L’Ucraina pro-occidentale: muore l’attivista dissidente Kateryna Handziuk ,vittima di un attacco con acido

E’ morta  l’attivista Kateryna Handziuk, una aspra critica delle autorità  ucraine, rimasta vittima di un attacco con acido da parte di ignoti mentre usciva dalla sua casa. La donna, 33 anni,  era conosciuta per aver indagato e per aver manifestato contro la corruzione nel suo paese.

Le indagini sull’attacco all’attivista non hanno ancora rivelato chi siano stati gli esecutori dell’attacco atroce mentre ci sono molti sospetti sui mandanti.

Fino ad ora non ci sono stati progressi nel trovare coloro che hanno ordinato questo crimine. Nessun dettaglio è ancora disponibile, tuttavia la giovane donna ha riportato bruciature su  circa il 35% del suo corpo dopo l’attacco subito il 31 luglio.  Kateryna è  stata trasportata in aereo in un ospedale di Kiev dove ha subito 11 operazioni. La giovane donna è morta la mattina del 4 novembre, all’età di soli 33 anni.

La sua morte è arrivata pochi giorni dopo che il procuratore generale ucraino Yuri Lutsenko ha ammesso di non aver trovato nessuno dei colpevoli che ha ordinato gli attacchi contro gli attivisti civici in Ucraina. Il procuratore ha riconosciuto  che il numero delle vittime, fra giornalisti ed attivisti dissidenti, era già di oltre 50 casi e che la lista non era esaustiva, ma sosteneva anche che la maggior parte degli attacchi erano dovuti a uno o ad altri gruppi finanziari, spesso collegati con elementi criminali.

È certamente vero che molti attivisti si oppongono allo sviluppo di speculazioni su terreni illegali e casi simili, tuttavia il caso di Kateryna Handziuk era molto diverso. La giovane donna era nota per le sue inchieste e le sue forti  critiche nei confronti di persone che ricoprivano cariche elevate all’interno delle forze di polizia o con legami con la autorità. In alcune occasioni ha esposto quello che era convinta fosse un grave caso di corruzione .

Il 26 settembre, ha dato un messaggio commovente dal suo letto d’ospedale, spiegando che sarebbe stato breve poiché non le era stato permesso di parlare molto.

“Voglio, in primo luogo, ringraziare tutti voi per il fatto che sono ancora viva. Voglio ringraziarvi per le vostre parole gentili – sono molto motivanti. Voglio dire grazie anche per gli insulti – mi motivano davvero ancora di più – per lasciare l’ospedale il prima possibile.

Sì, so di sembrare brutta in questo momento, ma almeno sono in cura. Sto ricevendo un buon trattamento da medici ucraini. E so che, in questo momento, sembro stare molto meglio di qcome  la giustizia e il sistema giudiziario si trovano in Ucraina, perché nessuno li sta trattando in questo momento. “

Ha continuato a notare che ci sono stati altre 40 persone come lei che hanno subito attacchi nell’ultimo anno, mentre  quelli che hanno commissionato gli attacchi non sono stati mai una volta identificati. Chi protegge queste persone, chiede, e “perché un tale numero di indagini viene sabotato?”

“Perché incoraggiamo le persone all’attivismo civico quando non possono difenderle?”

Il 27 settembre, gli attivisti hanno preso parte alle proteste in tutta l’Ucraina con lo striscione “Silence kills”.

Proteste a Kiev per Katerina

Lo stesso vale per l’impunità  garantita agli autori e sin dall’inizio ci sono stati dubbi sull’indagine relativa all’attacco alla Handziuk.

Questa non era semplicemente un’occasione in cui un’indagine criminale su una aggressione brutale poteva essere avviata e poi tranquillamente accantonata. A poche ore da un tentativo iniziale di qualificare l’attacco come un atto di “teppismo”, questo è stato cambiato come nel  “causare gravi lesioni fisiche per intimidire una persona” e poi tentativo di omicidio. Adesso è diventato un omicidio a tutti gli effetti  e, anche se ci sono persone in custodia, questo non ha aiutato a identificare chi ha ordinato un crimine così orribile.

Lutsenko ha visitato Handziuk in ospedale il 3 agosto e poi ha scritto che dopo aver ascoltato le sue idee su chi poteva essere dietro l’attacco, stava passando l’indagine alla SBU [Servizio di sicurezza dell’Ucraina]. Quest’ultimo ha aggiunto il caso al registro unico delle inchieste preliminari, descrivendolo come “sull’organizzazione del tentativo di omicidio, condotto con particolare brutalità, contro Kateryna Handziuk, assistente del sindaco di Kherson, e intrapreso per la messa in servizio dalla polizia o dal personale delle agenzie statali, con il sostegno delle organizzazioni separatiste nel sud dell’Ucraina, al fine di destabilizzare la situazione socio-politica in questa regione meridionale del paese “.

L’indagine sembrava molto promettente, ma tutti gli sviluppi successivi, incluso l’arresto iniziale di una persona con un alibi chiaro ma un “criminale” conveniente, provenivano dalla polizia regionale di Kherson. L’avvocato Yevhenia Zakrevska ha accusato la polizia di procrastinare deliberatamente di fornire materiale vitale alla SBU, ostacolando così seriamente l’indagine di quest’ultima.

Cinque uomini furono poi arrestati, con un uomo – Mykita Hrabchuk – sospettato dell’attacco stesso. Si dice che abbia tracce di bruciature dalla sua esposizione all’acido sul suo corpo. Tutti gli arrestati provengono dal denominato “Esercito volontario ucraino.

Zakrevska è convinto che tutti gli uomini siano stati coinvolti esclusivamente per ottenere un guadagno finanziario, e ha attaccato i corpi delle forze dell’ordine per non aver trovato quelli che si trovano veramente dietro l’attacco, i mandanti.

Ciò significa che si tratta di un crimine contrattuale, con questo che indica che l’ufficio dell’accusatore dovrebbe integrare la qualifica del reato e aggiungere ulteriori punti del relativo articolo al registro. C’è una pessima tradizione (in Ucraina) di indagare sui crimini contrattuali come se si trattasse di reati presumibilmente realizzati in modo indipendente da un individuo. Poi nel momento in cui il caso contro gli esecutori raggiunge la corte, nessuno sta cercando chi ha commesso il crimine, perché il caso è già stato completato “.

Quel crimine è ora un omicidio, quello di una giovane donna profondamente impegnata a lavorare per un’Ucraina migliore, fatta eliminare per questo.

Fonti:  Unian    Nytimes  The Mirror

1 commento

  • Fabio Franceschini
    10 novembre 2018

    Ogni commento è superfluo

Inserisci un Commento

*

code