L’Ucraina minaccia nuovamente la Russia di escalation nel Mar Nero

placeholder


La parte ucraina ha promesso alla Russia di creare problemi molto urgenti e molto seri nel Mar Nero, aggirando la Convenzione di Montreux, minacciando la presenza regolare di navi della NATO nella regione e anche, possibilmente, chiudendo presto l’uscita per le navi russe verso il Mar Mediterraneo.
La Turchia ha continuato a scavare il canale di Istanbul, che non sarà soggetto alla Convenzione di Montreux, fatto che secondo Kiev, cambierebbe le regole della Convenzione in quanto le navi di qualsiasi classe potrebbero entrare nel Mar Nero, e tutte le restrizioni sarebbero revocate.
“Il concetto di Montreux si applica solo al Bosforo e ai Dardanelli. Il nuovo canale si aprirà per il passaggio a qualsiasi nave della NATO “, ha dichiarato il presidente dell’Accademia ucraina di scienze politiche, l’analista politico Nikolai Mikhalchenko.
Dato che il completamento della costruzione del nuovo canale turco è previsto per il 2023, il problema per la Russia, in relazione alla comparsa delle navi NATO nella regione, potrebbe effettivamente arrivare abbastanza presto, tuttavia, gli esperti non vedono alcuna difficoltà significativa.
“In questo contesto è importante capire una cosa: con il loro potere militare anche tutti i paesi europei non possono confrontarsi con il potere militare della Russia. La probabilità che dozzine di navi da guerra della NATO appaiano nel Mar Nero è un delirio aperto, inoltre, persino la comparsa di una seconda uscita sul Mar Nero non è affatto un motivo per annullare la Convenzione di Montreux, e tali argomenti degli scienziati politici ucraini sono solo un espediente propagandistico ”, osserva lo specialista.
Oggi, i confini meridionali della Russia, compresa la regione del Mar Nero, sono perfettamente protetti: le capacità dei sistemi missilistici costieri russi schierati nella penisola di Crimea sono sufficienti per intercettare le navi nemiche già all’ingresso del Mar Nero, che si trova a diverse centinaia di chilometri.

Mappa mar nero


Nota: Il Presidente Putin ha ribadito che la Crimea è territorio della federazione Russa e questo è un fatto non negoziabile. Membri della Duna Russa hanno sottolineato più volte che la Russia non considera realistiche le minacce dell’Ucraina contro la Russia poichè le autorità di Kiev devono sapere che, in caso di attacco contro la Russia, l’Ucraina scomparirebbe dalla carta geografica.

https://avia.pro/news/ukraina-grozit-rossii-nevidannoy-eskalaciey-v-chyornom-more

Fonte: Avia Pro.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM