L’UE PUÒ SOPRAVVIVERE ALLA PROSSIMA CRISI FINANZIARIA?


Di Alasdair Macleod

Nonostante il sussidio della BCE al sistema bancario dell’Eurozona , la UE rimane in uno stato di sonnambulismo simile all’economia zombificata non finanziaria, non capitalista-liberista. Sono finiti i giorni inebrianti dell’investment banking. Ora esiste un’eredità di multe per derivati ​​e regolatori. La tecnologia ha reso la rete di filiali troppo estesa, tipica di una banca europea al dettaglio, un costoso elefante bianco.

Il mercato della chiusura delle filiali bancarie nelle città e nei villaggi di tutta Europa deve essere terribile, fonte di perdite insufficienti. Oltre a questo, la politica dei tassi d’interesse della BCE ha portato i margini di prestito a diventare sottilissimi.

Un tasso sui depositi negativi dello 0,4% presso la BCE ha portato a tassi del mercato monetario all’ingrosso (Euribor) negativi lungo la curva dei tassi fino ad almeno 12 mesi. Questo ha consentito alle banche francesi, ad esempio, di finanziare le posizioni dei titoli di stato italiani, estrapolando 33 punti base su un bond “senza rischi” di un anno. È il picco dei margini di prestito collassati quando persino i cervelloni di leone possono vedere che il rischio è maggiore della ricompensa, a prescindere dal regolatore. L’intera curva dei rendimenti è considerevolmente inferiore al rischio italiano, il che implica che, date le sue obbligazioni di debito esistenti, dovrebbe essere previsto che i titoli di Stato italiani a 10 anni producano solo il 2,55%. Questo è meno degli equivalenti Treasury statunitensi, lo standard globale privo di rischi.

I rendimenti dei titoli di Stato sono stati e rimangono considerevolmente ridotti grazie alla soppressione dei tassi d’interesse della BCE e ai suoi programmi di acquisto di obbligazioni. L’espansione del debito pubblico della zona euro dalla crisi di Lehman è stata del 50% circa a 9,69 trilioni di euro. Questa espansione, pari a 3,1 trilioni di euro, si confronta con l’espansione del bilancio proprio dell’Eurosistema di 2,8 trilioni di euro dal 2009. In altre parole, l’espansione del debito pubblico dell’Eurozona è stata quasi compensata dalla creazione monetaria della BCE.

I prezzi delle obbligazioni, come quello del debito italiano a 10 anni con un rendimento del 2,55%, sono quindi privi di significato nel senso del mercato. Questo non è stato un grosso problema finché i prezzi delle attività sono in aumento e l’economia globale si sta espandendo, perché l’inflazione monetaria manterrà la bolla flat espandendosi. È quando una crisi di credito si materializza che il problema inizia. La bolla flat si sviluppa in perdite e alla fine implode.

Impiccati all’euro

Ora che l’economia globale ha smesso di espandersi ed è sull’orlo della recessione, in queste mutevoli condizioni i pericoli monetari, sistemici ed economici che sta affrontando l’Eurozona stanno rapidamente aumentando. Questo è un problema che va oltre la capacità della BCE di contenere i rischi. I politici e le loro istituzioni a Bruxelles sembrano inconsapevoli dell’avvicinarsi della tempesta, ma quando lo fanno diventano consapevoli, si rivolgeranno a un gruppo di esperti per la protezione. Come i pesci in una palladi esca che si stringe, le loro azioni sono impostate per accelerare la loro stessa fine.

L’inizio della disintegrazione dell’UE
Non c’è dubbio che la BCE sia riuscita finora a impedire che una crisi finanziaria e sistemica si materializzasse a causa dello sfondo di un’espansione monetaria e creditizia mondiale che gonfia i prezzi delle attività finanziarie. Uno sfondo globale dei valori delle attività in aumento era necessario per assorbire le conseguenze della crisi finanziaria greca senza destabilizzare l’intero caboodle. Se fosse successo durante una crisi del credito globale, il risultato sarebbe stato diverso.

Inevitabilmente, a un certo punto il potere d’acquisto dell’euro comincerà a cadere sotto il peso di un’accelerazione dell’inflazione monetaria e delle richieste da parte dei capitalisti-clientelari per un tasso di cambio competitivo. L’aumento dei rendimenti obbligazionari sarà il risultato inevitabile, richiedendo ancora più QE dalla BCE. Ci vuole poca immaginazione per rendersi conto che in un contesto di crescenti rendimenti obbligazionari e di calo dei valori patrimoniali il governo italiano e la sua economia saranno esposti a difficoltà intrattabili. La differenza dalla crisi greca in corso è che l’economia italiana è quasi dieci volte più grande di quella della Grecia. Finora, aiutati dal gonfiarsi dei mercati, non c’è stata una vera crisi. In un mercato delle obbligazioni malvagie che potrebbe accompagnare la prossima crisi del credito, l’Italia da sola potrebbe far crollare l’intero Eurosistema.

Ciò potrebbe accadere entro la fine di quest’anno, perché quando le cose vanno male le calamità di solito accelerano il ritmo . Oggi l’UE è minacciata dalla Brexit, che al momento della scrittura non è ancora stata risolta. Ma c’è una possibilità significativa che la Gran Bretagna lascerà l’UE senza un accordo commerciale globale e senza pagare tutti i soldi dovuti all’UE. I soldi dovranno essere compensati dagli altri membri, principalmente da Germania, Francia, Italia e Spagna, essendo le maggiori economie rimanenti. Inoltre, la politica economica del Regno Unito è destinata a focalizzarsi sull’essere un attivo regionale competitivo per il commercio globale, migliorando la sua performance economica rispetto a una UE indebolita. Le tensioni politiche esistenti nell’Unione europea sono destinate ad aggravarsi mentre l’UE cade dietro, e Bruxelles, attaccata alla dissolutezza, per la prima volta deve affrontare tagli di bilancio.

Sta diventando sempre più evidente agli osservatori indipendenti che il modello di socializzazione sovranazionale dell’UE sta fallendo strutturalmente, politicamente, economicamente e finanziariamente. La prossima crisi del credito, che sembra evolversi dai segni degli eventi di oggi, sembra destinata a porre fine al sogno europeo.

  • Informazioni sull’autore: Alasdair Macleod è il capo della ricerca di GoldMoney .
  • Traduzione: Lisandro Alvarado

Inserisci un Commento

*

code