L’ora della verità si avvicina

di Luciano Lago
Le menzogne e la propaganda atlantista crollano ad una ad una
Che in Ucraina fossero presenti contingenti della Nato era il “segreto di Pulcinella” e i governi dei paesi dell’Alleanza non potevano più nasconderlo.

Così sono arrivate le dichiarazioni del del Ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski (nella foto) sulla presenza di militari dei paesi della NATO in Ucraina.
Domenica Sikorsky aveva affermato che diversi paesi della NATO avevano già inviato i loro militari in Ucraina. Ha anche aggiunto che “a differenza di alcuni politici”, non sarà lui a rivelare quali stati hanno fatto questo.

Fino a poco tempo fa si trattava di una “teoria dei complottisti”, adesso è una notizia ufficiale.Lo stesso era accaduto quando determinati analisti sostengono che l’Ucraina, già negli anni 2014/15 era parte di un piano USA per creare in questo paese una piattaforma di attacco contro la Russia. Un fatto sempre confutato dalle autorità ufficiali ( per quanto era scritto nero su bianco nei programmi della Rand Corporation) , mentre sono arrivate nei giorni scorsi le rivelazioni del New York Times che hanno svelato come in Ucraina fossero state realizzate 14 basi segrete sotterranee della CIA in funzione antirussa.
Eppure anche questa era una notizia sempre smentita dai governi di Washington di Londra e di Bruxelles.

Nella narrazione semplificata e propagandistica di Washington sembrava che Putin si fosse svegliato una mattina ed avesse deciso di invadere l’Ucraina, senza un motivo e senza una giustificazione. Gli otto anni di guerra civile precedenti, con i bombardamenti e le aggressioni fatte contro le popolazioni russofone del Donbass, erano avvenimenti sempre oscurati e minimizzati dalla propaganda americana e della UE. La repressione in Ucraina contro i dissidenti e l’assassinio di giornalisti ed oppositori, sempre accuratamente nascosto per non compromettere l’immagine dell’Ucraina quale “paese democratico” e pacifico invaso dalla Russia. Negato persino il carattere nazista della giunta di Kiev infiltrata dai nazisti di Pravi Sektor e l’esercito dai battaglioni nazisti Azov e Adler. La parola d’ordine era negare l’evidenza e insistere sul “paese aggredito” dal tiranno Putin.

Forze polacche Nato

L’espansione della Nato verso Est con le basi sotto le frontiere russe era un fatto trascurabile controbilanciato da una presunta attitudine aggressiva della Russia secondo la versione di Washington e di Bruxelles.
Tuttavia le bugie della propaganda occidentale hanno le gambe corte e adesso la realtà è divenuta evidente per tutti, salvo per chi si rifiuta di vederla, ovvero i propagandisti della Nato e i media a libro paga delle entità anglo USA.

Nel frattempo il finale della partita si avvicina sempre di più, con la sconfitta sul campo delle forze ucraine, la controffensiva fallita e il carico di centinaia di migliaia di vittime sacrificate per gli sporchi interessi degli anglosassoni. La sconfitta della Russia non c’è stata e non si vede all’orizzonte mentre sembra avvicinarsi sempre di più l’ora della verità. Non sarà piacevole per coloro che hanno sempre mentito e camuffato la realtà

8 commenti su “L’ora della verità si avvicina

  1. Purtroppo saremo noi del ceto medio-bassi a pagarne il prezzo più pesante, se questo terremoto geopolitico ci sarà. L’ Europa diverrà solo una gabbia di matti dalle più disparate patologie. Come un patetico sanatorio d ‘ anime diverse, il malmesso carrozzone UE traballerà e ruzzolera’ tra recessione, tasse asfissianti, immigrazione, povertà e deindustrializzazione. Senza più sbocchi ad est, se non un paio di staterelli al confine con la Turchia, la UE crollerà sotto il peso insostenibile d’ un economia di guerra a gravare su tutto quanto sopra. Uno stato savio di mente s’ allontanerebbe subito da una tale voragine di disgrazie. Muovendosi subito per uscire da Nato ed UE.

  2. E’ la posa in opera della dottrina Brezinski e quel piano messo nero su bianco nella ” Grande Scacchiera ” , credo si chiamasse cosi’ il suo libro .
    Gli ucraini sono stati corrotti fino al midollo ancor prima del 2014 e non si sono fatti alcun scrupolo di decimare il loro stesso popolo .
    Quello che fa paura e’ che anche tutti gli altri europei dovrebbero andare a morire per dei corrotti foraggiati dagli anglofili .
    Se vogliono crepare . lo facciano i baltici ( quelli che a noi ci chiamano pigs ) da tempo ansiosi di vendicarsi dei sovietici , oggi russi . La loro entrata in Europa e’ stato un un susseguirsi di peggioramento costante .
    Lo faccia Macron e la sua mania di grandezza , ma l’ Italia deve starne fuori perdio . Pretendiamolo per i nostri figli , per i nostri ragazzi .

  3. Tutto vero ! La situazione sta precipitando per i banditi-padroni-ladroni-banchieri de merde dell’occidente. Non c’è santo che tenga.
    La serie di sconfitte eterne, sconquassa il Sistema e lo fa vacillare, sta per sopraggiungere il collasso. Mi viene da ridere.
    Queste “élite” infami senza onore e pudore, senza morale, che hanno fatto tante guerre fratricide sanguinose in Europa, devono essere linciate.
    Hanno scocciato e la Sfortuna le brucia. Auguri di una brutta Morte.

  4. l’occidente/USA primeggia solo in propaganda, constato con piacere che quello che dichiarano a ogni pie sospinto, si rivela ogni giorno che passa sempre distante dalla realtà. Dispiace per la carneficina in atto in Ucraina ma l’hanno voluta (contando su una presunta debolezza russa).

  5. Persino il papa ha detto al comico di sedersi sul tavolo delle trattative.
    Questo dimostra, che ormai è finita la guerra dell’Occidente collettivo contro la Russia.
    Ovviamente, con la vittoria della Russia.
    Chissà sei i leader europei si scaricheranno la responsabilità della sconfitta a vicenda?
    Chissà se il padrone d’oltre oceano incolperà i suoi vassalli??
    A presto sapremo queste risposte.
    Sarà un bel film da vedere!!

  6. Ormai l’unica domanda che ci poniamo è come avverrà il tracollo (degli ucro-nato e dei loro mandanti) e come ci sarà rappresentato ! Per il resto non c’è altro da aggiungere all’ottimo articolo di Luciano Lago e agli altrettanto ottimi commenti di LOLLO, KAOS, ARMIN, ESPA e NICHOLAS !

  7. Gli USA non vogliono in alcun modo rinunciare alla Crimea, penisola super-strategica. Una delle assolute priorità degli USA e’ infatti assumere il controllo quasi totale del Mar Nero, storicamente considerato mare della Russia, cosi’ come sono riusciti, grazie al recentissimo ingresso (forzato) di Finlandia e Svezia nella Nato, nell’intento di prendere il controllo quasi totale del Mar Baltico, altro mare strategico per la Russia. Dal momento che gli USA sono consapevoli che la Russia non rinuncerà mai alla Crimea, l’unica opzione rimasta e’ la bomba atomica. Per poter inviare una risposta nucleare contro la Russia, gli USA devono attendere che la Russia invii un attacco nucleare tattico all’Europa. Per questo motivo stanno spingendo i loro servi europei a provocare il più possibile la Russia, sia con dichiarazioni altamente bellicose (Macron, von den Leyen), sia con ammissioni ufficiali della presenza di militari NATO in Ucraina (Ministro degli Esteri polacco), sia facendosi intercettare nei colloqui segreti per i piani di attacco in territorio russo (ministero della difesa tedesco), sia con l’esercitazione NATO altamente provocativa Steadfast Defender su territorio EU.

  8. Le ” Wunderwaffen” le hanno i russi, non i naziukro della nato … Dagli ipersonici alle cosiddette bombe plananti (sull’obbiettivo) ed è con queste che si vince un conflitto sul terreno, colpendo obbiettivi militari tattici e strategici, non certo con la propaganda mediatica o gli attacchi terroristici contro i civili di Doneck (che fu Stalino) o di Berdjans’k.

    Sembra che la propaganda italiota-occidentaloide – che riceve gli input dall’esterno, ma non ha competenze in materia – sia particolarmente terrorizzata dalle bombe plananti russe da 1.500 chili, leggete quanto segue a riprova:

    https://www.rainews.it/articoli/2024/03/cnn-nuova-bomba-russa-inferno-per-i-soldati-di-kiev-tutto-sulla-fab-1500-ucraina–68910a6e-243b-4e6d-a32e-02a07e67cdc3.html

    Cnn, nuova bomba russa “Inferno per i soldati di Kiev”: tutto sulla Fab-1500
    Un ordigno che secondo l’emittente statunitense sta decimando le difese ucraine, in grado di fare un cratere largo 15 metri, con esplosivo ad alto potenziale

    [Oltretutto, parrebbe, economica, molto più di un ipersonico e con quantità di esplosivo sufficiente per demolire un forte]

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM