso febbraio, il Brasile, in segno di protesta contro le atrocità israeliane a Gaza, ha convocato il suo ambasciatore a Tel Aviv per consultazioni.

Israele ha dichiarato Lula “persona non grata” per aver condannato il genocidio a Gaza. Lo stesso ha fatto con il presidente della Colombia, Gustavo Petro, che aveva condannato ugualmente il massacro perpetrato da Israele.

Secondo il Ministero della Sanità palestinese, Israele ha ucciso più di 35.903 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, nella Striscia di Gaza dall’inizio della sua guerra genocida il 7 ottobre. (Il calcolo è considerato per difetto da varie organizzazioni internazionali che ormai parlano di circa 42.000 vittime).

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “Lula: Israele è irresponsabile perché continua a uccidere i bambini a Gaza

  1. Un irresponsabile, per definizione, è colui che non si prende le responsabilità del proprio operato. Qui parliamo di un sanguinario persecutore, ghettizzato, affamatore e sterminatore di popoli, giornalisti ed operatori umanitari. Un mostro, come tutti quelli al governo in Israele. Degni rappresentati dei loro coloni tagliagole. Assassini e ladri di terre altrui.

    1. Salve Giuseppe, mi dispiace sottolineare che ci sono molto vicini se non lo hanno raggiunto. Tale record. Considera che nel 1948 la popolazione di Palestina e Cisgiordania era di quasi 4 milioni d’ abitanti. Ad oggi tutti i sopravvissuti di Gaza fanno fatica ad arrivare ad 1.5 milioni. Fai due conti. Saluti

      1. Verissimo LOLLO73, facendo un conto approssimativo mancano 2,5 milioni di palestinesi, e il tuo è un dato oggettivo ! Il punto è se i “mitici” 6 milioni sono veramente tali. E ogni volta che ho approfondito cercando fonti “neutre”, cioè ricostruzioni storiche nè pro nè anti sioniste, i dubbi aumentano sempre di più ! La mia conclusione è che i 6 milioni di vittime del cosiddetto olocausto, sono un numero gonfiato ad arte, usato dai sionisti per avere carta bianca in eterno per loro malefatte ! E lo dico non per odio etnico, razziale o religioso ! Non potrei odiare nessuno per un preconcetto ideologico o per partito preso, ma rivendico il diritto di odiare comportamenti criminali, suprematisti e genocidi, in questo caso quelli di una grande fetta della popolazione ebraica, del suo esercito, del suo regime, della sua religione, dei suoi fanatici rabbini, dei coloni, del sistema usuraio, imperialista, guerrafondaio, che domina l’occidente !

  2. “israele” non è solo irresponsabile, il che è troppo poco, ma ha una sostanza criminale, anti-umana e genocida, caratteristiche che più o meno unificano tutti gli ebrei, ovunque siano incistati nel mondo.

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM