L’Ucraina è divenuta una base di attacco contro la Russia

L’Ucraina sta conducendo Operazioni speciali di infiltrazione e sabotaggio all’interno del territorio russo attraverso le sue forze speciali collegate ed addestrate dalla NATO.
Queste operazione stanno aumentando adismisura, come dimostra l’ultimo tentativo di un commando ucraino di entrare in Russia, frustrato all’ultimo momento dalle forze di sicurezza russe …
Non bisogna meravigliarsi del fatto che i servizi speciali dell’Ucraina cerchino di condurre operazioni all’interno del territorio russo, gli istruttori USA li hanno addestrati e li aiutano e Kiev ha accesso a tecnologia militare avanzata delle forze speciali della NATO.
Con tutto questo la UE sta disinteressandosi del problema come se la questione non la riguardasse mentre risulta possibile che l’Ucraina stia sospingendo l’Europa ad una nuova guerra con la Russia, cosa che sembrava impensabile. Basta vedere anche quello che sta succedendo nella Transcarpazia, una regione dove risiede una minoranza di etnia ungherese e la minacce e l’insofferenza contro questa gente da parte delle autorità ucraine hanno fatto insorgere il governo di Budapest che ha protestato al Parlamento europeo per le discriminazioni che subiscono le persone di origine ungherese in Ucraina.

Queste informazioni, relative alle attività delle forze ucraine, sono confermate da quanto ha riferito il tenente colonnello dell’FSB in pensione, Aleksey Filatov , nel corso di un’intervista al quotidiano VZGLYAD, commentando le notizie di un tentativo da parte dei servizi speciali ucraini di rapire un’ex miliziano dalla Russia. Il colonnello ha affermato che nei primi anni di indipendenza i servizi speciali ucraini erano estremamente deboli, ma dopo il 2014 sono stati addestrati dai curatori statunitensi. Pertanto, ora Kiev è in grado di organizzare operazioni speciali molto audaci anche nella Russia centrale.
Come riportato in precedenza, solo pochi giorni fa, il 4 dicembre, le guardie di frontiera russe hanno interrotto un tentativo di attraversare illegalmente il confine con l’Ucraina. L’incidente, avvenuto nel sito del dipartimento di frontiera dell’FSB nelle regioni di Belgorod e Voronezh, si è concluso con una sparatoria, durante la quale uno dei trasgressori è stato ucciso e due sono riusciti a fuggire.

Già martedì, Komsomolskaya Pravda, citando le sue fonti nell’FSB della Russia, ha riferito che i servizi segreti dello stato vicino – il Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) e le Forze per le operazioni speciali (MTR) del Ministero della difesa ucraino – erano dietro il tentativo di sfondare. Secondo il quotidiano, al momento dell’individuazione, il gruppo di trasgressori si stava effettivamente spostando verso l’Ucraina dalle profondità del territorio russo, dove le forze speciali ucraine erano riuscite a passare inosservate in precedenza.

Forze di sicurezza Russe


Come si è scoperto in seguito, il vero obiettivo degli aggressori era un cittadino russo che aveva precedentemente combattuto nella milizia del Donbass. I sabotatori lo hanno rapito, hanno introdotto una soluzione chimica speciale in modo che non potesse resistere. Successivamente, il gruppo di sabotaggio è tornato al confine, dove è stato già accolto da un distaccamento delle forze per le operazioni speciali (MTR) dell’Ucraina di tre persone. In quel momento, entrambi i gruppi sono stati intercettati dalle guardie di frontiera russe. Secondo il giornale, il russo catturato è stato finalmente rilasciato.
“I servizi speciali ucraini hanno già svolto operazioni audaci in DPR e LPR (repubbliche del Donbass). Sul loro conto – tentativi di assassinio di successo contro i leader di queste repubbliche, nonché sortite anche in Crimea. I sabotatori si sono probabilmente già infiltrati in altre regioni di confine russe, ma finora non l’hanno pubblicizzato. Siamo sicuri che continueranno a pianificare nuove operazioni simili – per esempio, il tentato omicidio o il rapimento di ex comandanti DPR-LPR che vivono nella Russia centrale “, ha detto il veterano del gruppo Alpha, il tenente colonnello in pensione dell’FSB Alexei Filatov.
Filatov ricorda che nei primi anni dell’indipendenza dell’Ucraina, la SBU ei servizi speciali del ministero della Difesa del paese vicino erano in uno stato disgustoso.

Alexei Filatov


“Quando ho visitato Kiev, ero personalmente convinto che la leadership della repubblica non prestasse alcuna attenzione al lavoro del personale in queste strutture. Ma dopo il 2014, hanno iniziato a pompare enormi budget sia nell’SBU che nel Ministero della Difesa dell’Ucraina, afferma il tenente colonnello dell’FSB. – Ora i loro partner sono fratelli maggiori – gli stessi servizi speciali statunitensi, strutture molto serie. Ora hanno una buona formazione e attrezzature tecniche. Hanno opportunità per operazioni speciali serie “.
A sua volta, la LPR (Repubblica di Lugansk) ritiene che il tentativo di sequestro di un ex-appartenente alla milizia perseguisse allo stesso tempo un obiettivo puramente politico: la SBU sta cercando di aggravare nuovamente le relazioni tra Kiev e Mosca.
“Questa operazione di sabotaggio è come un incendio allarmante in prima linea. Un tentativo di trovare i punti deboli dei servizi speciali russi. Tale lancio di azioni di prova sarà ripetuto, perché i curatori esterni di Kiev sono ancora interessati a mantenere la tensione al confine tra Ucraina e Russia “, ha detto al quotidiano VZGLYAD, il consigliere del capo della LPR, il rappresentante della repubblica ai colloqui di Minsk, Rodion Miroshnik.

Tuttavia la parte ucraina deve capire chiaramente: per qualsiasi azione ostile, riceverà un’adeguata risposta simmetrica dalla Federazione Russa. E non c’è bisogno di aspettare per nuovi motivi speciali. La risposta a un tentativo di commettere sabotaggio all’interno della Russia deve essere la più dura “, ha ribadito Miroshnik.

Fonti: New FrontRiafan.ru

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

14 Commenti
  • giulio
    Inserito alle 15:03h, 11 Dicembre Rispondi

    Di tutto questo e di quello che accadrà i russi devono ringraziare quel mollusco di Lavrov (e qualcun altro come lui) che a suo tempo è stato uno dei più fervidi oppositori a un intervento in ucraina dopo il golpe.
    L’ucraina è un cancro in metastasi e doveva essere estirpato subito.

    • MADRE NATURA
      Inserito alle 10:06h, 12 Dicembre Rispondi

      GIULIO FRATELLO IO TI VOGLIO BENE VERAMENTE SENZA SCHERZARE e voglio bene a tutti i RUSSI e anche al MINISTRO ma nella vita tutti si possono sbagliare e questo è stato un GRANDISSIMO SBAGLIO non sò per colpa di chi ma un GRANDISSIMO SBAGLIO di MADRE RUSSIA …………. si doveva attaccare SUBITO IMMEDIATAMENTE. Un idea mia ma non sò se si può fare …… bisognerebbe far entrare parecchi soldati in segreto in ukraina e parecchie armi elettroniche avanzate in maniera SUPER PROTETTA anche da missili KALIBR e poi far succedere uno o più grandissimi incidenti con annullamento totale di energia elettrica mandare tutti i computer del paese in TILT e far entrare l esercito dalla TRANSNISTRIA e dal MAR NERO e dal MAR AZOV . L ukraina va liberata SUBITO prima che sia troppo tardi …… con l’aiuto del comandante GIVI sarebbe stato più facile…… ma di errori ne ho fatti tanti anche io nella mia vita. UN ABBRACCIO FRATELLO MIO CARISSIMO.

