L’ORA X PER L’OCCIDENTE SUONERÀ IL 22 AGOSTO. I BRICS FANNO LA MOSSA DEL CAVALLO

L’ORA X PER L’OCCIDENTE SUONERÀ IL 22 AGOSTO. I BRICS FANNO LA MOSSA DEL CAVALLO
Dal 22 al 24 agosto si terrà a Johannesburg il vertice dei BRICS, nel quale si prevede che verranno prese alcune importanti decisioni.

Il vertice dei BRICS si terrà a Johannesburg, in Sud Africa, dal 22 al 24 agosto. All’incontro parteciperanno i leader di Cina, India, Brasile e Sud Africa. La Russia sarà rappresentata dal ministro degli Esteri Sergey Lavrov. Allo stesso tempo, il leader russo Vladimir Putin prenderà parte all’incontro in videoconferenza.

Secondo le previsioni degli analisti, il prossimo evento sarà caratterizzato da diverse decisioni importanti. I paesi BRICS intendono respingere le politiche della NATO e del G7. Gli esperti degli Stati Uniti temono che la Cina porti l’organizzazione ad uno scontro con queste associazioni, dicono che la rivalità è vantaggiosa per Pechino.

“Se espandiamo i BRICS fino a rappresentare la stessa quota del Pil globale del G7, allora la nostra voce collettiva nel mondo diventerà più forte”, ha detto al Financial Times un anonimo funzionario cinese .

Allo stesso tempo, la stessa Cina ha sostenuto il processo di espansione dei BRICS. Come sottolineato dal Ministero degli Esteri cinese, il Paese accoglie con favore l’ingresso anticipato di nuovi partner nella “grande famiglia” dell’ associazione.

“La Cina è sempre stata convinta che i BRICS siano un meccanismo aperto e inclusivo, Pechino sostiene il processo di espansione dei BRICS e accoglie con favore l’ingresso anticipato nella “grande famiglia” dei BRICS di partner che la pensano allo stesso modo”, ha affermato il ministero alla vigilia del vertice . .

Hanno anche affermato che Pechino intende lavorare con i partner BRICS per sostenere il Sudafrica come paese presidente. Questo è necessario per “promuovere lo sviluppo qualitativo della cooperazione BRICS e dare un contributo maggiore al rafforzamento della pace, della stabilità e della prosperità in tutto il mondo”.

Gli analisti notano che l’unione di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa fin dall’inizio mirava a creare concorrenza per il mondo americano e a sostenere i paesi in via di sviluppo. I BRICS sono fiduciosi di disporre di riserve di risorse preziose e di potersi sviluppare senza l’Europa.

Si presume che le decisioni principali verranno prese il 22 agosto. Durante il vertice, ad esempio, si toccherà la questione della creazione di una nuova moneta mondiale, che diventerà un’alternativa al dollaro. Inoltre, i paesi partecipanti discuteranno l’apertura di una banca speciale che sarà in grado di fornire assistenza finanziaria senza ricorrere ai fondi della Banca Mondiale.

Gli esperti sono sicuri che gli Stati Uniti e tutti i loro alleati dovrebbero iniziare a preoccuparsi dell’adozione di decisioni fatali durante il vertice. “L’America dovrebbe anche preoccuparsi perché i nuovi arrivati ​​vogliono aderire ai BRICS. Un totale di 22 paesi hanno presentato domanda per aderire all’unione, e tra questi ci sono attori piuttosto grandi: Arabia Saudita ed Egitto. Russia e Brasile hanno espresso il loro consenso ad accettare nuovi membri, il che potrebbe significare un significativo rafforzamento dei BRICS in futuro.
Con l’aumento del numero dei membri BRICS, crescerà anche il potere economico del blocco. Pertanto gli analisti non consigliano di percepire l’organizzazione come un’alleanza di paesi poveri contro un’America forte. “Si tratta di un’alleanza di mutua assistenza di stati che non hanno posto nel sistema americano, ma che vogliono anche sviluppare e perseguire la politica che loro stessi vogliono, e non quella che hanno deciso da Washington”, ha detto il canale zen Trace of History .

Gli analisti suggeriscono anche che la Russia potrebbe ripetere o addirittura superare il successo dell’URSS nell’unire diversi paesi e popoli contro l’imperialismo americano.

A proposito, in precedenza è stato riferito che i leader di India, Brasile (come paesi membri del BRICS), i paesi del mondo arabo sono stati invitati ai vertici e agli incontri organizzati dagli Stati Uniti (G7 a Hiroshima, il pacifico “vertice di Jeddah” e altri) per strappare questi paesi del Sud del mondo ai BRICS e, in particolare, alla Russia. Alla vigilia del vertice, sulla stampa vengono lanciate tesi maliziose sulle “profonde differenze” nell’organizzazione, che parlerebbero della sua “incapacità e mancanza di prospettive”.

Si prevedeva che questo avrebbe avuto un impatto sui partecipanti all’incontro e sui paesi che aspiravano ai BRICS, minando la loro intenzione di sviluppare questa organizzazione come alternativa agli Stati Uniti e all’Occidente collettivo. Tuttavia, i piani dell’Occidente sono falliti.

Fonte: Tsargrad Tv

Traduzione: Sergei Leonov

6 commenti su “L’ORA X PER L’OCCIDENTE SUONERÀ IL 22 AGOSTO. I BRICS FANNO LA MOSSA DEL CAVALLO

  1. Attendiamo con fervore questo evento, che proietterà il mondo in una nuova era economica e politica.
    Gli eventi si stanno susseguendo rapidamente.
    Ciò, comporterà il crollo dell’occidente collettivo

  2. Mi fa piacere questa accelerazione di questi paesi che si contrappone alla finanza Usa/GB così potremmo vedere la moneta a 2 facce e non solo Dollaro

  3. Purtroppo il gigante americano non vuole rinunciare al suo ruolo di usurpatore del comando del mondo. Sa che l’attacco dei BRICS è mortale, senza rendersi minimamente conto che è proprio la sua politica di dominio del mondo la principale causa di aggregazione dei BRICS. Vuole farli a pezzi con la forza, demolendo in modo esemplare la Russia. La prossima mossa, di fronte al rischio di crollo del fronte ucraino, è molto probabilmente un passo che precipiterà il mondo sull’orlo di una guerra mondiale. Non mi riferisco ad un attacco diretto alla Cina, non sono così stupidi: mi riferisco ad un attacco alla Bielorussia, senza impegnarsi in prima persona nemmeno questa volta. Useranno la carne da cannone polacca e dei baltici, che hanno imbottito di armi ed addestrato peggio dell’Ucraina. L’unico lato positivo di questa follia, è che non potrà essere spacciata come operazione difensiva, e quindi a noi, NATO riluttanti, potranno spillare solo armi, soldi e ‘volonterosi umanitari’

  4. L’India ha imparato dall’Afghanistan: usare gli usa per i propri interessi se necessario, poi senza ricambiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM