L’Ucraina minaccia la Siria di sanzioni dopo il riconoscimento di DPR e LPR


di Christelle Neant

Il 29 giugno 2022 la Siria ha annunciato ufficialmente di aver riconosciuto la sovranità della DPR e della LPR (Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk), scatenando l’ira dell’Ucraina, che ora minaccia di sanzioni Damasco.

Meno di due settimane dopo che il presidente siriano Bashar al-Assad aveva impartito le istruzioni per avviare la procedura per il riconoscimento della DPR e della LPR da parte della Siria, il ministero degli Esteri ha annunciato ufficialmente che Damasco ha riconosciuto la sovranità delle due repubbliche del Donbass .

“Incarnando la volontà comune e il desiderio di stabilire relazioni in tutti i campi, la Repubblica araba siriana ha deciso di riconoscere l’indipendenza e la sovranità della Repubblica popolare di Lugansk e della Repubblica popolare di Donetsk”, si legge nel comunicato del ministero.

Una decisione salutata dal capo della LPR, Leonid Passetchnik, sul suo canale Telegram .

“L’intenzione della Repubblica araba siriana di riconoscere la sovranità e l’indipendenza delle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk è, ovviamente, accolta favorevolmente dal popolo di Lugansk. Il riconoscimento della nostra indipendenza da parte di un altro Stato apre nuove prospettive di cooperazione a un nuovo livello globale, accelererà l’instaurazione di relazioni in molti settori della vita, promuoverà lo sviluppo reciproco di nuovi mercati. […] A nome del popolo della Repubblica popolare di Lugansk, vorrei ringraziare sinceramente la Repubblica araba siriana guidata dal suo leader, Bashar al-Assad, per questo gesto politico coraggioso e responsabile”, ha affermato.

Non sorprende che questo riconoscimento della DPR e della LPR da parte della Siria abbia dispiaciuto molto le autorità ucraine. Lo stesso giorno Volodymyr Zelensky dichiarò così che l’Ucraina avrebbe interrotto le sue relazioni diplomatiche con la Siria e avrebbe preso sanzioni contro Damasco.

Assad con ministro difesa russo

Una decisione confermata ufficialmente il giorno successivo dal ministero degli Affari esteri ucraino.

“L’Ucraina annuncia la rottura delle relazioni diplomatiche con la Siria senza interrompere le relazioni consolari, in conformità con l’articolo 2 della Convenzione di Vienna del 1963 sulle relazioni consolari. La parte ucraina sta anche avviando la procedura per l’introduzione di un embargo commerciale contro la Siria, oltre a imporre altre sanzioni alle persone fisiche e giuridiche siriane”, si legge nella nota.

A parte il fatto che l’Ucraina ha già chiuso la sua ambasciata a Damasco nel 2016 e ha ordinato la chiusura dell’ambasciata siriana a Kiev nel 2018, e dato lo stato dell’economia ucraina, minacciare di sanzioni la Repubblica araba siriana è più ridicolo che altro.

Inoltre, come sottolinea il politologo Alexander Doudtchak, esperto dell’Istituto dei Paesi della CSI, il riconoscimento del DPR e del LPR da parte della Siria non è sicuramente l’ultimo .

“Questo stesso fatto mostra che non tutto in questo mondo avviene sotto dettatura degli Stati Uniti. Ci sono abbastanza paesi che vogliono vivere secondo le proprie idee su come costruire il loro futuro e le loro relazioni con altri paesi. Penso che altri paesi intendano seguire la stessa logica”, ha detto il politologo.

Basti dire che kiev non ha finito la crisi…

Christelle Neant

Fonte: Donbass Insider

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 14:48h, 01 Luglio Rispondi

    che cavolo volete minacciare poveri azovetti – non avete perduto pure il cxlo per …

  • Allesgut
    Inserito alle 07:24h, 02 Luglio Rispondi

    Gli azov , stanno tornado liberi di massacrare civili russi , una vergogna ….denzificazione ??? Defecazione più che altro ….

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:21h, 02 Luglio Rispondi

    Francamente Ucraina no ci pare in condizioni poter minacciare neppure di licenziamento cameriera ai piani…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Giorgio
    Inserito alle 11:33h, 02 Luglio Rispondi

    Patetici ….. ridicoli ….
    Ma mi faccia il piacere …. direbbe Totò ….

  • eusebio
    Inserito alle 12:19h, 02 Luglio Rispondi

    Va beh, considerando l’appartenenza etnica di Zelensky e del suo principale collaboratore Arestovich, chiamato da qualche sito russo “shtetl Goebbels” per il suo ruolo di gestore dei media ucraini, nonchè dei loro gestori USA Blinken e Nudelman, non era difficile immaginare che il regime di Kiev odiasse Assad, la Siria e tutto l’Asse della Resistenza, che si sta espandendo come i BRICS visto che Maduro ha affermato che pure il Venezuela fa parte dell’Asse della Resistenza.
    Tra l’altro nell’entità sionista pare che la situazione politica, economica e sociale sia tut’altro che ottimale, a Novembre ci saranno le ennesime elezioni e pare che nell’esercito sionista ci siano stati ultimamente diversi suicidi.
    Evidentemente non tutti i soldati israeliani hanno lo stomaco di eseguire ordini inumani come l’omicidio a sangue freddo della giornalista palestinese Shireen Abu Akleh.

  • antonio
    Inserito alle 19:18h, 02 Luglio Rispondi

    de nazfcare gli “shtetl Goebbels” in Palestina

Inserisci un Commento