L’Ucraina si stava preparando a far esplodere un gasdotto in Crimea” – ammissione di sabotatori


L’Arresto dei sabotatori criticato dal Dipartimento di Stato USA
I membri del Mejlis, una organizzazione del “popolo tataro di Crimea”, bandita in Russia, che erano detenuti dall’FSB, hanno confessato.

Secondo Komsomolskaya Pravda, il sabotatore di 32 anni Asan Akhtymov ha riferito all’FSB della Russia come lui e suo fratello stavano preparando un atto terroristico sul territorio della penisola russa.
“Siamo arrivati ​​a Kherson dall’Ucraina con un normale autobus. Lì, al McDonald’s, un uomo in scarpe da ginnastica rosse e un berretto rosso ci ha incontrato e si è fatto chiamare Sayid. Ha detto che voleva fare una brutta cosa con il tubo del gas. Sergei ha mostrato il dispositivo esplosivo e ha detto che si trattava di un proiettile cumulativo, che aveva abbastanza forza per perforare il tubo. Ci hanno dato del mteriale, che doveva essere squarciato per avere la bomba. All’inizio, l’abbiamo tenuto in un vecchio cestino del pane nel garage, e il 23 agosto siamo andati con lui nel villaggio di Perevalnoye, dove abbiamo fissato un ordigno esplosivo su un tubo del gas, ha detto il detenuto.

Sabotatori arrestati in Crimea


Secondo le istruzioni ricevute, Asan ha estratto il detonatore dal fusibile. Dopo 4 ore, la bomba è esplosa e ha danneggiato il gasdotto. La stessa testimonianza è stata data dal fratello di Asan, Aziz, il quale era anche lui membro dell’organizzazione “Mejlis of the Crimean Tatar People” (Mejlis) bandita in Russia. Nella sua testimonianza, ha notato che Sergei e Said hanno chiesto di buttare via il loro involucro di materiale della bomba (il materiale con la bomba era stato consegnato dall’Ucraina) e di cancellare le comunicazioni nei telefoni.
“Nel corso delle misure di ricerca operativa svolte e delle azioni investigative, è stato stabilito che il sabotaggio è stato organizzato dalla suddivisione territoriale della Direzione principale dell’intelligence (GUR) del Ministero della Difesa dell’Ucraina a Kherson – il cosiddetto servizio operativo” Tavria “con la partecipazione dell’organizzazione” Mejlis del popolo tataro di Crimea, bandito in Russia “( “Mejlis”) “, – ha commentato il rapporto dell’FSB della Russia.
Secondo l’agenzia, il 4 settembre, oltre agli autori diretti del sabotaggio Asan e Aziz, gli ufficiali dell’FSB russo hanno arrestato un residente della Crimea, il mediatore del crimine, il vicepresidente del Mejlis, Nariman Dzhelyalov.
“Alla direzione di uno dei leader del bandito” Mejlis “” a giugno, gli autori dell’atto terroristico sono andati in Ucraina a Kherson, dove gli ufficiali della GUR hanno istruito loro sugli esplosivi.

Per aver commesso un sabotaggio, l’intelligence militare dell’Ucraina ha promesso loro una ricompensa monetaria di circa $ 2.000 “, ha spiegato l’FSB.
È interessante notare che gli ufficiali dell’intelligence ucraina hanno riportato l’ordigno in un involucro di materiale nel territorio della Crimea a luglio per privare gli abitanti della penisola di gas entro il giorno dell’indipendenza dell’Ucraina. Gli ufficiali del controspionaggio russo hanno appreso dalle loro fonti in Ucraina tutti i dettagli della preparazione di questo attacco terroristico. Secondo il dipartimento russo, il sabotaggio è stato pianificato dal capo della direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa dell’Ucraina Kirill Budanov – “un partecipante a un’azione fallita nel 2016, durante la quale ha ucciso un dipendente dell’FSB della Russia. “
“Tuttavia gli organizzatori del sabotaggio sono – Riza Yagyaev-Veliulaev, un agente del GUR, fuggito dalla Crimea dopo un atto terroristico sventato nell’agosto 2016, alla cui complicità ha preso parte, così come i suoi curatori – l’ufficiale dell’intelligence militare ucraina Maxim Martynyuk e il suo diretto superiore, il capo del servizio operativo “Tavria” – Viktor Zelinsky “, – specificato nell’FSB della Russia.


Il Dipartimento di Stato USA ha condannato l’arresto ed ha chiesto alla Russia di liberare i sabotatori quali “oppositori” del governo della Crimea.

Fonte: https://news-front.info/2021/09/07/ukraina-gotovila-podryv-gazoprovoda-v-krymu-priznanie-diversantov

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 19:05h, 07 Settembre Rispondi

    Fucilazione immediata e cadaveri appesi in bella mostra sul confine con l’Ucraina …….
    oppure trasportati in incognita e lasciati nella piazza principale di Kiev …….

    • atlas
      Inserito alle 00:03h, 08 Settembre Rispondi

      è ciò che stavo per scrivere anch’io. Perchè in galera e non al cimitero ? Errori che si pagano cari, la pena di morte per i democratici è civiltà giuridica

  • eusebio
    Inserito alle 19:54h, 07 Settembre Rispondi

    Oramai queste operazioni di guerra ibrida degli anglosionisti sono patetiche, in Birmania il presunto capo del presunto governo in esilio pagato da Soros e dalla CIA ha lanciato l’insurrezione generale contro il regime militare buddista birmano sostenuto da Cina e Russia, ma secondo il Global Times non è successo niente, mentre l’IRGC iraniano si prepara ad invadere il Kurdistan irakeno per ripulirlo dalle cellule terroriste sostenute dagli anglosionisti.
    Mentre gli USA si avviano alla bancarotta, alla guerra civile e probabilmente anche alla dissoluzione dell’Unione, i suoi satelliti vengono spazzati via uno ad uno.

  • Mario
    Inserito alle 07:18h, 08 Settembre Rispondi

    QUESTI EBREI AMERICANI NON HANNO CAPITO CHE IL RESET CONTROLLATO …….
    . HA AVUTO INIZIO

  • Mario
    Inserito alle 07:19h, 08 Settembre Rispondi

    QUESTI LADRONI EBREI AMERICANI NON HANNO CAPITO CHE IL RESET CONTROLLATO …….
    . HA AVUTO INIZIO

Inserisci un Commento