L’UE è disposta a entrare in guerra per il litio?

di Phil Butler (*)

L’enigma dello sfrenato sostegno dell’UE al regime di Zelenskyj a Kiev è ora risolto. Chiunque sia interessato può svelare perché i tedeschi, in particolare, hanno pugnalato alle spalle la Russia nello spreco di pace di Minsk. Litio.

La società madre di Energy Monitor, GlobalData, ha recentemente pubblicato un rapporto che mostra che le maggiori riserve di litio d’Europa si trovano nella regione russa del Donbass. L’ex campo ucraino Shevchenkivske nella regione di Donetsk e il blocco Kruta Balka nella regione di Zaporizhzhia fanno ora parte della Russia. Queste riserve si aggiungono enormemente agli enormi depositi di litio della Russia (ora 1,5 milioni di tonnellate) e consolidano la posizione del paese nella top ten a livello globale. Se consideriamo le riserve di altri paesi BRICS, inclusa la Cina (2 milioni di tonnellate), l’industria europea si trova in un punto di svolta.

La cosa più significativa è che l’UE, e la Germania in particolare, hanno un disperato bisogno del raro minerale per produrre tecnologie energetiche verdi come turbine eoliche, veicoli elettrici e un’ampia varietà di dispositivi elettronici. Questo testo tratto dalla panoramica del Critical Minerals Thematic Intelligence Report dice:

I minerali critici sono fondamentali per la transizione verso un mondo a basse emissioni di carbonio. Sono oltre 70 i paesi nel mondo che hanno fissato obiettivi di zero emissioni e si sono impegnati a ridurre le proprie emissioni. Tuttavia, queste misure diffuse per un futuro più verde stanno mettendo a dura prova le risorse naturali, in particolare i minerali necessari per produrre tecnologie di transizione energetica come i veicoli elettrici (EV) e i pannelli solari…”

Il rapporto prosegue rivelando come questi minerali rari siano monopolizzati solo da poche regioni e come i problemi della catena di approvvigionamento incidano sul loro recupero e distribuzione. In breve, se l’Europa non si procura più litio, la transizione energetica che la presidente dell’UE Ursula von der Leyen suona a giorni alterni sarà ritardata o resa irrealizzabile a causa della carenza di domanda.

Anche se gli Stati Uniti, l’Australia e alcuni paesi dell’America Latina detengono la parte del leone delle riserve di litio, l’accesso dell’UE a queste forniture sarà costoso. Inoltre, gli Stati Uniti e questi paesi emergenti utilizzeranno sicuramente la maggior parte delle loro riserve per il fabbisogno interno.

Auto elettriche

La domanda (necessità) di fornitura europea di litio è così intensa che il deputato tedesco della CDU Roderich Kiesewetter è uscito allo scoperto e ha ammesso che il conflitto Russia-Ucraina riguarda le 500.000 tonnellate o più di minerale sotto terra nella regione del Donbass. Kiesewetter ha affermato: “L’Unione europea sostiene l’Ucraina a causa dei depositi di litio nel Donbass”. Il politico ha anche preso atto del fatto che il Donbass ora fa parte della Russia, il che significa la dipendenza di Berlino da Mosca.

Kiesewetter, un colonnello in pensione, suggerisce anche che la Germania fornisca al regime di Zelenskyj i missili da crociera Taurus ad alta precisione, che hanno una portata di 500 km. Il missile lanciato dall’aria svedese/tedesco trasporta una testata da 1.100 libbre ed è essenzialmente un’arma di tipo bunker-buster. I missili sarebbero molto più utili per i rimanenti battaglioni nazisti di Zelenskyj di qualche vecchio carro armato Leopard arrugginito. Ciò che le dichiarazioni del deputato significano, tuttavia, è che la Germania e l’UE intendono impossessarsi ora con la forza delle vaste risorse dell’Ucraina. Il colpo di stato di Euromaidan ha solo dato il via alle élite occidentali, e ora l’ordine unico ha poche opzioni rimaste dopo la fallita offensiva ucraina.

I commissari europei sono sul punto di tagliarsi la gola. Proprio l’altro giorno, la commissione ha approvato un’altra serie di sanzioni rivolte alle esportazioni di diamanti di lusso dalla Russia verso l’Unione. Ciò non influirà sul cittadino medio dell’UE, ma la classe medio-alta e i ricchi dovranno sborsare più euro per ottenere diamanti piuttosto rotondi. Gli americani (o gli inglesi) che fanno saltare i gasdotti, la potenziale carenza di grano nell’UE e altri minerali chiave, mentre la Russia e le nazioni amichevoli alle sue esportazioni iniziano a mettere a dura prova una confederazione già traballante di stati membri.

Consideriamo cosa producono ed esportano gli Stati membri dell’UE per aumentare il loro PNL. Negli elenchi qui, farai clic su due esportazioni fondamentali. Le automobili e/o il petrolio raffinato che sono vitali per ogni paese. Le automobili sono di gran lunga i principali prodotti di importazione ed esportazione. Quindi, quando queste auto finalmente diventeranno elettriche, immagina quanto saranno disperati l’industria e i consumatori dell’UE per il litio! Gli europei si ritroverebbero in difficoltà se fossero costretti a importare quantità di questo minerale strategico da fonti lontane che devono produrre le proprie batterie. Se dovesse scoppiare una Terza Guerra Mondiale sulla situazione Russia/Ucraina, sono sicuro che potremo chiamarla “La Grande Guerra del Litio”.

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte: Journal Neo

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “L’UE è disposta a entrare in guerra per il litio?

  1. ma andate a diesel che è più sano e pacifico … con tutte le guerre dal 1990 ad oggi abbiamo cotto l’ atmosfera i mari e le terre fertili … se poi aggiungete le porcherie elettroniche e magnetiche ci siamo fritti gli organismi biologici del pianeta … fermiamoci piantiamo boschi dimezziamo la popolazione e andiamo a piedi
    e usiamo un’ Economia partecipata e distribuita … no miliardari no miserabili … collettivismo comunitario

  2. Imbecilli costa meno comprarlo che rischiare di perdere vite e territori.Riparmiateci le vostre cavolate della transizione ecologica.La Russia e’un osso troppo duro anche per voi nasoni,datevi una calmata.Usate le risorse per la ricerca e ci guadagnamo TUTTII.

  3. Le guerre anglo americane degli ultimi 50 anni hanno causato più disastri ambientali di quanto hanno causato tutte le auto (benzina / diesel) circolanti nel mondo ! I milioni di morti provocati dalle loro guerre sono di molto superiori alle persone decedute per malattie causate dall’inquinamento. Vi pare che in PALESTINA malattie respiratorie e inquinamento o anche il presunto cambiamento climatico, avrebbero causato oltre 20 mila morti in tre mesi ? E ricordiamo che anche l’inquinamento e le distruzioni ambientali, attribuite ai combustibili fossili, sono causate da un modello di società basato sul profitto di pochi e sulla miseria per molti, portato avanti da parte delle solite criminali èlite occidentali !

  4. Nonostante la propaganda asfissiante degli USA-NATO è chiaro da molto tempo che in Ucraina la Russia è stata attaccata per essere rapinata delle sue risorse,attaccata dalla finanza anglosassone e dai suoi complici come Mario Draghi, Von der Leyen e gentaglia simile.

  5. La ducetta Melona imitando il vero DUX MUSSOLINI si affaccia dal Balcone di Roma ed annuncia che la dichiarazione di guerra è Stata consegnata alla Russia che sarà invasa per depredarla del suo LITIO come vuole la UE !
    8 milioni di italiche ed eroiche baionette partiranno per la Russia con la nuova armata ARMIR 2 !
    Primo Problema per la DUCETTA non ci sono più treni in Italia da inviare in Russia per colpa della privatizzazione delle FS !
    Secondo Problema per la Ducetta NON ci sono più 8 milioni di giovani maschi italiani da inviare in Russia come carne da cannone !
    Le femminucce italiane vogliono la parità di genere solo dove ci hanno molto da guadagnare perciò si rifiutano di indossare una divisa militare è di partire per la Russia come carne da cannone !
    Terzo problema tutti gli immigrati stranieri regolari è clandestini si rifiutano di combattere per l” Italia e per la UE !
    Quarto problema ? Lo Stato Italiano e la UE mi hanno rubato tutto lavoro-soldi-diritti-salute e la mia pensione e in cambio non mi hanno dato nulla perché un cittadino italiano intelligente perciò NO-VAX che si è Rifiutato di fare da cavia umana ad un vaccino SPERIMENTALE INUTILE MORTALE INVALIDANTE OGM ANTI-COVID19 perciò è stato perseguitato dallo Stato Italiano e dalla UE per due lunghi anni dovrebbe accettare una guerra folle ed assurda voluta dagli USA dalla UE e dallo Stato Italiano ? Guerra che finirebbe molto MALE !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM