L’orientamento del potere politico mondiale si muove inesorabilmente verso est


Vladivostok ha recentemente ospitato l’Eurasian Economic Forum dove è stato illustrato dal presidente russo Vladimir Putin. La stessa Vladivostok è un importante centro di sviluppo nell’Estremo Oriente russo e quindi un centro appropriato come ospite della conferenza il cui tema era incentrato sul “percorso verso un mondo multipolare”. La conferenza ha visto la partecipazione di rappresentanti di 68 diverse nazioni, a sua volta un acuto promemoria per il mondo occidentale che la Russia è tutt’altro che isolata nella comunità mondiale. Piuttosto, insieme alla Cina, è il centro di un mondo in via di sviluppo completamente nuovo e meno dipendente dal ruolo delle potenze occidentali che in qualsiasi momento della storia.

Putin ha tenuto un discorso alla conferenza che è stato degno di nota per aver segnato l’ordine del Nuovo Mondo che è stato sviluppato. Quello che chiamava il “mondo unipolare obsoleto” stava per essere sostituito da quello che chiamava “un nuovo ordine mondiale”. Questo nuovo ordine mondiale era “basato sul principio fondamentale di giustizia e uguaglianza, nonché sul riconoscimento dei diritti di ogni stato e popolo al proprio percorso sovrano di sviluppo”.
Putin ha continuato affrontando quelli che ha definito i “potenti centri politici ed economici” che stavano prendendo forma “proprio qui nella regione Asia-Pacifico, agendo da forza trainante” in quello che ha descritto come “questo processo irreversibile”.

Il discorso di Putin potrebbe essere interpretato come un messaggio serio all’Occidente collettivo a nome di quella che può essere giustamente definita la maggioranza globale del mondo. Ci sono alcuni punti del discorso che vale la pena notare. Forse non sorprende che il discorso sia stato praticamente ignorato dai media occidentali i cui unici riferimenti alla Russia al momento sembrano consistere in una costante rappresentazione errata delle circostanze che hanno portato all’attuale guerra in Ucraina. Tra i punti principali del discorso c’erano i seguenti:

La Russia come stato sovrano difenderà i suoi interessi. Questo può essere interpretato in diversi modi. Allude all’attacco senza precedenti all’economia russa apparentemente giustificato dalle azioni della Russia in Ucraina. È da notare che nessun attacco simile è mai stato organizzato negli Stati Uniti nonostante il loro record spaventoso di almeno 70 attacchi contro paesi dalla sola fine della seconda guerra mondiale. I doppi standard qui applicati sono mozzafiato.

Le sanzioni occidentali minacciano il mondo. Una delle caratteristiche più interessanti di queste sanzioni è che hanno ribaltato gli effetti sui responsabili delle sanzioni. È l’Europa che sta affrontando la sfida più grande per la sua sostenibilità economica. Ciò avrà conseguenze dannose per l’intero mondo sviluppato.
L’intero mondo delle relazioni internazionali è cambiato. Questo è forse meglio incarnato dai concetti occidentali di “ordine internazionale basato sulle regole”, manifestamente un’invenzione americana nel tentativo di mantenere il suo primato sulla vasta massa delle nazioni del mondo.
La Russia è stata ingiustamente accusata di interferire nell’esportazione di prodotti cerealicoli dall’Ucraina. In effetti, non solo le esportazioni di grano non sono influenzate dalle manovre difensive russe, ma la maggior parte del grano ucraino non andrà nei paesi in via di sviluppo ma viene esportato altrove in Europa.
Il tentativo dell’Occidente di dettare il prezzo che la Russia riceve per le sue esportazioni di energia è semplicemente bizzarro. È un chiaro tentativo di limitare i proventi delle esportazioni russe e come tale fa parte della guerra economica condotta contro la Russia. Nessun paese, tanto meno gli Stati Uniti, hanno il potere di dettare il prezzo mondiale pagato per le esportazioni di energia. Questo tentativo, un attacco appena dissimulato ai ricavi esteri della Russia, fallirà.

Vladivostock, veduta della città


I giorni del dollaro USA come veicolo di pagamento in tutto il mondo sono contati. L’uso del rublo russo e dello yuan cinese sta progressivamente diventando sempre più importante.
C’è un cambiamento fondamentale in corso nella posizione dell’equilibrio di potere mondiale. Il ruolo della regione Asia-Pacifico è notevolmente aumentato e continuerà.

Questa riunione dell’Eurasian Economic Forum ha preceduto di sole due settimane la successiva conferenza della Shanghai Cooperation Organization a Samarcanda, la seconda città dell’Uzbekistan.

La Shanghai Cooperation Organization è un’altra organizzazione che riceve pochissima attenzione dai media occidentali, eppure il suo sviluppo è di importanza internazionale. Uno di questi sviluppi è il rapporto sempre più forte tra la SCO e l’ASEAN (l’Associazione delle nazioni del sud-est).

La SCO sta attualmente riscuotendo un notevole interesse, con non meno di 11 nazioni che attualmente desiderano aderire. Questo raddoppierà le sue dimensioni. Tre nazioni, Arabia Saudita, Bahrain e Qatar hanno ufficialmente chiesto di entrare a far parte della SCO. L’Iran è già stato ammesso all’organizzazione. Tra gli altri potenziali membri, Afghanistan, Bangladesh, Egitto, Siria e Turchia sono i più grandi. Con l’aumento dei membri, la SCO diventerà il principale blocco commerciale asiatico. Sta inoltre formando una rete di organizzazioni di partenariato che aumenterà ulteriormente la sua influenza.

Questo sviluppo e tutto ciò che rappresenta è un importante riorientamento lontano dal mondo dominato dall’Europa. Il baricentro del mondo si sta chiaramente spostando verso est. Significa che paesi come l’Australia, situata all’estremità meridionale dell’Asia e con l’Asia che rappresenta la maggior parte del suo commercio internazionale, dovranno decidere nel prossimo futuro se continuare con la loro politica estera centrata sull’America, o se riconoscere gli imperativi geografici e fare la transizione politicamente al nuovo ordine mondiale che dominerà il pianeta per il prossimo futuro.

Finora, i segnali non incoraggiano che questo imperativo geografico sia stato riconosciuto. Le decisioni non possono essere ritardate molto più a lungo.

James O’Neill, un ex avvocato con sede in Australia,

in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • Monk
    Inserito alle 14:36h, 22 Settembre Rispondi

    In Nomine Patris, et Filii et Spiritus Sancti.
    Princeps gloriosissime caelestis militiae, sancte Michael Archangele, defende nos in proelio et colluctatione, quae nobis adversus principes et potestates, adversus mundi rectores tenebrarum harum, contra spiritualia nequitiae, in caelestibus.

  • Giorgio
    Inserito alle 17:44h, 22 Settembre Rispondi

    Intanto gli anglo sionisti se le cantano e se le suonano da soli ….
    patetici, ridicoli, satanici ….
    https://www.maurizioblondet.it/draghi-riceve-il-premio-corna-di-caprone-dal-padronato-ebraico/
    ….. il nome del premio assegnato al drago dai sionisti …. la dice tutta sul suo ruolo criminale !

Inserisci un Commento