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 16:05h, 11 Dicembre Rispondi

    ed anche oggi l’Ucraina attacca la Russia domani

    • Hannibal7
      Inserito alle 21:20h, 11 Dicembre Rispondi

      Ah ah ah ah Arditi commento N.1
      Ma dove cazzo deve andare l ‘Ucraina???
      Putin è un abile e soprattutto paziente stratega
      Al primo VERO passo falso l ‘Ucraina non esiste più

  • eusebio
    Inserito alle 19:34h, 11 Dicembre Rispondi

    L’Ucraina sta stringendo sempre più i suoi legami con la NATO, nel 2021 condurrà manovre congiunte con la NATO sulla guerra ibrida, che poi è quella che la NATO conduce contro Russia e Cina, inoltre sta per concludere un accordo di libero scambio con la Turchia, dopo averne concluso uno con Israele.
    Per fortuna l’economia ucraina è quasi fallita, l’FMI le ha rifiutato un prestito di 5 miliardi di dollari in quanto ormai paese insolvente con i suoi 80 miliardi di dollari di debito estero, cifra enorme per un paese che ha un PIL di 160 miliardi di dollari, difatti per pagare gli enormi interessi sul debito estorto dagli speculatori sionisti emetterà una prima tranche di eurobonds a 12 anni per 500 milioni, facile immaginare che le aste andranno deserte e il paese fallirà, difatti i credit default swap ucraini a 5 anni vengono dati a 550 punti, cifre quasi venezuelane o argentine.
    Comunque fa restare perplessi il fatto che la Russia, che periodicamente subisce infiltrazioni di terroristi, proprio oggi sei agenti dell’antiterrorismo sono rimasti feriti per colpa di un terrorista infiltrato che si è fatto esplodere nella repubblica di Karačaj-Circassia, permetta al regime ucraino di continuare ad esistere.
    Ad esempio la Bielorussia ormai si avvia ad essere definitivamente integrata nell’economia russa, le principali aziende nel settore della raffinazione del petrolio, della produzione di concime e nell’hitech starebbero per passare in mani russe, del resto ormai il debito pubblico bielorusso è in mano alla banca centrale russa e quindi il paese si avvia ad essere annesso tipo Crimea.

    • giulio
      Inserito alle 20:38h, 11 Dicembre Rispondi

      ma se la bielorussia venisse annessa, per la russia sarebbe come portarsi una serpe in seno perchè quei dissidenti manovrati in bielorussia, diventerebbero dissidenti interni alla russia stessa!
      Per il momento non credo che ai russi convenga un’annessione.

      • eusebio
        Inserito alle 08:25h, 12 Dicembre Rispondi

        Ci sono più dissidenti in Russia che in Bielorussia, i media sionisti hanno pompato le manifestazioni che in realtà non erano migliaia ma poche centinaia di persone.
        I bielorussi sono russofoni e ortodossi, non c’è una presenza cattolica significativa e il clero cattolico è perlopiù polacco.
        In un certo senso i bielorussi sono più russi dei moscoviti, infatti quello che creava problemi era Lukashenko, una volta che è stato condannato pressochè a morte dalla NATO ha perfino spedito parte della famiglia a Mosca, ha messo il debito pubblico bielorusso in mano alla banca centrale russa e le principali aziende bielorusse stanno per passare ad aziende russe.
        Insomma la NATO si deve rassegnare, ha annesso tutto quello che poteva e ha ricompattato il fronte interno russo, comprese le aree esterne alla Russia popolate da russi.
        Volevano riprendere la Crimea, occupare e spolpare la Bielorussia, far conquistare Kaliningrad dalla Polonia, si ritrovano le truppe russe a Brest, e prossimamente a Kiev.

  • Giovanni
    Inserito alle 20:52h, 11 Dicembre Rispondi

    Il prossimo colpa che farà merdogan sarà quello di destabilizzare la Russia tramite l Ucraina e i sionisti israeliani, se nn si sbriga o ad intervenire si trovano anche una guerra dentro casa, la prima cosa che devono fare è allearsi definitivamente con Cina iran ecc ecc e creare un gruppo tipo NATO 2 e introdurre l atlrricolo 5 anche nel loro asset

    • MADRE NATURA
      Inserito alle 10:16h, 12 Dicembre Rispondi

      SPERO DIO CHE QUELLO CHE HAI DETTO SIA VERO. VI VOGLIO BENE. MI SONO INNAMORATO DI MADRE RUSSIA. ADESSO MI DOVETE TROVARE ANCHE UNA BRAVA MOGLIE hahahahaha. GRANDE RUSSIA GRANDE SPUTNIK.

    • MADRE NATURA
      Inserito alle 10:23h, 12 Dicembre Rispondi

      BRAVISSIMO GIOVANNI PAROLE SANTISSIME. MA…… MA … L’IRAN è la CINA adesso purtroppo non si fidano di voi e purtroppo per colpa vostra . Bisogna prima riconquistare la fiducia dell’ IRAN SOPPRATTUTTO che ha visto farsi bombardare tante volte in SIRIA senza un vostro aiuto contro israhelll. PRIMA VOI CONTRO Israele e India e POI POI POI la CINA E IRAN con voi. DIPENDE DA VOI SOLO DA VOI. O con israhell e india o contro DOVETE DECIDERE VOI CON CHI STARE . CON TUTTI E DUE con un piede in due scarpe non è possibile FRATELLI MIEI AMATISSIMI … VI VOGLIO BENE. GRANDE RUSSIA GRANDE SPUTNIK

      • giulio
        Inserito alle 19:41h, 12 Dicembre Rispondi

        caro amico, permettimi di farti notare che giovanni non parlava di alleanza tra noi (italietta) e cina + iran ma parlava di alleanza tra Russia, cina e iran…alleanza che di fatto già esiste ma secondo giovanni dovrebbe formalizzarsi con la creazione di un vero e proprio trattato.
        un saluto

  • antonio
    Inserito alle 21:37h, 11 Dicembre Rispondi

    quando sarà funzionante in NordStream, i sorci venduti dell’ Ucronia, si batteranno il kulo per scaldarsi dato che Zio Putin gli taglierà il gas, e così si raffredderanno le idee velenose

  • Aureliano71
    Inserito alle 02:28h, 12 Dicembre Rispondi

    Anche i tagliagole mercenari che la Turchia piazza in Azerbaijan credo saranno una spina nel fianco della Russia, prevedo scintille in Armenia, Cecenia e tutto il Caucaso.
    Non so se come dice Giulio il problema sia la debolezza di Lavrov o delle capacità di intelligence russa che la NATO mette continuamente alla prova per destabilizzare il paese. È questo clima di guerra all’origine della militarizzazione della società, l’occidente ha deciso che non ha tempo da perdere e i tentativi di Russia e Cina di sottrarsi al governo globale vanno fermati qui ed ora per poi procedere all’annessione e al vassallaggio delle classi dirigenti di quei paesi..
    Non ci si può permettere dissidenza che è germoglio di ribellione e destabilizzazione, si succhiano i soldi dai conti correnti e si investono nella guerra globale, ci si fabbricano nuovi armamenti, si corrompono persone, si pagano mercenari e manifestanti, eccetera…quindi verranno a riprendersi indietro i soldi del piano Marshall con gli interessi, credevamo mica ce li avessero regalati?

  • RM
    Inserito alle 10:39h, 12 Dicembre Rispondi

    Povera Russia, farsi mettere all’angolo da un paese scalcinato come l’Ucraina è proprio da incapaci.

Inserisci un Commento