L’opinione di un esperto militare USA sulle motivazioni dell’atto di guerra contro l’Iran

placeholder

Il Colonello Doug Macgregor, già candidato per le posizioni di Segretario alla Difesa USA e Consigliere per la Sicurezza Nazionale durante la prima amministrazione Trump, esprime le sue valutazioni sulle ultime mosse dell’amministrazione Trump.

1) Israele ha cercato disperatamente di forzare una guerra con l’Iran, in parte per salvare il criminale di guerra Benjamin Netanyahu e in parte per continuare la sua strategia di destabilizzazione di lunga data per dividere e conquistare il Medio Oriente.

2) Il principale conflitto di guerra in Iraq venne fatto da Israele e dai curdi, con le forze statunitensi più simili a uno spettacolo di clown di supporto.

3) I “campeggiatori”,dimostranti presso l’ambasciata degli Stati Uniti, per fortuna dispersi ora, avevano lo scopo di ingannare il presidente Trump nel pensare che un assalto all’ambasciata fosse imminente, simile a quello avvenuto in Iran sotto il presidente Carter. Molti di noi hanno contribuito a porre fine a quello spettacolo teatrale.

4) Se Trump ha approvato questo assassinio, è stato ingannato nel pensare che fosse l’equivalente di un assassinio di Bin Laden (non importa se Bin Laden – e ISIS – erano entrambi creati dai sionisti e dalla CIA con finanziamenti e attrezzature del Pentagono) e non gli è stato spiegato che l’assassinio del maggiore generale Qassem Soleimani nel territorio iracheno è equivalente all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando che fu usato come casus belli per la prima guerra mondiale.

5) Trump è circondato da quattro reti patologiche di bugiardi: la classe West Point dell’esercito americano del 1986 (Esper, Pompeo, Urban), i sionisti evangelici cristiani (Pompeo, altri), gli agenti sionisti (Kushner, entrambi) e i sionisti della CIA (Brennan , Haspel, altri). Questo mentre il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien, sta facendo un lavoro straordinariamente buono nell’eliminare i difensori della guerra di Obama e gli agenti delle potenze straniere dal Consiglio di sicurezza nazionale, ma lui potrebbe non avere la sfumatura della storia e le attuali biografie necessarie per proteggere il Presidente di queste quattro reti di bugiardi che favoriscono la guerra con l’Iran ad ogni costo.

6) Sia gli Stati Uniti Mainstream Media (MSM) che i social media (#GoogleGestapo) sono impegnati nei desideri sionisti per la guerra con l’Iran, e attenti a coprire i veri costi delle nostre campagne militari in Medio Oriente, incluso quelli che sono noti come “Fallujah Babies” (bambini nati deformi) – il risultato dell’uranio impoverito utilizzato nella placcatura dell’armatura e proiettili perforanti.

7) Una risposta proporzionale da parte dell’Iran non sarebbe un bombardamento delle forze statunitensi nella regione, ma piuttosto l’assassinio, negli Stati Uniti, di Mark Esper (segretario alla difesa). Lo dico non per incoraggiare una simile reazione, ma per chiarire a tutti coloro che leggono questo articolo che questo è quello che gli Stati Uniti hanno fatto all’Iran, violando al contempo la sovranità irachena in un modo degno della Corte penale internazionale.

Tratto da Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM