L’UE con le spalle al muro, presa nella morsa della lotta tra Stati Uniti e Russia

di Karine Bechet-Golovko.

Stretta tra Stati Uniti e Russia, l’Unione Europea è in rotta su tutti i fronti. Mentre segue ciecamente gli americani nella politica di sanzioni contro la Russia, ora sull’affare Navalny, cercando in modo poco convincente di salvare la faccia, gli Stati Uniti adottano sanzioni mentre l’Europa rifiuta di fermare l’oleodotto del Nord Stream II, nonostante le numerose minacce americane. Screditata sia in Oriente che in Occidente, l’UE non è altro che una parodia di un potere perduto mai raggiunto, ma sempre fantasticato.

L’Ue è sprofondata nella politica di sanzioni contro la Russia, mentre l’interesse strategico dei paesi europei è quello della collaborazione tra tutti i paesi del continente, come dimostra la costruzione del gasdotto North Stream. Presa fra due fuochi, in un combattimento che non controlla, questa struttura sembra muoversi con i venti, trasportata qua e là, incapace di controllare il suo corso.

Sottomessa agli interessi atlantisti, l’UE trascina verso il basso i suoi paesi membri, alcuni dei quali sono fanaticamente a capo della lotta anti-russa, a qualunque costo, anche a costo dell’indipendenza europea, che hanno a lungo tradito. Vedi la mia intervista per RT France su questo argomento qui:

I ministri degli esteri europei, per salvare l’immagine di un Borrell irritato e ridicolizzato, come l’istituzione che rappresenta, sono stati portati ad adottare il principio delle sanzioni strettamente politiche contro la Russia, a causa della sua disobbedienza, poiché si è rifiutata di rilasciare Navalny, quando il “mondo libero” lo richiedeva .
L’Ue ha bisogno di vendetta, i paesi membri non hanno scelta, ma i mezzi sono deboli: una lista di quattro nomi verrà stilata da Borrell , che dovrà così poter lavare il suo onore, finalmente quello che a lui piace. Come lo scorso ottobre, gli europei, spinti dagli americani, avevano già preso le sanzioni personali contro le istituzioni russe, in particolare contro il direttore dell’FSB, due membri dell’amministrazione presidenziale o del ministero della Difesa. Senza processo, senza prove, ma la Russia è stata accusata di aver avvelenato Navalny, è stata punita. Ora la Russia non si è inchinata e non ha rilasciato Navalny, senza più basi legali le sanzioni verranno nuovamente adottate.
Alla fine, nulla cambierà per la Russia. I sostenitori di Navalny sono estremamente delusi, loro che avevano preparato una bella lista di “vicini” a Putin. 4 nomi e niente di più. Un gesto puramente simbolico, commisurato al potere reale dell’Ue. Un potere debole e timido. Un potere cerimoniale, che ti permette di far cadere crisantemi e fare bellissimi discorsi – scritti altrove. È solo un potere?

Joseph Borrel (prende ordini da Washington nella UE)

E quando l’UE cerca di difendere, contro i suoi “partner” americani, i suoi interessi strategici, come con la costruzione del North Stream II, gli Stati Uniti alzano il tono, adottano sanzioni, minacciano e puniscono. Fai ricatto : se prometti di conservare il passaggio dell’Ucraina, perché l’Ucraina è un elemento chiave della lotta con la Russia, all’Ucraina si deve consentire l’espediente di rubare il gas , allora forse penseremo a sanzioni di allegerimento contro di voi. La Germania ha quindi cercato di pagare un riscatto per evitare le sanzioni, invano:

“Il governo tedesco ha offerto all’amministrazione Trump fino a 1 miliardo di euro (1,21 miliardi di dollari) di sostegno finanziario per impedire a Washington di imporre sanzioni al gasdotto Nord Stream 2, come mostrano i documenti dell’organizzazione no-profit “Environmental Action Germany” (DUH) su Martedì .

Ma l’UE ha dimenticato che non è un “partner” degli Stati Uniti, ma semplicemente una struttura di amministrazione delegata locale, per prendere in gestione i paesi europei e tagliarli fuori dalla Russia, un potere locale di tendenza universale, troppo pericoloso per il mondo atlantista globale, che può permettersi un solo centro di potere. E non può, inoltre, permettersi Stati sovrani.

Gli europei, sotto l’egida dell’Ue, stanno sprofondando in un vicolo cieco: strumentalizzati sul fianco occidentale, ora disprezzati su quello orientale. Il ministero degli Esteri russo si è detto molto deluso da questo annuncio di nuove sanzioni. Non sorpreso, deluso . In altre parole, la Russia si aspettava le sanzioni, ma conservava una debole speranza di un aumento di autonomia dei paesi europei, questa speranza è stata delusa. Cosa resta delle relazioni russo-europee? Ovviamente, finché l’UE determina la politica estera dei paesi europei (in senso filo atlantista) non ci si può aspettare alcun miglioramento.

Perché, da parte sua, la Russia non intende piegarsi, come l’Europa, al diktat atlantista e promette, se persiste la politica aggressiva degli Stati Uniti nei suoi confronti, di passare in una fase attiva di contenimento della aggressiva politica americana.

Gettata tra potenze, Stati Uniti e Russia, che difendono i propri interessi strategici, l’UE ha espropriato i paesi europei della loro sovranità, li ha depositati ai piedi dell’Atlantismo, li ha presi in ostaggio, per svuotare finalmente l’Europa della sua sostanza e della sua forza per trasformarla in un pietoso burattino, perfettamente illustrato dall’impresa di Borrell in Russia.

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com

Traduzione: Gerard Trousson

4 Commenti

  • Eugenio Orso
    24 Febbraio 2021

    L’ue non è una parodia di un potere solo “fantasticato”.
    L’ue/uem è una costruzione studiata proprio per assicurare la sottomissione dell’Europa agli interessi “atlantisti”, che in ultima analisi sono quelli dell'”imperialismo finanziario privato” espressi dai “miliardari democratici” e sionisti.
    Da molto tempo vado dicendo che senza la nato ue ed euro collasserebbero in breve tempo, perché le due costruzioni elitiste, strumenti principe dell'”imperialismo finanziario privato”, sono intimamente legate.

    Cari saluti

  • Eugenio Orso
    24 Febbraio 2021

    In aggiunta al mio precedente commento, preciso che proprio per i motivi prima espressi la ue non potrà mai (e poi mai) prendere una posizione politica libera e indipendente rispetto alla “questione russa”.
    La ue non è l’Europa, ma il suo doppio maligno e per noi alieno.

    Cari saluti

  • nicholas
    24 Febbraio 2021

    Mi chiedo come mai gli Usa hanno permesso alla Germania di iniziare, quasi finire, il North Streaming 2 ????
    Come mai non si sono opposti sin da subito???

  • giuseppe sartori
    24 Febbraio 2021

    pare che maduro abbia dato 72 ore alla rappresentante della ue in venezuela per andarsene in quanto persona non gradita; tra un po’ lo farà anche la russia?

Inserisci un Commento