Lukashenko: la Bielorussia starà al fianco della Russia in caso di aggressione ucraina



Permangono tensioni ai confini bielorussi e polacchi, e parlando della possibilità che “l’Ucraina lanci un’aggressione contro la Russia”, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko dichiara il sostegno del suo Paese alla Russia nel caso in cui questa subisca aggressioni dall’Ucraina e dalla NATO.
Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha annunciato che il suo paese sarà dalla parte della Russia se questa dovrà affrontare “l’aggressione da parte dell’Ucraina”

La posizione di Lukashenko è arrivata in dichiarazioni esclusive all’agenzia russa “Sputnik”, dove ha affermato che “se la Russia affronterà l’aggressione dell’Ucraina, saremo in stretto contatto, economicamente, legalmente e politicamente con la Russia, e questa è la cosa principale”.

Ha aggiunto che “la Crimea è entrata nelle forze della Russia nel 2014 senza combattere, perché l’esercito ucraino che ha prestato servizio lì e per paura della diffusione delle forze della NATO nella penisola, ha offerto ai suoi colleghi russi di prendere il controllo della regione”.

Il presidente bielorusso ha rivelato che “tutti tranne uno dei lanciamissili balistici nucleari intercontinentali della repubblica sono pronti per l’uso”.

Lukashenko aveva precedentemente affermato che “il suo viaggio in Crimea significherà il riconoscimento della penisola come parte della Federazione Russa”, sottolineando che “la più grande forma di riconoscimento da parte del mio paese della sovranità della Russia sulla Crimea è la mia visita e il mio incontro con il presidente .”

Martedì Lukashenko ha dichiarato: “La Bielorussia offrirà alla Russia di schierare armi nucleari sul suo territorio se le armi nucleari della NATO saranno schierate in Polonia”.

Anche se Lukashenko non ha rivelato il tipo esatto di armi che la Bielorussia potrebbe ricevere sul suo territorio, ha detto: “Ci metteremo d’accordo sul tipo… Sarà l’arma nucleare più efficace a tale richiesta. Noi sul suolo bielorusso siamo pronti per questo. Come presidente del paese, non ho distrutto nulla. Tutte le strutture sono ancora in piedi”.

Successivamente, Mosca ha risposto alla richiesta del presidente bielorusso, affermando di essere pronta per il possibile dispiegamento di armi nucleari in Bielorussia.

Esercitazioni integrate forze bielorusse e russe

Il presidente polacco Andrzej Duda ha invitato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ad aumentare la prontezza delle forze della NATO sul lato orientale, mentre il primo ministro polacco Matusz Morawiecki ha affermato di non escludere che l’escalation al confine con la Bielorussia venga trascinata fino ad una guerra ” . .

Fonte: agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM