L’“ordine basato sulle regole” è già finito

di Mikhail Gamandiy-Egorov

Sempre più voci in Occidente, compresi gli Stati Uniti, riconoscono in modo abbastanza esplicito che la vecchia era unipolare è effettivamente finita. Secondo loro, la Russia ha innegabilmente svolto un ruolo importante nell’avvento del mondo multipolare e avrà anche dimostrato che l’ostracismo occidentale non è necessariamente fatale. Realtà affrontate da molti anni, ma solo ora accettate all’interno del mondo occidentale.

Il mensile americano The American Conservative ha recentemente pubblicato un articolo analitico di Dominick Sansone, in cui afferma chiaramente che il “rules-based order” – in altre parole il mondo che funziona secondo le regole e i dettami della minoranza occidentale – semplicemente l’ordine unipolare – è già finito.

Secondo l’autore dell’articolo, la clamorosa vittoria di Vladimir Putin alle elezioni presidenziali russe costituisce il mandato conferito al Cremlino di porre fine alla guerra in Ucraina. Dominick Sansone ricorda inoltre che negli ultimi tempi sono aumentati gli attacchi contro la popolazione civile russa, attentati destinati a coincidere con le elezioni in Russia e con l’obiettivo di demoralizzare i cittadini russi, oltre a creare dubbi. Ma in realtà conferma due cose: il progressivo deterioramento della posizione strategica di Kiev e il modo in cui il mondo occidentale sta reagendo alle prospettive sempre più cupe dello sforzo bellico ucraino.

Per sottolineare la sua opinione, l’articolo di Sansone sottolinea anche che la campagna di pressione occidentale volta a punire la Russia non ha portato all’ostracismo di Mosca, ma è servita piuttosto ad accelerare il riorientamento geopolitico del mondo non transatlantico. Lo Stato russo ha allo stesso tempo illustrato le condizioni necessarie da creare per rompere con successo questo ordine precedente.

In effetti, l’economia russa è riuscita in gran parte a resistere al massiccio regime di sanzioni unilaterali contro di essa. Tra le ragioni di questa efficienza russa, Sansone cita l’enorme capacità della Russia nella produzione militare – in un momento in cui l’intelligence della NATO stima che Mosca attualmente produca circa 250.000 proiettili di artiglieria al mese, ovvero tre volte di più rispetto ai livelli di produzione statunitensi ed europei messi insieme. Oltre a diversificare ampiamente le sue partnership economico-commerciali esterne, in particolare con i pesi massimi internazionali come Cina e India.

Putin con i leader di Cina e India

Pertanto, l’economia russa ha superato tutte le aspettative, con una crescita del 3,6% nel 2023, un tasso superiore a quello di tutti i rappresentanti del G7. Per quest’anno il FMI prevede una crescita del 2,6%, il doppio rispetto alle previsioni precedenti. Anche la valuta russa – il rublo – si è dimostrata molto più resistente del previsto, anche se l’Occidente aveva semplicemente cercato di distruggerla. Anche le transazioni della Russia in valute non occidentali, soprattutto in yuan cinese, sono aumentate notevolmente.

L’ articolo dell’American Conservative menziona ovviamente anche la capacità russa di aggirare in modo molto efficace le sanzioni occidentali, in particolare nel commercio energetico. E che la politica che circonda il commercio del petrolio dimostra ancora una volta l’impossibilità di isolare un Paese come la Russia.

Infine, Dominick Sansone ritiene che gli equilibri di potere siano stati sconvolti sotto molti aspetti. Perché negli ultimi decenni gli Stati Uniti hanno cercato continuamente di mettere Mosca nella posizione di accettare il fatto compiuto dell’espansione della NATO a scapito degli interessi di sicurezza russi, oppure di aggravare la situazione con la forza e poi subire le conseguenze di un aumento economico. e ostracismo politico. Eppure questo elemento che Washington e l’Occidente pensavano potesse fungere da deterrente è stato rimosso. E in effetti è stata piuttosto la Russia a isolarsi dall’ostracismo occidentale, cambiando così l’intero equilibrio di potere non solo in Europa, ma nel mondo.

E oggi – è proprio la Russia a porre l’Occidente di fronte a un dilemma: o il Cremlino raggiunge i suoi obiettivi strategici, garantiti da una soluzione negoziata unilaterale o dal continuo logoramento delle forze NATO-Kievan, o se necessario attraverso un’escalation di forza . E in conclusione, Sansone indica che qualsiasi cosa al di fuori di una vittoria ucraina (e quindi occidentale) equivale quindi ad un’implicita ammissione che l’ordine politico ed economico “basato su regole” è stato irreversibilmente alterato.

Ora e in termini di prospettive. Se era davvero interessante rileggere presunte analisi provenienti dallo spazio occidentale – i cui regimi politici e le “élites” mediatiche si ostinano a non vedere queste realtà su scala globale, oggi non lo è più. Resta il fatto, tuttavia, che tutto questo concorda solo su diversi punti con numerose analisi precedenti, comprese quelle pubblicate dall’Observateur Continental, ormai da diversi anni.
Ciò dimostra che ci sono voluti tempo e numerosi sconvolgimenti su scala globale perché gli analisti più seri del mondo occidentale capissero a loro volta che questo cambiamento è irreversibile. Anche se è ancora importante sottolinearlo, questo era già da tempo irreversibile.

Inoltre, il che è ancora una volta paradossale quando è necessario affrontare le capacità analitiche della minoranza planetaria occidentale: ancora una volta i rappresentanti anglo-americani sono ancora in vantaggio rispetto ai loro “colleghi” nello spazio europeo. E soprattutto se paragonato al livello dei media francesi. Perché in un momento in cui anche nello spazio europeo le voci cominciano ad ammettere realtà diventate evidenti, l’insieme esagonale continua a vivere in una bolla che non tarderà ad esplodere, soprattutto alla luce degli innumerevoli fallimenti già subiti in vari paesi e luoghi del mondo, compresa l’Africa, e per i quali il regime francese rifiuta di riconoscere le proprie responsabilità.

Mikhail Gamandiy-Egorov

Fonte: Observateur continental

Traduzione: Gerard Trousson

6 commenti su “L’“ordine basato sulle regole” è già finito

  1. La Tendenza contemporanea della Storia è confermata: Tutto quanto fanno e pensano i padroni dell’ovest va in malora ! Sono antistorici, sono cretini, sono falliti. Gli ultimi giorni dell’indecoroso occidente: Buona morte, ignobili idioti !

    1. Ti do un consiglio “gattomatto” per di più quotidiano, o presunto tale: prova a creare qualche contenuto, fa qualche ragionamento un po’ più complesso, sforzati un tantino con le analisi politiche, se ti vanno a genio, e non sparare solamente cazzate!

      Cari saluti

  2. Commento solo il titolo. L’ ordine mondiale occidentale monodirezionale bassato su false regole, infranto spesso dagl’ anni 70 con assassini di stato, guerre asimmetriche ed ibride, attentati terroristici; PERI’ DEFINITIVAMENTE 25 ANNI FA’ con l’ attacco alla Serbia. Un paese sovrano distrutto dai naziNato senza egida Onu. Attaccato da basi italiane, non solo ma pisciando sulla costituzione mandammo anche truppe definite ipocritamente di peacekeeping. 1999 governo europeista di d’ Alema/Prodi. Inoltre in quegl’ anni morirono nel silenzio pubblico circa 1000 miei commilitoni per tumori alla tiroide e leucemie, in missione nei balcani. Grazie all’ uranio impoverito delle clusterbombs americane!

  3. L’ordine unipolare è a pezzi come presto saranno Europa e l’Italia, se non troveranno il modo di allontanarsi dagli americani, che stanno rapinando le nostre risorse per compensare la mancata rapina delle risorse russe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM