Lukashenko: ‘Un conflitto armato in Bielorussia innescherebbe la terza guerra mondiale’

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko avverte l’Occidente del rischio di un’altra guerra mondiale se dovesse scoppiare un conflitto armato nel suo paese.
” Prima di ricorrere a qualsiasi movimento frettoloso e sconsiderato, ricordatevi che la Bielorussia è il centro dell’Europa. E se qui dovesse scoppiare qualcosa, questo significherà un’altra guerra mondiale ”, ha affermato mercoledì il leader bielorusso, rivolgendosi implicitamente ai paesi occidentali.

In dichiarazioni rese durante una riunione parlamentare, Lukashenko ha esortato le potenze straniere a sospendere i loro sforzi per destabilizzare la situazione in Bielorussia.

“ Non siamo un grande Paese, ma daremo una risposta adeguata. Ci sono stati precedenti simili nel mondo in passato ”, ha avvertito, secondo l’agenzia di stampa locale BelTA .

In caso di aggressione straniera, ha aggiunto, la Bielorussia, sebbene non si aspetti di vincere questa guerra, ha una potenza militare che sarebbe in grado di infliggere danni irreparabili al suo nemico .
Diversi paesi occidentali hanno accusato Minsk di aver dirottato un aereo per arrestare un giornalista dissidente domenica e, di conseguenza, l’Unione europea (UE) ha imposto nuove sanzioni alla Bielorussia.

In relazione a questo provvedimento, Lukashenko ha denunciato che l’Occidente ha lanciato una guerra ibrida contro i suo paese e gli “attacchi” contro la Bielorussia hanno oltrepassato le “linee rosse”. “Reagiremo duramente a qualsiasi sanzione, attacco e provocazione. Non perché vogliamo combattere al centro del continente. Non lo vogliamo. Siamo stufi, perché voi lì, in Occidente, non ci lasciate altra scelta ”, ha sottolineato.
L’Occidente, che non ha riconosciuto l’esito delle elezioni presidenziali del 9 agosto 2020 in Bielorussia, in cui Lukashenko ha ottenuto la maggioranza dei voti in tutto il Paese, ha progressivamente imposto misure restrittive contro Minsk.
Da allora, Lukashenko ha denunciato i tentativi degli Stati Uniti e dei loro alleati di compiere un colpo di stato contro di lui.
Il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, ha dichiarato mercoledì che l’allarme bomba che questa domenica ha portato all’atterraggio a Minsk di un aereo Ryanair in volo tra Atene e Vilnius, proveniva dalla Svizzera.

Dimostrazioni in Bielorussia

In un discorso al Parlamento, Lukashenko ha sottolineato di aver agito “legalmente” e “proteggendo le persone, in conformità con tutte le regole internazionali”, mentre l’equipaggio di volo si consultava con l’aeroporto di Vilnius.
Per quanto riguarda i successivi divieti sui voli da e verso la Bielorussia da parte di vari paesi, Lukashenko ha sottolineato che l’Occidente ha reagito “troppo rapidamente” all’incidente. In particolare, ha detto, “non appena l’aereo è atterrato a Minsk”, le accuse dall’Occidente e il divieto di volo hanno iniziato a dilagare.
In questo senso, ha precisato che i nemici “dall’esterno e dall’interno del Paese” hanno cambiato i metodi di attacco allo Stato, passando dall’organizzazione di disordini alla “fase di strangolamento” .


Nota: Per effetto della sospensione dei voli di compagnie occidentali sulla Bielorussia, attualmente si registrano gravi disgi per gli stranieri che si trovano in Bielorussia e che sono impossibilitati a rientrare nei loro paesi.
I rapporti della Bielorussia con alcuni paesi come Lettonia, Polonia ed Ucraina sono molto tesi e si sono svolte esercitazioni militari ai confini fra Bielorussia e Ucraina.

Fonti: Hispan Tv RT Actualidad

Traduzione e nota: Luciano Lago

13 Commenti
  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 18:25h, 26 Maggio Rispondi

    la bielorussia rimane l’ultimo stato “cuscinetto” che separa la Russia dalla nato, ai tempi dell’urss c’erano appunto lettonia, estonia, lituania, poi bielorussia e infine ucraina
    per cui messo in naftalina il donbass per un po’ mi pare giusto punzecchiare lukashenko, ma quello è tosto mica come i burattini a kiev
    sarà anche un dittatore, ma massima stima per uno che ha rifiutato milioni di dollari dai pagliacci dell’OMS servi cinesi che volevano imporgli la quarantena come da noi
    non a caso dopo quell’episodio sono spuntati i primi contrasti con “l’occidente”

    • Niko
      Inserito alle 09:16h, 27 Maggio Rispondi

      ufficialmente e alle apparenze,SI,.
      La Bielorussia rimane l’ultimo stato cuscinetto .
      Di fatto invece Bielorussia e Russia sono due corpi, ma una unica anima, e cio’ e’ servito ai boccaloni del OMS – FMI – BANCA MONDIALE, i quali ci hanno creduto e spudoratamente hanno offerto 940 milioni di dollari (corruzione) al PRESIDENTE LUKASHENKO, per chiudere la Bielorussia come era stata chiusa l’Italia….
      I boccaloni invece sono stati sputtanati dallo stesso PRESIDENTE LUKASHENKO, di questo tentativo di corruzione, che e’ la prova che tutti i Spolitici e Sgovernanti del mondo hanno preso dei soldi per le proprie tasche.
      Se fossimo vissuti in un era di “gente sveglia” a questo momento avremmo dovuto prendere a fricchionate i medesimi, ma siccome siamo per la 99,99 % addormentanti questa notizia c’e la siamo fatta passare sotto il cuscino e non c’e ne siamo accorti, ma continuiamo ad andare in giro Maskeruolati per la paura del Vairus

      https://www.oltre.tv/bielorussia-rifiuta-milioni-lockdown-italia-assurdita/

  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 19:32h, 26 Maggio Rispondi

    GLI EBREI usa,vorrebbero mangiarsi a pezzi a pezzi la torta l’Europa..La guerra è una variabile possibile,con gli uomini che comandono la Russia e la Bielorussia,però immaginando i loro disegni che vanno da 500 annie spassa,questi aspettano che quelli di adesso chiudono la loro vita e mettono altro Francesco al potere.

  • Capitano AQUILANTE
    Inserito alle 20:37h, 26 Maggio Rispondi

    Basta parlare bisogna dare una lezione significativa e potente a questi pezzenti ue e americazzi una botta che faccia capire loro che non possono vessare all’infinito chi vogliono basta metteteli a CUCCIA e che torni la pace VERA UN COMUNISTA NON PENTITO

    • mario
      Inserito alle 21:07h, 26 Maggio Rispondi

      concordo con le sue ided sono molto vicino alle sue affermazioni saluti……….

    • Alberto
      Inserito alle 23:35h, 26 Maggio Rispondi

      Preciserei dal mio pinto di vista: Un Sovietico

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 02:27h, 27 Maggio Rispondi

      comunisti al muro

      • Hannibal7
        Inserito alle 06:47h, 27 Maggio Rispondi

        Egregio sig Arditi concordo con lei….io aggiungo anche i sionisti
        Saluti né

      • Giorgio
        Inserito alle 09:07h, 27 Maggio Rispondi

        Tutti coloro che sono disposti ad imbracciare le armi contro gli anglo sionisti sono i benvenuti ….. comunque si proclamino ……
        se dico che bisogna nazionalizzare l’economia e qualcuno mi da del comunista o del nazionalsocialista ….. non mi offendo nè mi arrabbio …… è quella la strada da percorrere ……

  • Idea3online
    Inserito alle 20:45h, 26 Maggio Rispondi

    Probabilmente l’Occidente correggerà il tiro e allenterà la tensione. Certo l’Occidente abituato a darle e non a prendere bastonate, giusta è stata la reazione. Cosa avrebbe dovuto fare e dire al successo di questa perfetta operazione. Certamente non avrebbero detto: Congratulazioni per la brillante operazione di polizia e di intelligence.
    Fisiologico è aspettare qualche ora e giorno per far digerire allo Zio Sam, la vittoria della Russia. In queste ore analizzeranno costi e benefici delle sanzioni alla Bielorussia, ed probabilmente a breve l’Unione Europea cambierà strategia, una strategia più accomodante, rispettando la Storia, Storia che sta premiando l’Oriente, o Regno del Sud. Ricordatevi la Storia percorre la sua strada, non è sottomessa al FMI o alla FED.

  • Hannibal7
    Inserito alle 06:44h, 27 Maggio Rispondi

    Siamo stufi, perché voi lì, in Occidente, non ci lasciate altra scelta ”, ha sottolineato.
    Questa frase di Lukashenko mi ha colpito e lasciato un po’ perplesso…
    Cosa voleva dire con “…non CI lasciate altra scelta…
    Intendeva se stesso e il popolo bielorusso?….o con quel “CI” includeva anche Putin e i russi????
    In ogni caso comunque sarebbe bene che UE NATO e USA riflettano bene e non facciano passi azzardati perché, come dice egregio Arditi,il bielorusso non è un burattino come quelli che stanno a Kiev….è uno tosto che anch’io ammiro per quello già citato sempre da Arditi nel suo commento….
    Putin qualche giorno fa ha avvertito tutti….attenzione ai denti!!!
    Saluti né

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 15:11h, 27 Maggio Rispondi

      lukashenko in passato aveva fatto l’occhiolino agli occidentali, ma tra la vicenda OMS e vedere la fine che han fatto navalny e l’ucraina si è forse reso conto che gli conviene guardarsi le spalle e quindi riavvicinarsi a putin.
      e risottolineo il fatto che lukashenko mi pare sia da 20 anni al potere, ma nessuno in europa se ne preoccupava, poi all’improvviso si sono ancorti de “l’ultimo dittatore in Europa” quando ha fatto ciao ciao con la manina all’inviato dell’OMS.
      coincidenze ? non ci crede nessuno

Inserisci un Commento