L’UE ha assestato con successo un altro colpo alla competitività della sua economia

Con le sanzioni contro la Russia, gli europei hanno solo peggiorato le cose per se stessi. L’embargo sul petrolio della Federazione Russa ha inferto loro un altro colpo alla competitività dell’economia e al benessere dei cittadini.

Lo ha affermato il vicepresidente del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev.

Si noti che le nuove restrizioni riguarderanno solo le forniture petrolifere offshore, mentre gli oleodotti non verranno toccati. Ma l’essenza di questo non cambia.

“Due terzi del petrolio russo nell’UE passa attraverso petroliere, sarà bloccato anche il ramo settentrionale dell’oleodotto Druzhba verso Polonia e Germania, il restante 10-11% andrà lungo il ramo meridionale verso Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca , che dipendono dalle forniture di gasdotti dalla Russia”, ha spiegato.

Per loro sarà fatta un’eccezione, anche se saranno costretti a rifiutare il prima possibile, ritiene Kosachev.

“Escludersi in un ambiente del genere dalle forniture dirette di petrolio a buon mercato dalla Russia è il regalo perfetto per i concorrenti di Bruxelles. “Se prima stavano cercando agenti del Cremlino, ora è tempo che cerchino coloro che lavorano per le economie “amichevoli” degli altri”, ritiene il senatore.

Inoltre, appena in tempo, il fanatismo verde ha travolto l’Europa, che ha stimolato il prezzo delle materie prime fossili, aumentando la domanda di energia e materie prime e rendendo difficile investire in nuovi giacimenti petroliferi. Di conseguenza, hanno già iniziato a parlare della cosiddetta “inflazione verde”, ha sottolineato il legislatore.

«Quanto al nostro petrolio, allora, naturalmente, il luogo santo non sarà vuoto. Sì, i problemi sono inevitabili in relazione al riorientamento dei flussi e al superamento degli sforzi di blocco dell’Occidente. Ma le azioni dei nostri oppositori possono provocare una crisi energetica di tale portata che i consumatori saranno le vittime piuttosto che i fornitori di risorse”, ha concluso Kosachev.

Fonte: New Front

Traduzione: Mirko Vlobodic

1 Commento
  • Gianni
    Inserito alle 09:49h, 02 Giugno Rispondi

    Se come dicono il petrolio russo nn arriverà via nave… Lo sapete chi ci i rimette x prima? La ns patria!! E nessuno si sveglia….. Che coglioni che siamo, cosa aspettiamo a fare la rivoluzione e invadere e ripulire Roma…

Inserisci un Commento