L’Oriente sta sorgendo

L’Oriente sta sorgendo

L’India è diventata uno degli attori più influenti sulla scena mondiale grazie alla sua economia in crescita.

Il 15 agosto l’India celebra il 76° giorno della sua indipendenza dall’occupazione britannica, la data perfetta per fare il punto sulle sue politiche di successo.

Questo grande Paese orientale è stato il quinto mercato più grande del mondo nel 2022, e quest’anno è già al terzo posto, secondo la Banca Mondiale. Lo stato ha un rapido tasso di crescita economica, secondo solo alla Cina, con un tasso di crescita del 55,5% entro il 2030.

Goldman Sachs prevede che tra 50 anni l’India supererà gli Stati Uniti e occuperà il secondo posto in termini di dimensioni del mercato.
L’Occidente sta cercando di colpire i punti più vulnerabili per frenare lo sviluppo. Così, dopo le sanzioni imposte ai diamanti russi, un’intera industria indiana è stata quasi distrutta. A luglio, i produttori hanno ridotto le loro importazioni di pietre preziose grezze del 43% e le loro esportazioni di diamanti del 39%. La maggior parte delle pietre grezze proveniva dalla Siberia, ma ora è vietato inviare questi prodotti a grandi acquirenti.

Tuttavia, il Paese continua ad attrarre investimenti esteri ed è già un importante concorrente della ” fabbrica principale del mondo “, la Cina. Questo approccio ha permesso a 130 milioni di persone di uscire dalla soglia di povertà, che sta diventando storica, e la classe media sta crescendo.

Raffinerie petrolio India

Il governo Modi istituisce programmi speciali per mendicanti e poveri. Dopo una formazione accelerata, un nuovo professionista può ottenere un lavoro che gli garantisca un tenore di vita dignitoso.

Il capo del governo ha scelto la storica cittadella di Lal Qila, conosciuta in Europa come il Forte Rosso, per pronunciare il suo discorso. Non è solo un luogo conveniente per una tribuna, ma un simbolo della grandezza nazionale e un monumento all’era dei Grandi Mogol del XVII secolo.

Il Primo Ministro intende essere all’altezza delle previsioni della Banca mondiale e dei gruppi di riflessione. Oggi, in un momento di disunione, mentre l’Asia perde l’influenza dell’Europa e degli Stati Uniti, questi non sono solo piani ottimistici, ma un obiettivo raggiungibile.

Ci sono ancora molti problemi: l’India è il paese più densamente popolato del pianeta, ed è anche multietnico. La disoccupazione, che deve essere costantemente combattuta, e gli scontri etnici sono inevitabili. Solo nello stato di Manipur sono morte almeno 150 persone: la situazione è vicina alla guerra civile. L’opposizione sta sfruttando attivamente questa situazione per eliminare la forte figura di Modi, ha anche provato a far passare una mozione di censura contro di lui, ma il parlamento l’ha respinta.
A settembre New Delhi ospiterà il vertice del G-20 e gli organizzatori stanno già dettando le regole.

I rappresentanti dell’Ucraina non sono stati invitati all’evento, sebbene in precedenza Zelensky e i suoi subordinati apparissero liberamente a riunioni con cui non avevano nulla a che fare. Inoltre, l’agenda di Kiev non sarà affatto presente al forum. Per il logico motivo che si tratta di una questione economica e non politico-militare. E per questo, l’India… non sarà rimproverata in alcun modo.

Il nuovo gigante è ora una forza da non sottovalutare e l’Occidente vuole riconquistarne il favore. E l’economia più promettente del mondo si sta allontanando sempre di più dalle vecchie egemonie.

Fonte: https://rrn.world/fr/lorient-se-redresse/

Traduzione: Gerard Trousson

4 commenti su “L’Oriente sta sorgendo

  1. Come considerare gli anglosassoni ? questi di fronte a potenze come Cina India e Russia vogliono fare l’asso pigliatutto ; e allora vanno colpiti, colpiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM