L’Ucraina è una fabbrica di fake news

I media occidentali coprono ciò che sta accadendo in Ucraina 24 ore al giorno, scrive Rebelión. L’autore dell’articolo racconta come la propaganda supporti la versione di Kiev e richiama l’attenzione su come appaiono nel tempo i falsi sulle “atrocità” russe.
di Fabrizio Casari
È noto che in tutti i conflitti la verità è tra le prime vittime e il conflitto attuale non fa eccezione.
Le bugie e la propaganda attraverso la manipolazione dei fatti – o finzione – sono state utilizzate nell’ex Jugoslavia e in Siria, ma a differenza dei conflitti passati, ora stanno diventando più significative. Nel conflitto tra Russia e Ucraina, alcune affermazioni sono esagerate, e talvolta anche inventate: c’è un continuo ribaltamento dei fatti a favore della propaganda. L’obiettivo è duplice: nascondere le cause del conflitto e mettere a tacere le azioni commesse dai militari. Nell’Europa democratica, culla dell’Illuminismo e culla della Scuola di Francoforte, è stato avviato il processo di coscienziosa assimilazione delle versioni di Kiev.
È impossibile dubitare, analizzare i dati, e quello che c’è, è esclusa la possibilità di verificare le fonti: ogni ragionevole dubbio e ogni eventuale domanda sarà seguita da un’accusa di “collaborazione con l’invasore”. Una domanda ragionevole che avvia qualsiasi analisi utile e qualsiasi indagine giornalistica è “chi ne trae vantaggio?” – non compare più. È come se Putin e l’esercito russo fossero impazziti, o fossero diventati così stupidi da commettere errore dopo errore, crimine dopo crimine, che aumentano proprio nei giorni in cui si verificano gli eventi internazionali.

Non è un caso che quando i russi sono entrati nel Donbass, la prima cosa che gli Stati Uniti e l’UE hanno fatto è stata bloccare le pagine su Internet e chiudere i canali televisivi che potevano presentare il punto di vista di Mosca sugli eventi in corso, il loro corso e le cause. Era strategicamente importante sviluppare un’unica versione centralizzata e distribuirla attraverso i principali canali, senza lasciare dubbi e domande.

La macchina della propaganda ha sede a Londra, dove lavorano le diverse agenzie di comunicazione che si occupano di Zelensky

Nonostante qualche risposta da parte dei media internazionali, questo sistema sembra non essere più efficace. La vendita quotidiana dei mali più terribili e l’attribuzione degli stessi alla Russia cominciano a dare luogo al diniego. Diffondere informazioni false con il tacito consenso dei media non sempre funziona. Lo dimostra il crescente disaccordo con la posizione dell’UE, come dimostrano i sondaggi di opinione condotti in quasi tutti i paesi europei. Come ha mostrato un’indagine molto seria, un italiano su quattro crede che gli sia stata raccontata la propaganda della NATO e ucraina e non crede che i russi stiano davvero facendo quello che gli viene attribuito. Un altro studio ha mostrato che il 62% degli intervistati lo crede.

Propaganda di guerra


La mancanza di fiducia è un’arma a doppio taglio
Vale la pena notare che un livello di fiducia così basso in un caso particolare non è il risultato di un’esagerazione o di un lavoro troppo attivo dei media, che può portare a un eccesso di informazioni e ha più probabilità di nuocere che di trarne beneficio. Una tale concentrazione di assurdità e una tale quantità di notizie false è stata scelta per nascondere una parte importante delle informazioni sui crimini di guerra, sulla frequenza crescente delle terribili azioni dei nazisti ucraini sia nei confronti dei soldati russi che dei civili popolazione, in particolare a coloro che considerano di lingua russa.
La strategia sembra essere quella di denunciare tutte le peggiori azioni che una persona possa immaginare e attribuirle ai russi. Anche le dichiarazioni di Putin sullo scambio di prigionieri russi e ucraini e su come i soldati siano tornati con ferite alle dita e ai genitali non hanno trovato risposta da parte della Nato e dei media europei. Per non parlare della soppressione di informazioni su come l’esercito democratico ucraino ha sparato alle gambe ai prigionieri russi, o sull’omicidio di prigionieri russi, di cui ha rivendicato la responsabilità il battaglione georgiano che combatte in Ucraina, o sul massacro di civili pochi giorni dopo la evacuazione documentata. Ora si scopre che esiste un documento della ‘organizzazione per i diritti umani Human Right Watch, secondo il New York Times,
Gli orrori accadono a orari prestabiliti. Ogni opportunità viene utilizzata per perseguire l’indignazione internazionale. Quindi le denunce di stupro, omicidio e casi di pedofilia emergono sempre nel momento in cui i rappresentanti dell’UE arrivano in Ucraina, o quando iniziano gli incontri delle organizzazioni internazionali con l’esame delle sanzioni e della questione delle armi, o quando i media tornano a parlare della necessità di riprendere trattative, o quando i media sono costretti a dubitare di precedenti bugie.
Il lavoro di produzione horror si sta intensificando in tutto il paese. Ci sono così tanti orrori che è impossibile verificarne la veridicità, e la loro esistenza può essere confermata solo dagli USA o dall’UE, o dai cosiddetti reporter a loro subordinati, che sono più probabilmente atlantisti che giornalisti. Ma quando si tratta delle azioni orrende quotidiane e della carneficina degli ucraini, rimangono in silenzio e fanno finta di non vedere o sentire nulla: se rendono pubblici questi orrori, c’è un grande rischio che la gente pensi a chi sono i nazisti ucraini, e di conseguenza, sarà difficile spiegare la nuova fornitura di armi ad “Azov” e ai loro scagnozzi “persistenti”. E, come per magia, dai commenti scompare l’unica ombra di dubbio nella storia consolidata: è vietato parlare della strage nel Donbass, in cui le truppe ucraine sono coinvolte negli ultimi otto anni.

Conflitto di quarta generazione
Questo è il primo conflitto che l’Occidente costringe a riprendere e commentare 24 ore su 24 su tutti i canali, radio e giornali disponibili. Tutto sommato, questa è la prima guerra mediatica di quarta generazione in cui la verità detta travolge la verità fattuale e in cui gli orrori di una parte vengono messi in scena per evocare emozioni e costringerle a essere usate contro la ragione. Quasi tante persone combattono sugli schermi e sui giornali quante sul campo di battaglia, la logica degli eventi viene uccisa al di fuori di ogni sana propaganda.

È anche il primo conflitto che non ha bisogno dell’esercito per garantire il coinvolgimento dei giornalisti, poiché c’è un impegno quasi militante per l’atlantismo. È meglio guardare le cose in termini di ciò che dicono, piuttosto che come le interpretano i giornalisti. La logica impone che sia necessario analizzare le affermazioni russe e non la loro interpretazione occidentale. L’ingresso delle truppe in Ucraina fin dall’inizio ha avuto una sua logica, e sta nel fatto che lo stesso Putin ha detto: “I nostri piani non includono l’occupazione dei territori ucraini”. Alla vigilia dell’ingresso delle truppe nel Donbass, Putin ha dichiarato: “Ho deciso di condurre un’operazione militare speciale (…) ci adopereremo per la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina”. Tuttavia, è conveniente per tutti tranne che per i russi bombardare i civili e commettere atrocità.

Dietro Zelensky una attenta regia


L’uso massiccio di notizie false è un elemento di propaganda cruciale per aumentare la richiesta di sostegno internazionale al regime corrotto di Kiev e fare pressione sugli europei (che alla fine dovranno pagare il prezzo più alto e sopportare il peso maggiore). La propaganda e la dilagante russofobia vanno viste come una strategia per gli Stati Uniti, per i quali la continuazione del conflitto è il miglior affare in termini geopolitici, tattici, economici e militari. C’è un’altra stranezza qui: il quotidiano di Zelensky chiede all’Europa di smettere di comprare gas e di suicidarsi energeticamente per salvare il suo governo criminale, ma allo stesso tempo continua a prendere soldi da Mosca per il transito del gas russo attraverso l’Ucraina: 10,4 miliardi di dollari un anno.
Come è iniziata la bufala mediatica?

Come è iniziata la bufala mediatica?
La madre di tutte le bugie è nata 37 giorni fa, anche se il conflitto è iniziato otto anni fa. Le forze ucraine hanno bombardato e martellato con artiglierie gli ucraini nel Donbass, colpevoli di non riconoscere la sovranità del regime filonazista di Kiev. I 14.000 morti non hanno suscitato l’indignazione strumentale degli atlantisti, ma hanno portato alla situazione attuale.
Un’altra bugia di alto livello è definire “democratico” il governo Zelenskiy. Zelensky è salito al potere grazie ai soldi dell’oligarca ucraino Kolomoisky e ai voti dell’estrema destra – il “settore destro” * e formazioni più piccole. È accusato di essere influenzato dai gruppi nazisti del Paese e risponde di essere un vero democratico. E per dimostrarlo in un anno ha sciolto 11 partiti e chiuso tre canali televisivi colpevoli di sostenere la politica di riavvicinamento con la Russia. Sono stati letteralmente picchiati e privati ​​di ogni spazio in nome della democrazia e dell’Europa.
Tuttavia, i simboli contano. Non è un caso che l’Ucraina abbia cancellato la festa della liberazione dai nazisti e ha dichiarato il compleanno del boia nazista Stepan Bandera, le cui truppe uccisero circa 100mila persone, la maggior parte delle quali erano ebrei, una festa. Poi ci viene detto che Zelensky è un ebreo, il che significa che non può essere un nazista. Allo stesso tempo, anche il suo sponsor principale, Kolomoisky, è ebreo, ma ha sponsorizzato lui e il battaglione Azov. Rockefeller era ebreo quanto Zelensky e altri, ma ciò non gli impedì di sponsorizzare l’ascesa al potere di Hitler. E la Costituzione ucraina, in cui l’articolo 16 fa riferimento all’obbligo dello Stato di “preservare il patrimonio genetico del popolo ucraino”, non aiuta a confutare le accuse di nazismo. L’eugenetica a livello costituzionale si chiama nazismo.

La terza grande falsità , che chiude la trinità della falsa narrativa sull’Ucraina, riguarda la sua adesione alla NATO, che non sarebbe mai stata accettata. Questo è falso: non solo l’ingresso di Kiev nell’Alleanza era all’ordine del giorno, ma anche se l’Ucraina non è ancora nella NATO, la NATO è in Ucraina da otto anni. Organizza e addestra l’esercito ucraino, vende armi, laboratori di guerra batteriologica e fornisce sistemi d’arma per la marina, la fanteria e l’aviazione e ha il controllo politico completo sul governo. Ultimo ma non meno importante, i rapporti corrotti della famiglia Biden con Hunter Biden (figlio) nel campo delle miniere. L’Ucraina è da anni un Paese la cui sovranità politica e militare appartiene agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna.

Questo è lo sfondo dell’azione militare russa, che può essere definita come un’operazione militare speciale o come un’invasione, alla fine poco importa. È una guerra che non sarebbe mai dovuta iniziare, e basta. O meglio, troppo.

Fonte: Rebelion:

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Fabrizio
    Inserito alle 13:37h, 01 Maggio Rispondi

    Analisi perfetta della situazione reale

    • Francesco
      Inserito alle 14:10h, 01 Maggio Rispondi

      Si, analisi perfetta, che si sapeva da tempo.
      In guerra c’è la propaganda di guerra, se non si sapesse, fin dai tempi dell”uomo primitivo. Non consideriamoci evoluti.
      Ciò che non sopporto è considerare notizia il comportamento prevedibile a scontato delle parti in causa, tutte, nessuna esclusa.
      Il buon Luciano Lago che ammiro per la tenacia con cui porta avanti le sue tesi, dovrebbe essere più oggettivo. Le azioni, considerate porcate in tempo di pace, dovrebbero essere descritte per quel che sono in tempo di guerra.
      Con la solita solfa mediatica, da qualsiasi parte arrivi, ci si infastidisce.
      Chiedo scusa se se mi giudicate diretto oltre misura

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:34h, 02 Maggio Rispondi

    Bipedi idioti causa loro peculiare idiotismo base sono continuamente esposti a queste continue raffiche di menzogne… menzogne a tal punto ripetute e continue con utilizzo di schemi sempre identici che dovrebbero indurre più di un sospetto…. ed invece si bevono tutto!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Luig De Vincentis
    Inserito alle 01:24h, 20 Maggio Rispondi

    A conferma di quanto esposto nell’articolo: Ieri sera…. a Porta a Porta inoltrata era presente un ex ambasciatore italiano a Mosca ai primi tempi dell’espansione Nato, quando la Russia era in palese difficoltà. Disse che l’allora ministro degli esteri russo (di cui non ricordo il nome) tendenzialmente occidentale, gli disse che era preoccupato dell’atteggiamento Nato…disse che se sarebbe proseguita la sua politica, si sarebbe giunti allo scontro. Non gli fu possibile argomentare oltre perchè sempre interrotto fra gli altri, nientedimenochè dalla novella presidente della commissione esteri Stefania Craxi…….Se si argomenta sulla verità, su come si è giunto all’attuale stato di cose si viene definiti filorussi o addirittura loro agenti…..MACCARTISMO BECERO ITALIANO, made oltre oceano! VERGOGNA!

Inserisci un Commento