L’UE è troppo investita nel progetto bellico ucraino

di Alastair Crook

L’Ucraina non è una questione a sé stante di politica estera, ma piuttosto il perno attorno al quale ruoteranno le prospettive economiche dell’Europa.

L’Ucraina non è una questione a sé stante di politica estera, ma piuttosto il perno attorno al quale ruoteranno le prospettive economiche dell’Europa.

L’Unione Europea, sotto ogni punto di vista, è troppo investita nel progetto bellico ucraino – e anche nella sua storia d’amore con Zelenskyj. Proprio all’inizio di quest’anno, la narrativa occidentale (e dell’UE) era che l’imminente offensiva post-inverno da parte dell’Ucraina avrebbe “spezzato” la Russia e avrebbe dato un “colpo di grazia” alla guerra. I titoli di MSM raccontavano una normale storia della Russia allo stremo. Ora, però, la messaggistica dell’Establishment ha fatto un giro di 180°. La Russia non è “allo stremo”…

Due media angloamericani dell’Establishment nel Regno Unito (in cui spesso emergono messaggi dell’Establishment USA) alla fine – e con amarezza – hanno ammesso: “Le sanzioni alla Russia sono fallite ”. Il Telegraph si lamenta : “Sono uno scherzo”; “ Ormai la Russia doveva essere crollata ”.

Inoltre, tardivamente, in tutta Europa si sta rendendo conto che le offensive dell’Ucraina non si dimostreranno decisive, come era stato previsto solo poche settimane prima.

Foreign Affairs, in un articolo di Kofman e Lee, sostiene che, data un’offensiva ucraina inconcludente, l’unico modo per andare avanti – senza subire una perdita storicamente umiliante – è “calciare il barattolo lungo la strada” e concentrarsi sulla costruzione di un pro -una coalizione di guerra per il futuro, che possa sperare di eguagliare il potenziale di sostegno economico-militare a lungo termine della Russia.

“Kofman-Lee costruisce lentamente il motivo per cui non ci si dovrebbe aspettare alcun tipo di successo drammatico o decisivo, e perché invece la narrazione deve spostarsi verso la costruzione di un’infrastruttura di sostegno a lungo termine affinché l’Ucraina sia in grado di combattere quello che ora è probabile che sia un conflitto molto lungo e prolungato”, osserva il commentatore indipendente Simplicicus .

In parole povere, i leader europei si sono scavati un buco profondo. Gli stati europei, svuotando ciò che restava nei loro arsenali di vecchie armi per Kiev, avevano cupamente sperato che l’imminente offensiva di Primavera/Estate avrebbe sistemato tutto, e non avrebbero più dovuto affrontare il problema – la guerra in Ucraina –. Di nuovo sbagliato: vengono invitati a “scavare più a fondo”.

Kofman-Lee non affronta la questione se evitare l’umiliazione (NATO e USA) valga la pena di un “conflitto prolungato”. Gli Stati Uniti sono “sopravvissuti” al loro ritiro da Kabul.

Tuttavia, i leader europei non sembrano vedere che i prossimi mesi in Ucraina rappresenteranno un punto di svolta chiave; Se l’UE non rifiutasse fermamente la “missione strisciante” ora, ne deriverebbero una serie di conseguenze economiche negative. L’Ucraina non è una questione a sé stante di politica estera, ma piuttosto il perno attorno al quale ruoteranno le prospettive economiche dell’Europa.

Il blitz dell’F-16 di Zelensky in Europa la scorsa settimana è indicativo del fatto che, mentre alcuni leader europei vogliono che Zelensky metta fine alla guerra, lui – al contrario – vuole (letteralmente) portare la guerra in Russia (e probabilmente in tutta l’Europa).

“Finora”, ha riferito Seymour Hersh , “[dice un funzionario statunitense], “Zelensky ha rifiutato il consiglio [di porre fine alla guerra]; e ha ignorato le offerte di ingenti somme di denaro per facilitare il suo ritiro in una tenuta che possiede in Italia. Non c’è alcun sostegno nell’amministrazione Biden per qualsiasi accordo che implichi l’uscita di Zelensky, e la leadership in Francia e in Inghilterra “sono troppo vincolate” a Biden per contemplare uno scenario del genere”.

