Lotta anticoloniale della Russia contro l’Occidente atlantista

di Luciano Lago

Nel discorso tenuto da Vladimir Putin ai partecipanti nazionali e stranieri del Valdai Club è stato espresso per la prima volta il concetto della lotta anticoloniale della Russia contro la supremazia degli USA e dell’Occidente ed è stata data una spiegazione di cosa significhi lo scontro della Russia con l’Occidente collettivo nel contesto dello sviluppo mondiale. Questo non è di poco conto quando il leader di una nazione, per quanto super potenza, si trova in forte conflitto con così tanti avversari.
Tale affermazione si è dimostrata una mossa intelligente fatta da Putin che ha reso la Russia quale capofila dei paesi che intendono ribellarsi all’ordine occidentale diretto dagli USA e che ha permesso a Mosca di giocare un ruolo incisivo nella contrapposizione con i paesi occidentali. Questa posizione ha infatti attirato verso la Russia un buon numero di paesi che hanno conti in sospeso con le potenze occidentali per le politiche neocolonialiste perseguite fino ad oggi e sono proprio questi paesi che che vedono nel blocco Russia Cina che si è formato e si va consolidando, un difensore dei propri interessi.
Non si può non riconoscere che l’offensiva russa in Ucraina ha assunto la forma di una risposta del mondo russo nazionale e identitario all’espansione a lungo termine dell’imperialismo USA/occidentale. Tanto più questo è avvenuto quando l’intero blocco della NATO, di fatto, ha preso parte diretta nel conflitto a fianco dell’Ucraina.
Questo è uno sviluppo che gli anglosassoni non prevedevano ma che si va sempre di più configurando.
Tuttavia vi sono differenze nella posizione dei vari paesi ma, allo stesso tempo, gli interessi della Russia coincidono con le aspirazioni della maggior parte dell’umanità. Questo è un dato di fatto, anche se nessuno tra i paesi della Maggioranza Mondiale (stati la cui popolazione costituisce l’85% della popolazione mondiale) agirà ora come un fronte unito contro il sistema neocoloniale dell’Occidente. Sono tutti paesi interessati al diritto allo sviluppo, dalla grande Cina alle monarchie del Golfo Persico, dall’India ai piccoli paesi dell’Africa.

Africani inneggiano alla Russia (dopo aver cacciato i francesi)


Tuttavia, nel quadro del sistema creato dagli Stati Uniti e dall’Europa dopo la Guerra Fredda, è stata proprio la possibilità di sviluppo a diventare la questione più difficile e irrisolta per la maggior parte degli Stati del mondo. Le politiche delle centrali USA di imposizione del cappio al collo finanziario per imporre il modello neoliberista del mercato aperto in cambio di riforme ed ingresso libero delle multinazionali occidentali, sono state ormai smascherate e molti paesi si sono agganciati al carro della Cina che, con la sua Belton Road, prospetta una via di sviluppo diversa e priva di ricatti tipici di Washington e delle sue centrali finanziarie controllate dalla sua elite di riferimento.
Di contro Mosca ha dovuto proteggere i suoi interessi economici dal completo annientamento, anche attraverso l’inevitabile scontro con l’imperialismo occidentale, che utilizza il regime nazista ucraino per i suoi scopi di egemonia imperiale.
La distruzione della Russia è un processo programmato dall’Occidente, di cui esistono le prove e gli scritti nero su bianco delle varie fondazioni americane come il Brooking Institute e le analisi degli strateghi statunitensi.
Può essere possibile che il Cremlino abbia in qualche modo cercato di placare “l’orda” dei neocons guerrafondai cercando pragmaticamente una forma di compromesso ma si è rivelato un tentativo inutile. L’espansione della macchina da guerra della NATO è proseguita verso Est fino ad attestarsi alle frontiere russe.

Tutto questo conferma che la Russia in questo momento sta combattendo una lotta esistenziale contro nemici che la vogliono annientare e ridimensionarne il ruolo.
La crisi interna negli Stati Uniti e quella indotta in Europa sta costringendo l’occidente ad agire sempre meno attraverso espansione economica e ad affidarsi sempre di più alla forza bruta e alla coercizione. Vediamo che nei negoziati, anche con i loro alleati, i rappresentanti di Washington ricorrono costantemente alle minacce e molto raramente sono in grado di procedere da una inesistente razionalità economica dei loro partner europei, totalmente subordinati al patron d’oltre Atlantico.
Gli americani si comportano in questo modo perché non conoscono altro sistema per mantenere il loro monopolio che non sia la forza e la strategia del caos. La storia stessa degli Stati Uniti lo testimonia con le loro infinite guerre e gli inganni a cui sono ricorsi per affermare il loro dominio.

Putin con Xi Jinping


Il blocco costituitosi fra Russia e Cina rappresenta una sfida alla posizione di monopolio degli Stati Uniti e dell’Europa, una minaccia alla loro capacità di condurre un’esistenza parassitaria su scala globale profittando della supremazia del dollaro e del potere militare, finanziario e mediatico che gli ha consentito di vivere alle spalle degli altri paesi.
La Cina è riuscita a creare un’economia potente con risorse umane colossali, con sviluppo autonomo della propria tecnologia e questa è la più grande minaccia a un tale monopolio. Ora la maggioranza mondiale dei paesi emergenti sta già seguendo questa strada per affrancarsi dalla dipendenza occidentale.
Gran parte della posizione di monopolio dell’Occidente risiede nella capacità di controllare le finanze e i sistemi e procedure mondiali che assicurano il funzionamento dell’intera economia mondiale. Non è un caso che i primi grandi colpi della guerra economica contro la Russia siano stati il ​​suo distacco dai meccanismi di transazione finanziaria controllati da USA ed Europa.
Tuttavia, questo comportamento ha messo in allarme altri paesi ed ha portato questi alla necessità di proteggersi da tale trattamento in futuro. Le misure sanzionatorie e di esclusione decretate contro la Russia si sono rivelate un boomerang per l’Occidente, nonostante la fumosa propaganda dei falsi media che che tentano di nasconderlo.
In altre parole, il contesto internazionale è ora dalla parte della Russia e della Cina. In particolare la Russia non per caso è stata la prima a scontrarsi con l’Occidente in un conflitto militare-diplomatico sulla questione ucraina oggi. In precedenza lo scontro era stato in Siria e in Georgia dove Mosca si è mossa a difesa dei suoi interessi e di quelli delle popolazioni assediate dal terrorismo (Siria).

Quello che ora ci si domanda non è se l’Occidente perderà: è già storicamente destinato a perdere la sua posizione di monopolio nel mondo. Per la Russia, la cosa più importante è come questa uscirà dal confronto in corso, come lo stato, la società e l’economia russa sopravviveranno e si rafforzeranno.
Indipendentemente da quale sia l’esito dello scontro, una cosa è certa, in ogni caso non sarà possibile tornare indietro al modello economico e politico preesistente. La Storia deve fare il suo corso.

Luciano Lago

7 Commenti
  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 20:58h, 02 Novembre Rispondi

    tra Frància e Germania c sarebbe un po’ d differenza… in passato, da quel che ho capito io: acquisizioni francesi in Italia avrebbero riguardato in particolare società non(!) di economia materiale solida tangibile troppo dimostrabile, del tipo soc. finanziarie assicurative… . invece la Germania avrebbe acquistato in Italia soprattutto società d economia sòlida tangibile materiale che si puo’ toccare in ambito tecnologico. ecco che emergerebbe, esaminando la realtà dei fatti, grôssa diff. tra Germania e Frància, dóve farebbe migliore figûra di serieta’ e competenza la Germania (ma la Frància è +intoccabile della Germania x’ ha diritto veto all’ONU(assieme a Cina+Russia+R.U.+U.S.A.)!?)! x esperienza, in giro, parlando di Frància la gènte un po’ ride, parlando di Germania non ride. e intanto l’economia italiana sarebbe ripartita tantissimo, e presumo che presto sarà piuttosto l’Italia ad acquistare soc. in Frància Germania, e paradossalmente l’Italia potrebbe essere diventata locomotiva economica d’Europa grazie soprattutto alle limitazioni durissime subite in Italia negli anni 2020 2021 2022 che avrebbero causato danni fortissimi ma contemporaneamente avrebbero temprato e svegliato gli italiani? non penso che cambi in meglio con sostituz. da Frància a Russia in Africa. ipotizzo che gli africani avrebbero +bisogno di Germania (e c sn teorie d cospiraz. che dicono che accadra’)

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 21:46h, 02 Novembre Rispondi

    Sotto la direzione strategica degli USA l’Inghilterra ha assunto il poco lusinghiero compito di fare i servizi sporchi. La Russia potrebbe rompere le relazioni diplomatiche con gli inglesi.

  • nicholas
    Inserito alle 22:22h, 02 Novembre Rispondi

    Sinceramente, sarebbe opportuno che gli altri stati inizino a sostenere la Russia. Altrimenti, la situazione si complicherà e si allungheranno i tempi di questa agonia.

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 10:28h, 03 Novembre Rispondi

      Tutti i regimi UE sono regimi Fantoccio Filo-USA !
      Perfino la Francia che una volta (fino agli anni 80 ) era molto indipendente nel respingere gli ordini perentori che riceveva dagli USA sulle scelte internazionali ed economiche oggi si comporta come un fedele cagnetto Francese da appartamento che lecca le scarpe del suo padrone USA !
      In tutta la zona UE gli unici paesi che si oppongono quasi apertamente alle scelte politiche e militari anti-Russia PRO-GUERRA volute dagli USA sono solo Serbia e Ungheria che vengono minacciate di continuo da USA e UE .
      Presumo che sia impossibile una ribellione agli ordini USA almeno per ora .
      Se per ipotesi il gas USA non potesse più arrivare nella UE oppure fosse troppo caro a causa dello scoppio misterioso degli impiantì USA che lo rendo liquido forse le colonie USA della UE si ribellano per fame !

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 17:40h, 03 Novembre Rispondi

    TACABANDA1964 sostiene che i + anti-USA in Europa sarebbero Serbia e Ungheria. guardando su wikip. fr “Guerre du Viet Nâm” Cecoslovacchia GermaniaEst Polonia Ungheria Romania Svezia avrebbero sostenuto lotta contro USA in Vietnam. io praticamente sn quasi siempre d’accordo quasi al 100% con BACKWARD, ma anche… che noi +- bambini che nn siamo BACKWARD si continui a giocare a RisiKo! nel senso che… ho capito il lecito sospetto che (quasi) tutti gli stati siano sottobanco d’accordo tra loro, è che comunque esisterebbero divêrsi gruppi (tra ufficiali e nn ufficiali) d massoneria (e forse d Illuminati) o d chissà?cosa d’altro, e gira voce che chissà?quante volte tra massoni si odierebbero tra loro, è un po’ come le faide tra famiglia mafiose, e tra famiglie… . io temo che questo sistêma ordine mondiale (che nn mi piace tantissimo) nn si sfaldera’ fino a quando ce lo meriteremo (sarebbe anche una questioṅe karma-vibraz.), cioè fino a quando quasi tutti nn smetteremo d essere mòstri che guardano a come sarebbero mòstri i poteri forti (facile dirê agli altri di smettere di essere mòstri e noi continuare a essere mòstri), cioè fino a quando la gènte in massa nn adottera’ dieta molto + cruelty free rispetto ad adesso. e ammètto che di notte me lo sognerei che vigesse una dittatura che non permetta: dieta non cruelty free e allevamenti infernali. o altrimenti, quasi quasi, veramente come il clip “Valentina Rubini – “MINOTAURO” (Prod. Gnossi) Official Video /(:3:40)” -> SE C FOSSE UNA GIUSTIZIA DIVINA – IL MONDO FINIREBBE CERTO DOMANI MATTINA — SE C’È UNA COSA CHE MI FA STARE BENE È QUELLA – PENSARE A UN METEORITE DIRETTO SULLA TERRA / me lo sognerei d notte che in Italia possano prendere il potere i Sikh (religione sikhismo) x mettere fuori legge crudelta’ inutile esagerata contro animali. certi video di allevamenti di animali sn inguardabili troppo! è che, finché la gènte nn guàrda certi video, probab. nn puo’ capirê. c’è gènte che x ignoranza crede che nn c sia alternativa a certa dieta, come x ignoranza magari nn si è creduto che c fosse cure alternative a cosiddetti vaccini. Vi prego! evitare (e fate evitare agli altri) piu’ che potete dieta non cruelty free! e nn solo, così facendo, i Vostri figli erediteranno probab. sistema mónd. migliore, ma soprattutto dovreste riuscire a evitare numerorissime reincarnaz. d animali in terribili allevamenti! Vi scongiuro! cio’ che ho visto io di video di terribili allevam. di animali (e che tramite ricerche potreste trovare anche Vói) è troppo inguardabile troppo terribile!

    • Giorgio
      Inserito alle 08:39h, 04 Novembre Rispondi

      Pratico l’escursionismo e durante le mie camminate rispetto scrupolosamente gli esseri viventi che stanno nel loro ambiente naturale …. sto bene attento a non mettere i piedi sulle lunghe colonne di formiche che incontro sui sentieri … perchè sono cosciente che il pianeta dove viviamo non appartiene solo alla specie umana, e che la specie umana non ha diritto di modificarlo come più gli pare, senza tener conto delle specie vegetali e animali …. usandole anche come cavie nei laboratori delle multinazionali ….
      Questo non toglie che l’animalismo sia una delle tante sottoculture create dai sistemi liberal democratici per sviare le masse popolari dai veri problemi, insieme al genderismo, all’emergenza climatica, alla cultura dello sballo, armi di distrazione di massa come sport, centri estetici ecc. ecc. ….
      P.S. : ho tanti gatti dei quali mi prendo cura amorevolmente ma senza snaturarne l’indole naturale …
      Per intenderci, mangiano quel che mangio io, niente veterinari tranne in casi estremi …. perchè fino a qualche decennio fa non esisteva cibo industriale nè veterinari, e cani e gatti non si sono certo estinti ….

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 14:28h, 04 Novembre Rispondi

    rif.GIORGIO in effetti c’è da stare attenti a come l’animalismo possa essere sfruttato x magari impiantare dittatura ambientalista tecnologica

Inserisci un Commento