L’UE vuole rafforzare la cooperazione con il governo razzista di Israele

L’Unione Europea ha capitolato silenziosamente davanti a Benjamin Netanyahu

di David Cronin

Nel 2017, Netanyahu fu sentito lamentarsi del modo in cui l’UE attribuiva “condizioni politiche” alle relazioni con Israele, cosa che considerava “folle”.
Sei anni dopo, l’élite di Bruxelles ora afferma che “la nostra amicizia [con Israele] non ha condizioni”.

Almeno, questa è stata la linea adottata da Margaritis Schinas, vicepresidente della Commissione europea, quando ha visitato Tel Aviv a giugno. Un documento informativo preparato per il suo viaggio dimostra che la Shinas ha sostenuto relazioni più strette con l’ultima coalizione guidata da Netanyahu, nonostante sia la più di destra radicale sin dalla nascita di Israele.

Il documento – ottenuto tramite una richiesta di libertà di informazione – afferma che “possiamo far crescere la nostra cooperazione ancora più forte”.
La “sicurezza” è elencata come uno dei settori politici in cui la cooperazione può essere approfondita.
L’inclusione è significativa.

Alcuni mesi fa, gli inviati dell’UE a Tel Aviv hanno annullato un ricevimento al quale Itamar Ben-Gvir, il ministro della Sicurezza nazionale sfacciatamente razzista di Israele, avrebbe voluto partecipare. Eppure il messaggio inviato da Schinas era che l’UE desiderava ancora legami più stretti con l’apparato di “sicurezza” di Israele.

Le principali condizioni a cui sono soggette le relazioni UE-Israele possono essere trovate in un “accordo di associazione”. L’ accordo – entrato in vigore più di vent’anni fa – stabilisce che tutti i rapporti “saranno basati sul rispetto dei diritti umani e dei principi democratici”.
È evidente da tempo che l’UE non è disposta a far rispettare tali condizioni.

Nonostante le continue violazioni dei diritti dei palestinesi, a Israele è stato ripetutamente detto che l’UE vuole stringere i rapporti sempre di più .
Il documento – vedi sotto – preparato per il viaggio di Schinas a Tel Aviv dà un’idea di quanto siano confortevoli le relazioni UE-Israele ora. Descrive Israele come “un vero amico, un vero partner” per l’UE e “un alleato su questioni importanti che vanno dall’intelligenza artificiale e dalla tecnologia al cambiamento climatico”.

Democrazia?
Israele non è mai stata una democrazia per i palestinesi. Se l’ultimo governo avrà successo, Israele non sarà una vera democrazia neanche per i cittadini ebrei.
La magistratura israeliana è sempre stata parte integrante del sistema di apartheid. Dimostrandosi ostile ai diritti umani fondamentali, la più alta corte israeliana ha addirittura approvato la tortura dei prigionieri palestines

Israeli soldiers try to arrest a Palestinian boy, as he was taking photographs during a weekly demonstration against the occupation and separation wall in the West Bank village of Al Ma’sara, November 9, 2012. The Israeli separation wall, if built as planned, would cut off the village from its agricultural lands.

Poliia Israeliana

La magistratura è stata tuttavia troppo autonoma per i gusti dei politici più estremisti israeliani. Ora stanno promuovendo una legislazione che impedirebbe alla Corte Suprema di annullare le decisioni volte a intensificare l’oppressione dei palestinesi.

Invece di criticare i tribunali che sostengono la tortura, l’Unione Europea sta cercando attivamente un accordo sulla cooperazione giudiziaria con Israele.
Questo messaggio è stato consegnato da Ladislav Hamran, presidente di Eurojust – l’agenzia europea per la cooperazione giudiziaria penale – durante una visita in Medio Oriente nel mese di luglio.

Una nota informativa preparata per il suo viaggio affermava che Israele aveva espresso interesse a negoziare una partnership con Eurojust nelle discussioni tenutesi nel novembre dello scorso anno “ma sfortunatamente da allora non ci sono stati progressi”.

I funzionari dell’UE “stanno ancora aspettando una manifestazione formale di interesse” da parte di Israele tramite una lettera e nominando una squadra negoziale. La nota informativa – vedi sotto – raccomandava ad Hamran di sottolineare la volontà dell’UE di “avviare i negoziati il ​​prima possibile” nelle sue conversazioni con i rappresentanti israeliani.

Autocensura
In un recente articolo , ho rivelato che l’UE ha una politica di astensione da azioni che potrebbero offendere Israele.
La nota informativa per Hamran suggerisce che il personale dell’UE sta addirittura aggirando Israele in punta di piedi nelle discussioni interne.
Si riferisce al modo in cui i burocrati hanno redatto un accordo separato sulla cooperazione di polizia tra UE e Israele. L’accordo, tuttavia, “non è stato concordato” dal Parlamento europeo e da alcuni governi dell’UE “a causa di questioni di territorialità”.
Tali questioni “potrebbero ostacolare la negoziazione di un accordo di cooperazione con Eurojust”, aggiunge la nota.
Le “questioni di territorialità” si riferiscono alle proposte secondo cui l’accordo di cooperazione di polizia coprirebbe i territori conquistati da Israele nel giugno 1967. In altre parole, riguardano in realtà un’occupazione militare.

Il progetto di accordo di cooperazione di polizia avrebbe consentito a Israele un utilizzo quasi illimitato dei dati ottenuti dalla parte dell’UE in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, le alture di Golan e Gaza.

Invece di spiegare le questioni circostanti in termini chiari e semplici, il personale dell’Eurojust che ha preparato la visita di Hamran ha apparentemente sentito il bisogno di utilizzare eufemismi.

Una simile evasività può essere rilevata in una nota informativa preparata per un incontro tra Hamran e Akram al-Khatib, il procuratore generale dell’Autorità Palestinese.
La nota menziona che al-Khatib era “fortemente coinvolto nelle indagini sulla morte della giornalista veterana Shireen Abu Akleh”.

Giornalista palestinese assassinata da Israeliani

Pur riconoscendo che Abu Akleh è stata “uccisa a colpi di arma da fuoco mentre riferiva di un raid nel campo di Jenin”, la nota non afferma esplicitamente che è stata uccisa dai soldati israeliani.

Sebbene questo fatto non sia in dubbio, i funzionari dell’UE hanno fatto ricorso all’autocensura. A quanto pare, dire la verità non verniciata sta diventando un tabù.

Fonte: Eletronic Intifada

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “L’UE vuole rafforzare la cooperazione con il governo razzista di Israele

  1. Purtroppo Israele non è una democrazia nemmeno per gli ebrei etiopi e non lo è per i sefarditi quanto per quelli che vengono dall’ Europa. Fra la gente è diffuso il senso di pericolo e precarietà e tutti sono convinti della necessità di agire come agenti USA nell’area mediorientale e mediterranea. E qui si incrociano gli interessi con EU e con l’Italia.

  2. Il vero Israele originario è l’Africa, il cui popolo è stato fatto schiavo per 400 anni (citazione biblica), dalla scoperta delle americhe di Colombo nel 1492 alla nascita del liberatore Haile Selassie nel 1892. I veri ebrei, come i cristiani originali, sono in Etiopia. Ci sono poi gli ebrei traviati dalla schiavitù di Roma.

    Quest’altro ‘israele’ moderno è in realtà fatto lupi vestiti da agnelli.

  3. La UE verso Israele? E’ sufficiente pensare che nel momento stesso in cui che vengono introdotte leggi repressive per chi nega l’ Olocausto che vengono usate anche contro chi ragiona di Olocausto è come se si facesse un atto di sottomissione razziale verso gli ebrei e verso Israele. Di fatto noi Europei siamo tutti Palestinesi!

    1. Annibale , per favore basta non si capisce nulla di quello che scrivi , davvero , smettila ….sveli un livello di ignoranza dpraccapricciante . Meglio tacere .oppure torna alle elementari perché il tuo livello grammaticale è da seconda , te capì , terün !!!

  4. Tg e stampa italiana hanno ampiamente riferito dell’assassinio di Shireen Abu Akleh.
    MAGARI!!!
    saranno mica controllati dalla NATO?

  5. Non c’è da meravigliarsi, sono decenni che l’entità sionista seleziona i politici dell’occidente allargato, l’ultimo politico occidentale a fare un pò di resistenza fu John Kennedy che non voleva che la suddetta entità avesse un reattore nucleare e la bomba atomica, realizzati tra l’altro con uranio trafugato agli USA, e fece una brutta fine.
    Pure suo fratello finì eliminato, ammazzato per somma perfidia tipica del popolo con la kippah da un palestinese a cui fu fatto forse il lavaggio del cervello.
    Purtroppo i Kennedy erano giovani e poco avveduti, anche Roosevelts, presidente molto malleabile in quanto invalido, aveva come controllore il suo onnipotente segretario al tesoro ebreo Morgenthau.
    Difficile nella storia americana recente che non ci sia stato un segretario al tesoro o un presidente della FED ebreo, se non lo era uno lo era l’altro, devono sempre controllare l’economia occidentale per poter finanziare l’entità sionista.
    Dedollarizzare l’economia mondiale equivale a togliere l’acqua al pesce sionista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM