L’ora della verità per Putin è vicina, non ha altra scelta che bloccare qualsiasi attacco di USA / Israele all’Iran


di Paul Craig Roberts (*)

Vladimir Putin è il leader più impressionante sul palcoscenico mondiale. Lui è sopravvissuto ed è sorto da una Russia corrotta da Washington e Israele, durante gli anni di Eltsin ed è riuscito a ristabilire il ruolo della Russia come potenza mondiale.

Putin ha affrontato con successo l’aggressione americana / israeliana contro l’Ossezia del Sud e contro l’Ucraina, incorporando su richiesta della Crimea la provincia russa di nuovo nella Madre Patria Russia. Ha tollerato infiniti insulti e provocazioni da Washington e dal suo impero senza rispondere in natura. È un leader conciliante e pacificatore da una posizione di forza.

Putin sa bene che l’impero americano, basato sull’arroganza e sulle bugie, sta fallendo economicamente, socialmente, politicamente e militarmente. Capisce che la guerra non serve alcun interesse russo.

L’omicidio di Washington di Qasem Soleimani, un grande leader iraniano, anzi, uno dei rari leader nella storia del mondo, ha offuscato la leadership di Trump e ha posto le luci della ribalta su Putin. Il palcoscenico è pronto per Putin e la Russia ad assumere la guida del mondo.

L’omicidio di Washington del generale Soleimani è un atto criminale che potrebbe far iniziare la terza guerra mondiale, proprio come l’omicidio serbo dell’arciduca austriaco mise in moto la prima guerra mondiale. Solo Putin e la Russia, con l’aiuto della Cina possono fermare questa guerra che Washington ha messo in moto.

Putin aveva capito per tempo che la destabilizzazione della Siria da parte di Washington / Israele era rivolta contro la Russia. Senza preavviso la Russia è intervenuta, ha sconfitto le forze della guerra per procura finanziate e armate di Washington e ha ripristinato la stabilità in Siria.

Sconfitti, Washington e Israele hanno deciso di aggirare la Siria e portare l’attacco alla Russia direttamente in Iran. La destabilizzazione dell’Iran serve sia a Washington che a Israele. Per Israele la morte dell’Iran interrompe il sostegno a Hezbollah, la milizia libanese che ha sconfitto due volte l’esercito israeliano e ha impedito l’occupazione israeliana del Libano meridionale. Per Washington la morte dell’Iran consente ai jihadisti sostenuti dalla CIA di portare instabilità nella Federazione Russa.

A meno che Putin non si sottometta alla volontà americana e israeliana, non ha altra scelta che bloccare qualsiasi attacco Washington / israeliano contro l’Iran.

Il modo più semplice e pulito di fare questo per Putin è l’annunciare che l’Iran è sotto la protezione della Russia. Questa protezione dovrebbe essere formalizzata in un trattato di mutua difesa tra Russia, Cina e Iran, con forse India e Turchia come membri. Questo è difficile da fare per Putin, perché storici incompetenti hanno convinto Putin che le alleanze sono la causa della guerra. Ma un’alleanza come questa impedirebbe la guerra. Nemmeno il folle criminale Netanyahu e i neoconservatori americani impazziti, anche se completamente ubriachi o illusi, dichiarerebbero guerra all’Iran, alla Russia, alla Cina e se inclusi nell’alleanza India e Turchia. Significherebbe la morte dell’America, di Israele e di qualsiasi paese europeo sufficientemente stupido da partecipare.

Se Putin non è in grado di liberarsi dall’influenza di storici incompetenti, che in effetti stanno servendo interessi a Washington, non della Russia, ha altre opzioni. Può calmare l’Iran dando all’Iran i migliori sistemi di difesa aerea russi con equipaggi russi per addestrare gli iraniani e la cui presenza serve da monito a Washington e Israele che un attacco alle forze russe è un attacco alla Russia.

Fatto questo, Putin non può quindi offrire, ma insistere sulla mediazione. Questo è il ruolo di Putin poiché non c’è nessun altro con lo stesso potere, con l’influenza e con l’oggettività da mediare.

Il lavoro di Putin non è tanto di salvare l’Iran, quanto di far uscire Trump da un collo di bottiglia dove lo hanno ficcato, una guerra persa che distruggerebbe Trump. Putin potrebbe stabilire il suo prezzo. Ad esempio, il prezzo di Putin può essere il rilancio del trattato INF / START, il trattato sui missili anti-balistici, la rimozione della NATO dai confini russi. In effetti, Putin è posizionato per richiedere tutto quello che vuole.

I missili iraniani possono affondare qualsiasi nave americana ovunque vicino all’Iran. I missili cinesi possono affondare qualsiasi flotta americana ovunque vicino alla Cina. I missili russi possono affondare le flotte americane in qualsiasi parte del mondo. La capacità di Washington di proiettare il potere in Medio Oriente ora che tutti, ex sciiti e sunniti e gli ex delegati di Washington come l’ISIS, odiano gli americani con passione è zero. Il Dipartimento di Stato ha dovuto ordinare agli americani di uscire dal Medio Oriente. In che modo Washingon conta come una forza in Medio Oriente quando nessun americano si trova al sicuro lì?

Guardia d’onore cinese per Putin

Naturalmente Washington è stupida nella sua arroganza e Putin, la Cina e l’Iran devono tenerne conto. Uno stupido governo è in grado di rovinare non solo se stesso ma anche gli altri.

Quindi ci sono rischi per Putin. Ma ci sono anche rischi per Putin se non riesce a farsi carico. Se Washington e Israele attaccano l’Iran, che Israele tenterà di provocare con un evento di falsa bandiera mentre affonda una nave da guerra americana e incolpa l’Iran, la Russia sarà comunque in guerra. Meglio che l’iniziativa sia nelle mani di Putin. E meglio per il mondo e la vita sulla Terra che sia la Russia al comando.

Fonte: Paul Craig Roberts *

N.B. Una traduzione di questo articolo è stata pubblicata su un importante sito web russo, Svobodnaya Pressa, il 6 gennaio

* Paul Craig Roberts (nato il 3 aprile 1939) è un economista e autore americano. Precedentemente ha ricoperto un ufficio di gabinetto nel governo federale degli Stati Uniti (sotto Reagan) e ha insegnato in diverse università statunitensi. È un promotore dell’economia dal lato dell’offerta e un oppositore della recente politica estera degli Stati Uniti.

Traduzione: Sergei Leonov

12 Commenti

  • Idea3online
    6 Gennaio 2020

    Coincidenza:

    Guaidò non nuoce più, proprio adesso, come fosse un regalo, il significato……Putin eccoti fuori gioco Guaidò, non fare mosse azzardate in Medio Oriente, per favore stai lontano, ti doniamo Guaidò. Gli USA possono tutto…..cosa farà Putin?

    Si incamminerà ancora una volta dalla parte sbagliata della Storia made in USA, ed come in Ucraina, desidererà fare scacco matto agli USA in Medio Oriente.

  • Franco
    6 Gennaio 2020

    Sono considerazioni, commenti forse auspici, ma in realtà nessuno conosce tutte le variabili in gioco.
    Cosa guadagna Putin a fare da barriera agli Usa in Iran?
    Quali interessi ha da difendere in Iran?
    Ci sono basi militari russe da mantenere?
    Ci son alleanze economiche di grande interesse?
    Ci sono vie di comunicazione vitali che gli sarebbero precluse?
    Purtroppo l’Iran, non offrendosi a intese militari di alto livello con la Russia, si è isolata e oggi è sola, come è solo l’Iraq. Forse Iran e Iraq possono essere utile merce di scambio per la vittoria in Siria e nel Donbass

  • michele
    6 Gennaio 2020

    la russia è circondata da basi usa….tutto il mondo è circondato da basi usa.
    la russia non può fare quasi nulla in medio oriente se gli usa non lo permettono,lo hanno dimostrato più volte con abbattimenti di aerei russi x procura…..ottenendo sempre la medesima risposta,solo proteste e qualche batteria antiaerea in + ma inutilizzata se non contro alcuni droni casalinghi e forse qualche missile,ma nulla di tangibile.

  • VUK
    6 Gennaio 2020

    Kiev è la capitale dell’ortodossia quando a Mosca c’erano capanne a kiev sorgevano basiliche ortodosse. Kiev è per la Russia quello che Torino rappresenta per l’unità d’Italia e quindi val bene una guerra. Dubito che per i persiani i russi siano disposti a combattere.

  • atlas
    6 Gennaio 2020

    leggendo l’articolo (e meno i commenti da menagramo) le considerazioni che faccio mie sono: la Turchia non interverrà, ha altro da fare. La Cina starà attenta; ma coprirà più il suo fianco con la Corea del nord. L’India potrebbe mettersi direttamente in gioco

    la nato non si ritirerà da intorno la Russia, anzi incrementerà

    la Russia non attaccherà mai per prima, ma alla fine reagirà. E si sta preparando a farlo, bene e con efficienza, senza guardare in faccia nessuno. Quindi è solo questione di tempo, questo sì che nessuno lo può prevedere quanto, poi certo, si sarà un pò tutti contro tutti. Daltronde il mondo doveva finire prima o poi

    • Eugenio Orso
      6 Gennaio 2020

      Il mondo dovrà finire, prima o poi …
      Fra circa 4 miliardi di anni, quando il sole diventerà nova, sarebbe meglio che fra qualche mese …
      In ogni caso, non vorrei che il mondo finisca (leggi la specie umana) per il libero mercato, la democrazia. i diritti delle minoranze e tutte le bestialità che ci stanno mandando a fondo.

      Cari saluti

      • Teo
        7 Gennaio 2020

        La china è stanca di subire.
        Io qui ci vivo… Ne hanno le balle piene.
        Reagiranno a tempo debito.
        Prima devono ultimare l ammodernamento della flotta.

      • atlas
        7 Gennaio 2020

        caro Eugenio quì si entra in considerazioni di carattere materialistico/religioso e ognuno ha le sue risposte

        piuttosto segnalo a tutti i commentatori, ma anche alla redazione che in passato vi ha indulto, alle relazioni di merdogan, che non sono inutili come sed vaste questo interessante articolo molto tecnico di Maurizio Blondet

        https://www.maurizioblondet.it/specialisi-americani-sono-arrivati-in-turchia-per-studiare-gli-s-400-russi/

        …mi chiedo poi come farà merdogan a sostenere l’intervento in Libia visto che i piloti e tanti delle ff.aa., la maggior parte, sono tutti in galera. E’ lampante che agirà di concerto con la nato solo con i mercenari dalla Siria avendo solo ruoli di raccordo militare in ambito nato che vuole, per adesso, non figurare ufficialmente; e il perchè è chiaro: in Libia sono troppo vicini, anche geograficamente, interessi intrecciati direttamente europei

        a me è questo il fronte che più mi preoccupa e dalle evoluzioni imprevedibili. E’ troppo vicino a noi. L’Egitto entrerà in guerra direttamente, sicuro, è da sempre contro la fratellanza salafita senza alcun compromesso e in Turchia e Tunisia comandano loro adesso. Mi ricordo in ambasciata ad Algeri già nel 1998 i contatti con la massoneria che predominava le università algerine ad es.

        lì c’è il gasdotto. Per adesso l’Algeria che da sempre è stata in orbita russa pare stabile a contenere il riflusso sovversivo nelle piazze istigato dalle centrali NATO, ma se nei prossimi mesi dovesse andare al potere il PD in usa le cose potrebbero cambiare. Haftar non si tira indietro (e meno male) contro la fratellanza salafita democratica a Tripoli. E’ muro contro muro, ferro contro ferro

  • eusebio
    6 Gennaio 2020

    La Russia e la Cina sono obbligate ad intervenire, l’Iran è il primo fornitore di petrolio per la Cina, la Russia alla fine degli anni novanta si è trovata un califfato wahabita in Cecenia che faceva attentati a Mosca, il momento non è mai stato tanto favorevole per le due potenze eurasiatiche, con la Cina prima potenza industriale globale e la Russia sesta nella classifica del PIL secondo il potere per parità di acquisto, mentre per gli USA questa è l’ultima finestra per rimanere la maggiore potenza mondiale, il loro debito pubblico è arrivato a 22 trilioni di dollari e all’estero i loro titoli di stato non hanno più credito, li deve comprare tutti la FED, anche quelli che cede la Cina sul mercato, sono obbligati alla guerra perchè metà dei loro miliardari sono ebrei e se dovesse arrivare una crisi finanziaria peggiore del 2011 perderebbero i loro patrimoni e il loro potere interno, così come gli USA perderebbero il loro potere esterno, e per i cittadini americani nel loro complesso sarebbe un bene, niente più spese militari vicine al trilione di dollari l’anno, niente più guerre da un trilione di dollari l’una nè migliaia di caduti, mutilati o traumatizzati, ma per lo stato ebraico senza più l’ombrello militare USA sarebbe la fine, l’Asse sciita ormai è troppo potente e le petromonarchie in bancarotta, gli ebrei dovrebbero evacuare la Palestina e non saprebbero dove andare, l’Europa è semi-islamizzata e li odia, negli USA sanno bene che la semibancarotta in corso e le migliaia di caduti sono colpa di Israele, devono cercare di abbattere l’Iran adesso.
    Ancora si illudono di attuare il piano kivunim frantumandolo ma l’Iran a differenza di Israele è un vero stato nazionale e combatterà fino alla vittoria, appoggiato da Cina e Russia.

  • Mardunolbo
    7 Gennaio 2020

    Concordo con l’analisi di Eusebio ! Ricordo che misi un commento auspicando che il governo iracheno emettesse una legge di espulsione delle basi Usa. Così è stato fatto ed è il primo passo.
    Il secondo dovrebbe essere una richiesta formale di aiuto alla Russia ed alla Cina.
    Si bloccherebbe così ogni possibilità di ritorsioni americane contro il paese che devastarono e che obbligano, adesso, ad inginocchiarsi a loro. Spero che con un sussulto di dignità che i paesi medio-orientali hanno, più dell’Italia dei vermi, passino alla seconda fase di richiesta di amicizia con Russia e Cina….

    • Teo
      7 Gennaio 2020

      Concordo…
      Ma l. Iran avrebbe già dovuto autorizzare la presenza di militari russi e chinesi…
      Oggi la situazione sarebbe molto più favorevole…

      • atlas
        7 Gennaio 2020

        teo, Russia e Cina sono GIA’ in Iran da tempo, come Venezuela e Corea del nord, ma non possono e non devono farlo ufficialmente, per strategie. Perchè l’Iran se attacca o si difende, o cmq entra in guerra direttamente con il giudeo, nella situazione attuale non deve compromettere altri e quindi non deve avere vincoli. E’ un avamposto e dev’essere libero di farlo. Ed è una Nazione grande abbastanza per contenere qualsiasi aggressione, tranne l’atomica certamente. Ma in quel caso chi già gli è dietro, anche con armamenti da almeno gli anni ’90, si farebbe sentire e lo impedirebbe. Diverso invece il discorso della vicina Siria, dove la Russia ha sue basi ed è alleato ufficialmente riconosciuto

        gli usa non hanno attaccato nemmeno la Corea del nord. Perchè ? Eppure hanno loro basi in Corea del sud.

        Non ci sono basi cinesi o russe in Corea del nord. Eppure Cina e Russia vi sono dietro

Inserisci un Commento

*

code