“E Zelensky vuole ancora di più”, ha detto il funzionario. “Zelensky ci sta dicendo che se vuoi vincere la guerra devi darmi più soldi e più roba: “Devo pagare i generali”. Ci sta dicendo, dice il funzionario, che se sarà costretto a lasciare l’incarico, “andrà al miglior offerente. Preferisce andare in Italia piuttosto che restare e magari farsi ammazzare dalla sua stessa gente”.

Per coincidenza, ai leader europei viene dato – da Kofman-Lee – un messaggio che fa eco a quello di Zelensky: l’Europa deve affrontare le esigenze di sostegno a lungo termine dell’Ucraina riconfigurando la sua industria per produrre le armi necessarie a sostenere lo sforzo bellico – ben oltre il 2023 (per eguagliare la formidabile capacità di produzione di armi logistiche della Russia) e per evitare di riporre le loro speranze in ogni singolo sforzo offensivo.

La guerra è ora, in questo modo, proiettata come una scelta binaria: “porre fine alla guerra” contro “vincere la guerra”. L’Europa sta tergiversando – stando al bivio; iniziando esitante lungo una strada, solo per fare retromarcia, e indeciso fare alcuni passi cauti lungo l’altra. L’UE addestrerà gli ucraini a pilotare gli F-16; eppure è timido nel fornire gli aerei. Sa di tokenismo; ma il tokenismo è spesso il padre della missione strisciante.

Dopo essersi schierati con l’amministrazione Biden, una leadership dell’UE poco riflessiva ha abbracciato con entusiasmo la guerra finanziaria alla Russia. Ha anche abbracciato senza riflettere una guerra della NATO contro la Russia. Ora i leader europei potrebbero trovarsi spinti ad abbracciare una corsa alla linea di approvvigionamento per far combaciare la “logistica” con la Russia. Vale a dire, Bruxelles viene esortata a impegnarsi nuovamente a “vincere la guerra”, piuttosto che a “finirla” (come vogliono alcuni stati).

Questi ultimi Stati dell’UE ora stanno cercando disperatamente una via d’uscita dal buco in cui hanno scavato. E se gli Stati Uniti tagliassero i finanziamenti all’Ucraina? E se il Team Biden si spostasse rapidamente in Cina? Politico titola : La fine degli aiuti all’Ucraina si sta rapidamente avvicinando . Rimontarlo non sarà facile. L’UE potrebbe trovarsi costretta a finanziare un “conflitto per sempre” e l’incubo di un’ulteriore ondata di profughi, prosciugando le risorse dell’UE e aggravando la crisi dell’immigrazione che sta già agitando gli elettori dell’UE.

Gli Stati membri sembrano ancora ripensarci con entusiasmo, credendo a metà ai racconti di divisioni a Mosca; credere alle “frittate della mente” di Prigozhin ; ritenendo che la lenta cottura russa di Bakhmut sia un segno di esaurimento della forza, piuttosto che una parte del paziente progressivo degrado russo delle capacità ucraine che è in corso, in tutto lo spettro.

Questi Stati scettici verso la guerra, facendo la loro parte simbolica di “pro-ucrainismo” per evitare di essere castigati dalla nomenclatura di Bruxelles, scommettono sull’improbabile idea che la Russia aderirà a qualche accordo negoziato e, soprattutto, a un accordo favorevole all’Ucraina. Perché dovrebbero crederci?

Il problema dell’Europa”, dice la fonte di Seymour Hersh, in termini di soluzione rapida della guerra, “è che la Casa Bianca vuole che Zelenskyj sopravviva”; e “sì”, anche Zelensky ha il suo gruppo di fan di Bruxelles.

La coppia degli affari esteri prevede che una corsa agli armamenti sarebbe – ancora una volta – beh, una “schiacciata”:

Forze Ucraine

“La Russia non sembra ben posizionata per una guerra eterna. La capacità della Russia di riparare e ripristinare le attrezzature dal deposito sembra così limitata che il paese fa sempre più affidamento sulle attrezzature sovietiche degli anni ’50 e ’60 per riempire i reggimenti mobilitati. Man mano che l’Ucraina acquisisce attrezzature occidentali migliori, l’esercito russo è diventato sempre più simile a un museo del primo periodo della Guerra Fredda”.

Veramente? Questi giornalisti statunitensi effettuano mai un controllo incrociato o un controllo dei fatti? Sembra di no. In Russia sono stati prodotti più carri armati nel primo trimestre del 2023 che in tutto il 2022. Estrapolando , la Russia aveva precedentemente prodotto più di 150-250 carri armati all’anno, con Medvedev che prometteva di aumentare la produzione a oltre 1600. Sebbene questo numero includa serbatoi rinnovati e aggiornati (che in realtà costituiscono la maggior parte), è comunque indicativo di vaste produzioni industriali.

L’UE non discute pubblicamente di queste decisioni cruciali che riguardano il ruolo dell’Europa nella guerra. Tutte le questioni delicate vengono discusse a porte chiuse nell’UE. Il problema di questo deficit democratico è che le conseguenze di queste questioni legate alla Russia toccano quasi ogni aspetto della vita economica e sociale europea. Molte domande vengono poste; segue poca o nessuna discussione.

Dove e quali sono le “linee rosse” dell’Europa? I leader dell’UE “credono” davvero nel fornire a Zelensky gli F-16 che cerca? O stanno scommettendo sulle “linee rosse” di Washington, lasciandoli fuori dai guai? Lunedì, alla domanda se gli Stati Uniti avessero cambiato posizione sulla fornitura di F16 all’Ucraina, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha risposto: “No”. Questo problema dell’F-16 non cambia le regole del gioco; tuttavia può diventare il limite sottile della “guerra per sempre”. Potrebbe anche essere il limite sottile della terza guerra mondiale.

L’UE porrà fine al sostegno militare al progetto ucraino (in linea con i precedenti avvertimenti degli Stati Uniti a Zelensky), mentre l’offensiva ucraina si esaurisce, in assenza di vantaggi?

Quale sarà la risposta dell’UE, se invitata dagli Stati Uniti a partecipare a una corsa alla fornitura di munizioni contro la Russia? Giusto per essere chiari: la ristrutturazione dell’infrastruttura europea in un’economia orientata alla guerra comporta enormi conseguenze (e costi).

L’infrastruttura competitiva esistente dovrebbe essere riconvertita dai prodotti per l’esportazione alle armi. C’è la manodopera qualificata oggi per fornire questo personale? Costruire nuove linee di rifornimento di armi è un processo tecnico lento e complicato. E questo si aggiungerebbe allo scambio di infrastrutture energetiche efficienti da parte dell’Europa con nuove strutture verdi meno efficienti, meno affidabili e più costose.

C’è una via d’uscita dal ‘buco’ che l’UE si è scavata da sola?

Sì, si chiama ‘onestà’. Se l’UE vuole una rapida fine della guerra, dovrebbe capire che ci sono due opzioni disponibili: la capitolazione dell’Ucraina e un accordo alle condizioni di Mosca; o la continuazione del logoramento a tutto spettro della capacità dell’Ucraina di fare la guerra, fino a quando le sue forze non saranno sopraffatte dall’entropia.

L’onestà richiederebbe all’UE di abbandonare la posizione delirante secondo cui Mosca negozierà un accordo alle condizioni di Zelensky. Non ci sarà soluzione seguendo quest’ultima strada.

E l’onestà richiederebbe all’UE di ammettere che unirsi alla guerra finanziaria contro la Russia è stato un errore . Uno che dovrebbe essere corretto.

Anche di questo autore
Alastair CROOK
Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM