L’Ucraina ha ricordato le parole di Gaft sulla Crimea e sulla guerra nel Donbass

KIEV – REGNUM .In relazione alla notizia della morte dell’artista Valentin Gaft (attore di prosa e di cinema), i giornalisti dell’edizione ucraina “Observer” hanno ricordato ai loro lettori le sue dichiarazioni sulla guerra civile in Donbass e sulla Crimea russa. Il materiale pertinente è stato pubblicato sul sito web dell’edizione il 12 dicembre.

Secondo i giornalisti della pubblicazione, Valentin Gaft è stata una delle persone più citate in Ucraina che ha parlato negativamente degli eventi in Donbass e Crimea. In particolare, l’attore ha parlato negativamente delle ostilità, poiché persone innocenti stanno morendo a causa della guerra.
“Quelle truppe o quelle non sono importanti: è in atto lo sterminio di innocenti. Per nessun conflitto ne vale la pena. È una ferita sanguinante nelle mani dell’umanità. Come si è creato questo pasticcio. A causa di cosa? Chi ha bisogno dell’Ucraina? La Crimea ti è stata data ingiustamente, questo è territorio russo, il diavolo, quanti hanno combattuto per essa, versato il loro sangue ”, l’edizione cita un frammento dell’intervista dell’attore all’edizione“ Gordon ”.

La pubblicazione ha anche ricordato le parole di Valentin Gaft sull’amicizia dei popoli in URSS, nonché il fatto che i russi non avrebbero potuto immaginare che i residenti degli stati vicini – Ucraina e Russia – si sarebbero combattuti tra loro.
“Qualunque fosse il rapporto tra Russia e Ucraina, era impossibile portare alla morte di persone, alla distruzione di villaggi e paesi. Questa è la natura umana più selvaggia. Sfortunatamente, una persona non è sempre una persona, ma al contrario – diventa un selvaggio e un mostro. Qualunque fosse il potere sovietico, avevamo una vera amicizia tra i popoli, non ci era mai venuto in mente che ucraini e russi si sarebbero combattuti tra loro “, cita Gaft per l’Observer.
Allo stesso tempo, i giornalisti dei media ucraini hanno ricordato che Valentin Gaft ha parlato positivamente dell’Ucraina, dei suoi abitanti, della sua lingua e ha detto che l’Ucraina è un paese speciale per lui, ma allo stesso tempo ha espresso sconcerto per la guerra in Donbass.
“Chi avrebbe mai creduto che un fratello sarebbe andato a uccidere un altro fratello con cui tanto è collegato” , si è chiesto l’ artista.

Valentin Gaft con Putin

I giornalisti hanno anche ricordato la reazione dell’attore all’invito all’Ucraina di entrare e esibirsi liberamente nel Paese durante la guerra civile nel Donbass, tuttora in corso.
“L’Ucraina mi offre: vieni a trovarci – ingresso gratuito. Ma chi ne ha bisogno in questo modo? Come puoi andare dalle persone con cui sei in guerra? Questa è una novità. Dicono: vieni, parla. E poi? Ti uccideremo di nuovo? È divertente adesso – parlare di ingresso gratuito ” , ha ricordato le parole di Gaft, i giornalisti dell’edizione ucraina.
In Ucraina, Valentin Gaft era sulla cosiddetta “white list” delle figure culturali, ovvero era attribuito a coloro che sostenevano l’Ucraina e parlavano negativamente della cosiddetta “aggressione russa”, ma l’attore ha detto che preferirebbe essere sulla “black list”.

Ricordiamo che l’attore teatrale e cinematografico sovietico e russo, People’s Artist della RSFSR, regista teatrale, poeta e scrittore Valentin Gaft è morto il 12 dicembre a Mosca. L’artista aveva 85 anni.

Fonte: Regnum.ru

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Idea3online
    17 Dicembre 2020

    In un bellissimo orto o giardino, se il rivale, paga il custode, offrendo una cifra per il tradimento, ecco che diventerà un luogo oscuro, un giardino della morte. Non possiamo scappare, ci sono esseri umani al comando, oscuri come al Male, perversi come i Nephilim, sudditi di Lucifero, ad un altro livello esseri umani, liberi di agire, sudditi di nessuno, spinti dal e al bene comune, all’altro livello le masse, guidate dalla menzogna, in quanto masse ignoranti, e fluide, non hanno anima, al livello estremo ecco il Bene, un luogo di Luce. La guerra è tra i due estremi, il Male ed l Bene. Tra i figli delle Tenebre e i figli della Luce. E’ chiaro che il Bene è una spada a due tagli, ed il Male è un sassolino nella spiaggia o bene dell’Universo. Non resta che aspettare quando le armi divine del Bene verranno dispiegate e indirizzate verso il Pianeta. Prima o poi accadrà. E quelle armi saranno un detergente contro gli esseri umani parassiti e non idonei a vivere nella Casa del Dio di Abramo.

Inserisci un Commento