L’UCRAINA AMMETTE CHE QUATTRO MERCENARI EUROPEI E AUSTRALIANI SONO STATI UCCISI DALL’ESERCITO RUSSO

Il 4 giugno, l’Ucraina ha riconosciuto che quattro mercenari stranieri che stavano combattendo nei ranghi delle sue forze erano stati uccisi dall’esercito russo e dai suoi alleati.

In una dichiarazione, la cosiddetta Legione internazionale di difesa dell’Ucraina, che si è formata dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina, ha affermato che i mercenari provenivano da Germania, Paesi Bassi, Australia e Francia. La legione non ha specificato quando o in quali circostanze i quattro mercenari furono uccisi.

I mercenari uccisi sono stati identificati nella dichiarazione come Björn Benjamin Clavis, Ronald Vogelaar, Michael O’Neill e Wilfried Blériot. La legione ha condiviso foto che li mostrano vestiti in mimetica e con armi leggere.
Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha ordinato la formazione della legione nei primi giorni dell’operazione russa. Nel giro di poche settimane, Kiev ha affermato che più di 20.000 combattenti provenienti da 52 paesi si erano iscritti per unirsi alla legione.

In una recente dichiarazione, il maggiore generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo, ha affermato che l’esercito russo ha ucciso centinaia di mercenari stranieri in Ucraina. Il portavoce ha avvertito che Kiev ha “sacrificato” questi mercenari.

Mercenari uccisi in Ucraina

Konashenkov ha anche rivelato che l’afflusso di mercenari stranieri in Ucraina per combattere le truppe russe è diminuito dall’inizio di maggio e il loro numero si è dimezzato a 3.500.

“Vediamo che l’afflusso di mercenari stranieri in Ucraina per combattere contro le forze armate russe è in realtà diminuito dall’inizio di maggio. Secondo i dati a nostra disposizione, il numero totale di mercenari stranieri in Ucraina in precedenza era addirittura raddoppiato, da 6.600 a 3.500″, ha detto Konashenkov.

Il portavoce ha aggiunto che il numero di mercenari nelle formazioni da combattimento delle forze di Kiev nel Donbass “è diminuito di ordini di grandezza”.

Il numero di mercenari stranieri che sostengono le forze di Kiev continuerà probabilmente a diminuire mentre l’esercito russo e i suoi alleati avanzano ulteriormente nel Donbass. Kiev probabilmente lotterà per reclutare più mercenari d’ora in poi.

Fonte: South Front

Traduzione: luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM