L’Ucraina e la grande rinascita dell’impero americano


Il destino di Kiev è sempre stato un ripensamento. Il vero obiettivo è rinvigorire la NATO e, per estensione, il primato degli Stati Uniti.

Di Andrew J. Bacevich

Tra le scorie che ingombrano la pagina editoriale del New York Times quasi tutti i giorni, occasionalmente compaiono barlumi di illuminazione. Una recente colonna ospite di Gray Anderson e Thomas Meaney offre un esempio calzante.

“La NATO non è quello che dice di essere”, dichiara il titolo. Contrariamente alle affermazioni dei suoi architetti e difensori, Anderson e Meaney sostengono in modo convincente che lo scopo centrale dell’alleanza fin dalla sua fondazione non era quello di scoraggiare l’aggressione dall’Est e certamente non di promuovere la democrazia, ma di “legare l’Europa occidentale a un progetto molto più vasto di un ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti”. In cambio delle garanzie di sicurezza dell’era della Guerra Fredda, gli alleati europei dell’America hanno offerto deferenza e concessioni su questioni come il commercio e la politica monetaria. “In quella missione”, scrivono, la NATO “ha avuto un notevole successo”. Un terreno immobiliare particolarmente apprezzato dai membri dell’élite americana,

La fine della guerra fredda mise in discussione questi accordi. Nel disperato tentativo di preservare la fattibilità della NATO, i sostenitori hanno affermato che l’alleanza doveva andare “fuori area o fuori mercato”. La NATO ha adottato un atteggiamento attivista, portando a sconsiderati interventi di costruzione dello stato in Libia e in Afghanistan. I risultati non furono favorevoli. L’adesione alla pressione degli Stati Uniti per avventurarsi fuori dall’area si è rivelata costosa ed è servita principalmente a minare la credibilità della NATO come impresa militarmente capace.

Entra Vladimir Putin per salvare la situazione.
Proprio come l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha fornito agli Stati Uniti una scusa per dimenticare i propri fallimenti militari successivi all’11 settembre, allo stesso modo ha consentito alla NATO di costituirsi ancora una volta come lo strumento principale per difendere l’Occidente e, soprattutto, di farlo senza esigere un sacrificio di sangue né dagli americani né dagli europei.

In questo contesto, il vero destino dell’Ucraina stessa figura come una sorta di ripensamento. La vera questione è incentrata sul rilanciare le aspirazioni danneggiate del primato globale americano. Con qualcosa di simile all’unanimità, l’establishment della sicurezza nazionale statunitense è devoto alla proposta secondo cui gli Stati Uniti devono rimanere l’unica superpotenza mondiale, anche se ciò richiede di ignorare un vasto accumulo di prove contrarie che suggeriscono l’emergere di un ordine multipolare. Su questo punto, l’incoscienza di Putin è arrivata come un regalo dal tempismo impeccabile.
C’è un elemento di genio all’opera qui. Sconfiggere la Russia senza dover combattere concretamente diventa il mezzo per ripristinare l’immagine dell’indispensabilità americana sperperata nei decenni successivi alla caduta del muro di Berlino. Per Washington, come apprezzano Anderson e Meaney, la vera posta in gioco in Ucraina va ben oltre la questione di quale bandiera sventoli sulla Crimea. Se l’Ucraina “vince” la sua guerra con la Russia – comunque sia definita “vincente” e per quanto grande sia il prezzo che gli ucraini devono pagare – la stessa NATO (e la lobby della NATO a Washington) reclameranno vendetta.
Siate certi che le principali nazioni europee rinnegheranno silenziosamente le promesse di aumentare le loro spese militari, con la responsabilità effettiva per la sicurezza europea che ricadrà ancora una volta sugli Stati Uniti. Con il centenario della seconda guerra mondiale ormai a portata di voce, le truppe statunitensi rimarranno permanentemente di guarnigione in Europa. Ciò servirà da motivo di celebrazione in tutto il complesso militare-industriale degli Stati Uniti, che prospererà.

Flettendo i muscoli, gli Stati Uniti spingeranno inevitabilmente una NATO notevolmente ampliata a rivolgere la sua attenzione al rafforzamento dell'”ordine internazionale basato sulle regole” nell’Asia-Pacifico, con la Cina come avversario prescelto. L’Ucraina servirà quindi come una sorta di modello mentre gli Stati Uniti e i suoi alleati si diffondono a molte migliaia di miglia dall’Europa vera e propria.

L’impronta militare globale degli Stati Uniti si espanderà. Gli sforzi degli Stati Uniti per mettere in ordine la propria casa a livello nazionale naufragheranno. Problemi globali urgenti come la crisi climatica saranno trattati come ripensamenti. Ma l’impero che non ha nome persisterà, che alla fine è lo scopo del gioco.

Il presidente Biden ama dire che il mondo è arrivato a un “punto di svolta”, implicando la necessità di cambiare direzione. Eppure il tema dominante del suo approccio alla politica estera è la stasi. Si aggrappa alla logica geopolitica che ha portato alla fondazione della NATO nel 1949.

Allora, quando l’Europa era debole e Stalin governava l’Unione Sovietica, quella logica poteva avere qualche merito. Ma oggi l’importanza attribuita alla NATO testimonia principalmente il fallimento del pensiero strategico americano e l’incapacità di dare la priorità agli interessi nazionali statunitensi effettivamente esistenti, sia esteri che interni.

Una solida revisione della strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti inizierebbe con l’annuncio di una tempistica per il ritiro dalla NATO, trasformandola in un accordo interamente posseduto e gestito dall’Europa. La quasi impossibilità anche solo di immaginare un’azione del genere da parte degli Stati Uniti testimonia la scarsità di immaginazione che prevale a Washington.

Andrew J. Bacevich è Professore Emerito di Relazioni Internazionali e Storia alla Boston University.

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

i

5 commenti su “L’Ucraina e la grande rinascita dell’impero americano

  1. Credo che l’uscita degli usa dalla nato comporterebbe il crollo non solo della nato stessa ma anche del suo braccio politico, cioè la UE. Nessuna nazione europea accetterebbe una subaltenità di comando militare da parte di un altro stato europeo. Poi il complesso industrial militare degli usa boccierebbe qualunque iniziativa d’uscita e darebbe istruzioni al proprio reparto marketing e propaganda, cioè il governo, di stroncare ogni azione del genere. Questi articoli e idee sono farneticanti illusioni. Gli usa sanno benissimo che solo chi controlla l’europa può aspirare alla supremazia nel mondo.

  2. Mah. No n sono d’accordo con questo articolo.
    Io vedo un’occidente in declino.
    Prima o poi , lo scontro Usa-Cina avverrà; ciò comporterà il crollo definitivo dell’impero a comando Usa.

  3. Gli USA non esistono…Esistono le Elith con le loro lobby, le loro banche e i loro sistemi di disinformazione. Non esiste nemmeno l’Europa, esistono le Elith Americane con le loro lobby, le loro banche e i loro sistemi di disinformazione. Chi pensa di esistere veramente… Verra’ presto disinformato… E potra’ cosi’ convincersi che si stava sbagliando. Non ci rimane che sperare nell’aiuto di Dio… Se esiste.-

  4. rivolte, corruzione, malgoverno, crisi continue in patria e un impero dominante per secoli, con le colonie asservite e per lo più fedeli: penso alla storia di Roma; un equilibrio fantastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus